19 dicembre 2019

Florida on the road: consigli di viaggio

Programmare un viaggio on the road in Florida è molto semplice e voglio lasciarvi alcuni consigli di viaggio dopo la vacanza che ho fatto nel gennaio scorso.

Sapete che la Florida è conosciuta come il Sunshine State?
Questo nome è dovuto al suo clima estremamente favorevole tutto l'anno, tanto che molti pensionati vengono qui a vivere ed è scelta per soggiorni lunghi da molti americani.

Questa era la mia prima volta negli States perciò non posso paragonarlo ad altre zone degli USA ma posso dire che la Florida è molto bella, ospitale, pulita e che offra anche una buona cucina, cosa che non mi aspettavo.

Florida on the road: spiaggia fort lauderdale
Spiaggia di Fort Lauderdale


Florida: quando andare


Il clima in Florida è molto buono tutto l'anno ma il periodo migliore per andare in vacanza va da novembre ad aprile quando le temperature sono gradevoli. In altri mesi possono essere troppo alte e soprattutto si sentirà un alto grado di umidità.
Da evitare la fine dell'estate quando sono probabili piogge e temporali o, ancor peggio, uragani.
Girando ancora oggi per la Florida si possono vedere i danni che hanno provocato il loro passaggio. Solitamente arrivano nel mese di settembre per cui, programmando una vacanza con largo anticipo, è bene evitare quel periodo.

targa auto florida come souvenir
Targa come souvenir di viaggio

Sicuramente il Sunshine State è una bella meta da considerare per le vacanze invernali perché si può tranquillamente andare in spiaggia e godersi giornate soleggiate a dicembre e gennaio, quando da noi fa freddo.

Florida on the road: cosa vedere


Organizzando un viaggio on the road in Florida si deve tenere conto di quanti giorni avremo effettivamente a disposizione e di quali siano i nostri interessi.

Spesso l'aeroporto di arrivo dall'Europa è quello di Miami e da lì si può pianificare il viaggio.
In una decina di giorni si possono visitare Miami, le Everglades e le Florida Keys e si può aggiungere qualche altra cosa da vedere, come il Kennedy Space Center o una giornata intera in spiaggia.

Dopo la mia esperienza di viaggio, se dovessi tornare, lascerei la visita di Miami per ultima dirigendomi subito verso sud per vedere le Everglades, entrando da Florida City.
Questa zona del parco, se si ama la natura e si desidera fare camminate, merita almeno un giorno e mezzo, due sarebbero anche meglio per fare attività sportive, come il kayak.
Il viaggio on the road potrà poi proseguire verso le Florida Keys che meritano un soggiorno di almeno tre giorni, consiglio sicuramente una notte a Key West che ho trovato davvero deliziosa.

cassetta postale a forma di lamantino
Cassetta postale a forma di lamantino a Key West

Tornando verso nord si potrà decidere se andare a Cape Canaveral al Kennedy Space Center oppure visitare uno dei tanti parchi tematici della zona di Orlando, soprattutto se si viaggia coi bambini. Tenete però presente che la città è molto lontana da Miami.

Il viaggio potrà poi concludersi a Miami riservando un giorno di visita alle Everglades entrando dalla parte più vicina alla città, la Shark Valley.
Lasciata l'auto si potranno visitare i suoi quartieri tipici della metropoli americana, come Little Havana, Downtown e Miami Beach.

spiaggia fort lauderdale
Spiaggia Fort Lauderdale

Avendo molti più giorni a disposizione si potranno visitare anche altre zone come quella sul golfo del Messico, dove si affacciano città come Naples e Tampa, e spingersi verso nord sino alla capitale Tallahassee.
Da qui si potrebbe tornare sulla costa atlantica per vedere St. Augustine, che dicono sia deliziosa, e fermarsi nelle bellissime spiagge di Cocoa Beach o Fort Lauderdale che assomigliano molto a quelle di Miami.
La Florida è così grande che occorrerebbe un mese per vedere solo le località più importanti.

A chi si era iscritto alla mia newsletter avevo regalato un esempio di itinerario, che lascio anche qui in versione PDF, dove sono indicate anche le spese per un viaggio di 10 giorni in due persone.

alligatore alle everglades
Alligatore alle Everglades

Florida: consigli su dove dormire


Gli alloggi a Miami sono abbastanza cari e la loro qualità non è rapportata al prezzo che si paga.
In altre zone ho trovato ottime sistemazioni anche in Motel che spesso sono dotati di microonde e bollitore così che si può scaldare qualcosa di pronto acquistato al supermercato.

Tra gli alberghi che ho provato personalmente consiglio sicuramente questi:

Florida: noleggio auto, Sun Pass e Toll Pass


Un viaggio on the road in Florida deve essere fatto con un auto a noleggio perché si ha la massima libertà di spostarsi che non si può avere utilizzando i mezzi pubblici.
Sicuramente consiglio di spostarsi a Miami in bus o in bicicletta e di prendere l'auto solo quando inizia il vero e proprio viaggio on the road.
Questo per il fatto che i parcheggi a Miami sono a pagamento, anche nelle ore notturne, e pure costosi.

Una cosa da sapere prima di noleggiare l'auto è che diverse strade come la Florida Turnpike sono a pedaggio con caselli automatici dove si paga solo con un sistema simile al nostro Telepass, con vignette da apporre sul parabrezza o con il Plate Pass.

incrocio a miami downtown
Downtown - Miami

Dopo la mia esperienza trovo che sia molto più comodo l'utilizzo del Plate Pass, ovvero un abbonamento che permette di percorrere tutte queste strade e le corsie preferenziali senza rischiare di dover pagare multe. In pratica per ogni giorno che si utilizzano le strade a pagamento verrà addebitato un costo direttamente dall'agenzia di noleggio.
Prima di partire avevo letto che si può evitare di percorre le strade a pagamento ma non credo sia semplice visto che le strade hanno tante corsie e diventa difficile capire quale usare mentre si è nel traffico, a volte caotico.

Perciò, quando si è all'autonoleggio,conviene acquistare anche il Plate Pass così da evitare problemi. L'unica cosa è che ogni compagnia applica una tariffa diversa e che viene detta solo al momento, perciò diventa complicato capire quale compagnia sia più conveniente.

tram colorato a miami
Tram a Miami

Con questo sistema è possibile percorrere qualsiasi strada senza rischiare multe. In alternativa si può usare il Sun Pass che è di due tipi, quello simile ai nostri Telepass e le vignette. In entrambi i casi si devono mettere sul parabrezza e perché funzioninovanno attivati online e va caricato un importo minimo di 10 $.
Per chi passa solo qualche giorno di vacanza in Florida non credo sia una soluzione molto comoda e veloce, in ogni caso trovate tutte le informazioni sul sito ufficiale.
Sicuramente si possono acquistare le vignette ma bisogna andare a cercare un posto che venda gli stick, un supermercato Publix, e sperare che vengano lette quelle e non il nostro numero di targa.

Le strade sono in ottime condizioni e con una segnaletica ottima ma conviene attivare il navigatore per essere sicuri di percorrere la via più breve tra una località e l'altra.

Un'altra cosa da sapere è che in quasi tutti gli incroci è sempre permessa la svolta continua a destra, tranne dove sia indicato diversamente.

Florida: quanto costa un viaggio


Quello che va a incidere maggiormente sul costo del viaggio in Florida è il prezzo del volo, per cui consiglio di acquistarlo con largo anticipo. Io mi sono trovata molto bene a volare con la Lufthansa da Milano con scalo in Germania.

Altro costo non irrisorio è quello degli alberghi, alle Keys è difficile trovarne a prezzi bassi.

Per quanto riguarda il cibo posso dire che i ristoranti sono abbastanza cari ma le porzioni sono abbondanti. Io ho mangiato spesso delle specie di piadine con dentro verdure, quando vedevo wrap sul menù sapevo di andare sul sicuro.

wrap con verdure e patatine fritte
Wrap con verdure e patatine fritte

Si può risparmiare mangiando dei sandwich o nei pub che vanno provati per la loro atmosfera. Seduti al tavolo o al bancone si mangia e si beve, attorno sono appesi gli schermi TV che trasmettono partite di baseball, football, golf ecc... questo fa capire quanto gli americani amino guardare lo sport. Per fortuna non c'è l'audio e si può mangiare in tranquillità!

Si deve tenere anche presente che al prezzo finale va aggiunta la mancia, obbligatoria, che a volte è già indicata nel totale.
Leggete bene la ricevuta che vi porta il cameriere per capire se è già inserita, per non darla due volte.
Non so se sia per le mance ma ho trovato tutti i camerieri estremamente gentili e premurosi.

Una cosa che non mi è piaciuta nei ristoranti è che si chiede una birra in bottiglia si debba berla a canna! Io imparato a chiedere quella alla spina che è anche una scelta più ecologica.

Queste sono sicuramente le voci di spesa più alte di un viaggio in Florida, mentre il noleggio dell'auto e il costo della benzina saranno relativamente bassi. Per il nostro itinerario abbiamo speso circa 80 € di benzina.

Perciò posso dire che la Florida può essere una meta costosa ma con le dovute accortezze può esserlo molto meno.

Ricordo anche di fare l'assicurazione viaggio, meglio averla nel caso si dovesse stare male perché lì le cure ospedaliere sono care, e l'ESTA che va richiesto sul sito ufficiale e poi sarà valido due anni.

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.