30 marzo 2021

OV-chipkaart: come funziona la carta dei trasporti

La OV-chipkaart è molto comoda per chi utilizza spesso i mezzi pubblici nei Paesi Bassi, anche solo per le vacanze.

La rete di trasporti pubblici olandese è molto efficiente e capillare e con questa carta magnetica, semplice da ricarica e da usare, si evita la preoccupazione di fare ogni volta il biglietto.

Vi spiego come funziona nei dettagli consigliandone certamente l'utilizzo.

OV-chipkaart: come funziona la carta olandese dei trasporti


Come funziona la OV-chipkaart

La OV-chipkaart è una carta magnetica che può essere di due tipologie: personale o anonima.

Per chi la usa solo in vacanza va benissimo quella anonima che può essere usata da più persone, ma non contemporaneamente.

La carta costa 7,5 euro ed è valida cinque anni, la data di scadenza è indicata sul retro sopra al numero identificativo della carta.

La OV-chipkaart si acquista nelle stazioni, nei chioschi, nelle edicole e in alcuni supermercati.

Una volta acquistata la carta dei trasporti per utilizzarla occorre caricare un credito sufficiente. La procedura è molto semplice: si passa la carta sul lettore che indica il credito residuo, si clicca sull'importo che si vuole inserire e si paga in contanti o con la carta di credito. Una volta fatto ciò si passa nuovamente la carta sul lettore per completare la procedura di ricarica.

Prima di salire su un mezzo di trasporto occorre fare il check-in, ovvero passare la carta sul lettore, una luce verde e un bip indicano che il credito è sufficiente.

Per utilizzare i treni NS il credito deve essere di almeno 20 euro, per quelli Arriva/Syntus e autobus Qliner Arriva di 10 euro e per gli altri mezzi pubblici di almeno 4 euro.

Nel caso di credito insufficiente si deve ricaricare prima di iniziare il viaggio. Molti tram ad Amsterdam hanno il bigliettaio a bordo per cui si può compiere questa operazione una volta saliti.


treno NS stazione Amsterdam
Treno Intercity NS

Il lettore nel quale passare la carta è differente a seconda del mezzo o della stazione ferroviaria. All'aeroporto di Schiphol ci sono delle colonnine gialle prima di scendere ai treni, in altre stazioni ferroviarie o della metropolitana i classici tornelli, sui bus e tram i lettori sono a bordo accanto alla porta.

Cosa importante bisogna ricordarsi di fare check-out prima di scendere dai bus e dai tram oppure di uscire dalle stazioni. In questo caso il lettore emette un bip differente rispetto a quello della salita.

Quando si passa la OV-chipkaart nel lettore viene scalato l'importo massimo. Quando si scende dal mezzo viene restituito l'importo eccedente, per cui se non si passa la carta si pagherà la cifra massima. Nel caso la tariffa da pagare sia maggiore verrà scalato dalla carta un importo superiore. Il prezzo del biglietto varia seconda dei chilometri percorsi.

Qui si vedono la ricarica effettuata alla stazione ferroviaria, il check-in e il check-out.

transazione ov-chipkaart

Spostarsi coi mezzi pubblici nei Paesi Bassi è molto semplice e grazie a Googlemaps si può verificare quale sia il percorso più rapido. Ad Amsterdam i tram nel centro sono molto frequenti, soprattutto nelle ore diurne. Nei giorni festivi hanno frequenze ridotte.

Alle fermate sui display si possono vedere i tempi di arrivo dei mezzi pubblici. Fuori città, dove non ci sono i display, si trovano gli orari appesi. In genere le corse vengono effettuate sino a tarda serata.

L'utilità della OV-chipkaart

La OV-chipkaart è molto utile per diverse ragioni:

  • si evita di acquistare ogni volta il biglietto
  • non si pagano 0,50 euro di extra per un singolo biglietto
  • si utilizza su tutti i mezzi pubblici
  • online si possono vedere i dettagli dell'utilizzo
  • validità di 5 anni

Innegabile la comodità di evitare la fila per fare ogni volta il biglietto, considerato che non a tutte le fermate dei bus c'è un'emettitrice. Per questo è bene tenere un credito sufficiente sulla carta.

Il costo dell'acquisto si ammortizza già facendo 15 viaggi.
Per chi si sposta con mezzi di diverse compagnie di trasporti diventa utilissima. Nella zona di Amsterdam si usa sui treni NS, sui tram GVB, sui bus Connexxion ed EBS e pure sull'isola di Texel.


Bus connexxion Den Helder

Online si può verificare il saldo della carta e facendo la registrazione tutti i movimenti. Il sito ufficiale della OV-chipkaart permette di fare questa operazione solo quando si è nei Paesi Bassi, si può ovviare utilizzando dall'Italia una rete VPN come ho spiegato nel mio post sull'altro blog.

Avendo una validità di 5 anni si può usarla in diversi viaggi e cedere anche a familiari o amici, che così non dovranno pagare l'importo per l'acquisto.

In ogni caso si può chiedere la restituzione del credito residuo, massimo di 30 euro, compilando un modulo.

Nel mio viaggio ho speso circa 90 euro in 10 giorni spostandomi in differenti zone dei Paesi Bassi, partendo da Amsterdam dove ho soggiornato alcuni giorni.

Ecco alcuni esempi:

una corsa in tram ad Amsterdam tra 1,30 e 1,50 euro
bus da Amsterdam ad Edam, passando per Marken e Volendam, circa 6 euro
bus da Edam a Den Helder circa 12 euro
treno da Zaandam ad Amsterdam 2,80 euro
treno da Schiphol ad Amsterdam centrale 4,50 euro

La OV-chipkaart personale

La OV-chipkaart personale può essere usata da chi è residente nei Paesi Bassi, Belgio, Germania oppure Lussemburgo. Si può richiedere online compilando un form e caricando una foto in formato digitale.

Rispetto a quella anonima può essere bloccata in caso di furto o smarrimento e vi si possono caricare abbonamenti mensili.

Anche questa ha una validità di cinque anni.


Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.