4 aprile 2019

Cosa vedere a Savona in un giorno partendo dal porto

La prima volta che sono stata a Savona è stata in occasione della mia crociera nel Mediterraneo e credo che molte persone passino dalla graziosa cittadina ligure per questa ragione.

Proprio dal porto può iniziare un itinerario di visita alla città di un giorno per ammirare le attrazioni più importanti.

Se si hanno più giorni a disposizione si può pensare di fare una capatina nei dintorni, visto che ci sono tanti bei borghi, come Bergeggi e Noli, spiagge e sentieri lungo i quali fare trekking.

Cosa vedere a Savona in un giorno partendo dal porto
L'ingresso alla fortezza


Proprio per questa ragione, la scorsa primavera, arrivai a Savona e rimasi colpita dalla sua bellezza, non la ricordavo così graziosa e animata.

Cosa vedere a Savona in un giorno


Lasciata l'auto nella zona del porto turistico, ho iniziato il mio girovagare in città, oltrepassando il ponte pedonale, subito attratta dalla presenza di tante torri.

La più vicina è quella Quarda o Torre di Leon Pancaldo, dal nome del celebre navigatore savonese che partì con Magellano per la circumnavigazione attorno al mondo.
Questa è il simbolo della città di Savona e faceva parte di un sistema difensivo a protezione del porto.


porto turistico di savona
La darsena

Volgendo lo sguardo a sinistra si vede una torre ben più alta: la Torre del Brandale che segna l'ingresso al centro storico.

La torre, risalente al XII secolo, era la più importante delle 50 torri presenti in città in quell'epoca. Sembra che sulla sua sommità venisse acceso un falò e avesse perciò la funzione di faro.

torre leon pancaldo nella darsena di savona
Torre Leon Pancaldo

Viene soprannomina la Campanassa perché all'interno si trova una campana del '300 che suona ancora oggi in occasioni di importanti eventi cittadini.
In realtà, questa torre intonacata e con l'orologio mi è piaciuta meno delle altre poste a suo fianco: la Torre Riario e quella Corsi.
Queste torri medievali, come le altre, subirono un affronto dopo la sconfitta coi genovesi perché vennero abbassate!

le torri di savona

Il mio giro in città di quel giorno è continuato lungo le viuzze cittadine per arrivare davanti alla Cattedrale dell'Assunta che spicca per la facciata neobarocca con molti elementi decorativi.
Proseguendo sono giunta davanti alla Cappella Sistina, che purtroppo ho trovato chiusa.

Savona è chiamata la città dei Papi proprio perché ha ospitato i papi Sisto IV e Giulio II che fecero erigere tanti monumenti religiosi nel centro storico, e la Cappella è uno di questi.

Visitando la Cappella Sistina, dalla facciata barocca, si possono ammirare gli interni rococò, il coro ligneo e gli appartamenti papali dove visse da prigioniero, durante la dominazione napoleonica, Papa Pio VII.

ingresso alla cappella sistina savona
L'ingresso alla Cappella Sistina

La mia passeggiata è continuata verso la Fortezza del Priamar che, grazie alla sua posizione strategica, veglia sopra la città.

In passato, sopra questa collina sorgeva il centro storico di Savona ma, quando la città venne conquistata dai genovesi, fu eretto, a partire dal 1542, il forte inglobando gli edifici preesistenti. Infatti, ancora si possono vedere i resti dell'antica cattedrale e della loggia del precedente castello.

L'entrata all'austero maniero è gratuita e si può passeggiare all'interno e salire sui bastioni per godere della vista panoramica sulla città e sul porto dove, immancabilmente, si vedono le navi da crociera.
Nella fortezza sono ospitati due musei: il Museo Pertini e il Museo Archeologico di Savona. Si può anche visitare la cella dove fu rinchiuso Giuseppe Mazzini nel 1830.

veduta di savona dalla fortezza priamar
Veduta della città dalla fortezza

Io, non avendo molto tempo a disposizione, ho preferito uscire e, superati i giardini pubblici, ritrovarmi nella bella passeggiata lungomare.
Sotto si trovano gli stabilimenti balneari e ancora una volta ho pensato di amare le città che hanno spiagge vicinissime al centro.

Certo queste non sono come quelle di Miami dall'aspetto caraibico ma sono attrezzate e offrono servizi ai bagnanti, quella libera però è piccolina. Invidio queste città di mare che rendono fruibile l'accesso, non come la mia Spezia dove, in passato, si è dato più valore al porto commerciale che ai servizi turistici.

Dopo essermi goduta un po' relax ammirando il mare, sono tornata in centro per cenare in uno dei tanti ristoranti che si trovano nel porticciolo turistico, vicinissimo al porto dove attraccano le navi da crociera.

antico lavatoio nella darsena di savona
Antico lavatoio

Arrivata alla darsena ho visto un bel lavatoio d'epoca, sono sempre contenta di trovare queste cose del passato nelle nostre città. I lavatoi, le fontane, i lampioni, le botteghe artigiane sono tutte cose che possono arricchire le città facendo ritornare i turisti indietro nel tempo, almeno per un giorno.

La scelta del locale per cenare è stata un po' casuale e ho apprezzato poter sedermi all'aperto, nella piacevole brezza marina, gustando buoni piatti della cucina ligure.

6 commenti:

  1. Nonostante le nostre continue incursioni in terra ligure, non siamo mai passati da Savona. Ma devo dire, leggendo, che sembra piacevole passeggiare e visitare i suoi monumenti. Concordo con te con il fatto che in tutte le città bisognerebbe preservare i piccoli simboli del passato, proprio come questo lavatoio. Sono queste cose che ti permettono di immergerti appieno nelle usanze locali, lasciandoti immaginare come possa essere stata la città in tempi remoti.

    RispondiElimina
  2. Non potevo esimermi dal leggere questo articolo, dato che sono savonese!! E purtroppo, come molte volte accade, non ho mai visitato alcuni dei posti che hai menzionato. Devo decidermi e prendermi una giornata per fare la turista nella mia città!

    RispondiElimina
  3. Non ho mai visitato Savona ma, dal tuo racconto e dalle foto, la passeggiata nella fortezza è ciò che mi ispira di più.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  4. Ma lo sai che quando sono stata a Savona non ho visto la Fortezza? potro essere così stupida? comunque ultimamente sto leggendo molti articoli su Savona e dintorni, sarà un segnale che ci devo ritornare? Lo faccio con immenso piacere. Mi segno anche le tue info

    RispondiElimina
  5. Bellissimo il lavatoio. Trovo questi luoghi davvero pieni di storia e di fascino. E sono anche molto instagrammabili. Io ne ho una gallery piena di quelli che trovo in giro per l'Italia. Potrei quasi dire che farei un giro a Savona solo per quello. Ma anche per tutto il resto, ovviamente. ;-)

    RispondiElimina
  6. Non avevo mai pensato a Savona come meta per una gita in giornata, invece sembra molto carina con le sue torri! Quando ci andrò seguirò certamente il tuo itinerario, grazie!

    RispondiElimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.