19 gennaio 2021

Edam: cosa vedere nel villaggio olandese

Edam è un grazioso villaggio olandese noto ai più per l'omonimo formaggio. Il paese si sviluppa lungo i canali ed è uno dei più caratteristici che ho visto durante il mio viaggio on the road nei Paesi Bassi.

Avendo qui il mio alloggio ho potuto girarlo anche di sera quando, camminando lungo le viuzze, si vedono gli interni delle case, i salotti, le persone che leggono o guardano la TV. Questa è una cosa molto curiosa e si deve alla religione calvinista, secondo la quale i cittadini onesti non hanno nulla da nascondere, perciò non usano tende oscuranti alle finestre.

Edam: cosa vedere nel villaggio olandese
Kwakelbrug


Cosa vedere a Edam

Edam si affaccia sull'IJsselmeer, o meglio sul Markermeer, e una volta era un porto da dove partivano i pescatori per la caccia alle balene.

La nascita del paese risale al XII secolo e per molto tempo fu un importante centro commerciale, assieme ad Amsterdam, Enkhuizen e Hoorn, quando furono sbarrati i fiumi nello Zuiderzee.

Nel 1357 ottenne lo status di città da Guglielmo V d'Orange e due secoli dopo fu costruita la pesa pubblica. Dopo vari incendi, che distrussero molti edifici, visse un periodo di grande splendore grazie alla pesca delle aringhe, all'industria casearia e ai cantieri navali.

Proprio al Secolo d'Oro, dal XVI al XVII secolo, risalgono gli edifici più caratteristici che si possono ammirare facendo una passeggiata tra vie del centro storico.

chiusa lungo canale Edam

Io sono arrivata a Edam nel primo pomeriggio facendo un giro in bici tra Volendam e la zona del Waterland. Nel paese ho visto un mulino a vento, che si trova appena fuori dal centro, e ho girato tra le vie che affiancano i canali trovandole molto tranquille, ben diverse da quelle dell'affollata Volendam.

Sono rimasta affascinata dai ponti levatoi in legno che attraversano i canali come il Kwakelbrug che è uno dei ponti più antichi di Edam, risale infatti al XVIII secolo, ed è diventato monumento nazionale.

Il ponte pedonale è molto stretto e attraversa il canale Boerenverdriet, accanto a un cantiere navale nel quale si vedono tantissime imbarcazioni.

Kwakelbrug e canale Boerenverdriet
Canale Boerenverdriet e ponte Kwakelbrug

Sono tornata qualche ora dopo per lasciare i bagagli in albergo e fare un giro nel paese, ormai quasi deserto dopo la chiusura dei negozi.

Sulla piazza principale, la Damplein, si affacciano il municipio e la pesa pubblica. L'edificio che ospita il municipio risale al 1737 e all'interno si può visitare la sala consiliare in stile rococò. Sulla facciata in mattoni spiccano l'ampio portale, incorniciato da un rivestimento di pietra grigia, e la torretta.

municipio di Edam

La pesa pubblica, in olandese waag, è del 1592 e all'interno si trova una mostra sul formaggio tipico. L'edam prodotto per il consumo locale ha un rivestimento in cera gialla, quello inviato all'estero in cera rossa, per distinguerlo dal gouda.

Damplein di Edam

Durante la mia visita tutti questi edifici erano chiusi perciò ho potuto solo osservarli dall'esterno. Sempre in centro si trova l'Edam Museum che è ospitato in un antico edificio in stile tardogotico del 1540 che si riconosce per il frontone caratterizzato da pilastri di mattoni che sembrano dita che si protendono al cielo. All'interno si possono vedere stampe, porcellane, documenti sulla storia locale.

Edam Museum

Passeggiare tra le vie del villaggio di Edam è come tornare indietro nel tempo e si respira un'atmosfera ben diversa da quella di altri paesi e della stessa Amsterdam. Seppure l'architettura degli edifici sia simile qui, lontano dal caos, si percepisce molta tranquillità.

Ho trovato davvero piacevole camminare osservando le case col caratteristico frontone sino ad arrivare alla Grote of Sint-Nicolaaskerk, la chiesa in stile tardo gotico del XVI secolo.

mulino a vento e speeltoren a Edam
Mulino a vento e Speeltoren

Sempre in pieno centro storico si può vedere la Speeltoren, la torre campanaria che apparteneva a una chiesa demolita alla fine dell'800, che si trova lungo una stradina con case in mattoni, poco distante da una chiusa su un canale.

Baanbrug Edam
Baanbrug

Edam è davvero un bel villaggio e la sera sembra quasi un paese fantasma senza nessuno in giro, ma qui è tutto così tranquillo che si può passeggiare senza alcun timore. Come dicevo, si vede lo scorrere della vita serale degli abitanti ma è meglio non soffermarsi troppo davanti alle finestre che si affacciano sulla strada per non diventare inopportuni.

canale Boerenverdriet Edam

Dove mangiare a Edam

A Edam ci sono diversi ristoranti che servono piatti della cucina tipica e tra i più noti c'è il De Fortuna che è anche un albergo. Uno degli edifici che lo ospita risale al 1654 ed è davvero bello. I prezzi del ristorante, menzionato sulla guida Michelin, sono un po' altini.

edifici antichi Edam

Io ho cenare al ristorante La Galera Café de Gevangenpoort, anche questo si trova in un edificio in mattoni rossi con sala interna e una terrazza prospiciente il canale. Dovrebbe servire cucina italiana ma i proprietari non vengono dal nostro Paese.

Ho scelto questo ristorante per l'ampia scelta del menù con piatti vegetariani e ho optato per mangiare una buona pizza, accompagnata da una birra, e da frutta. Mi è stato offerto come antipasto un delizioso formaggio che, come vedete dalla foto, assomiglia a una pallina di gelato.

cena ristorante La Galera Edam

Dove dormire a Edam

Edam è ben collegata con le altre località dei dintorni e perciò può essere una buona scelta per alloggiare e da qui girare gli altri paesi con facilità.

Io sono stata solo una notte dormendo all'albergo De Harmonie che è una guest house con sotto un pub che lo scorso settembre era chiuso, altrimenti avrei cenato lì.

Le ampie stanze sono nel sottotetto e sono curate in ogni dettaglio. La mia aveva l'angolo cottura e la vista sui giardini delle case attigue. Nel mio viaggio nei paesi Bassi ho trovato alloggi bellissimi e questo è il più tipico proprio perché ospitato in un antico edificio.

albergo De Harmonie Edam

La colazione è servita al piano terra ed è abbastanza varia.

Nel villaggio di Edam ci sono altri alloggi come il già citato De Fortuna, dislocato in cinque edifici che si affacciano su uno dei canali più belli, oppure il Damhotel, che si trova sulla piazza del municipio in pieno centro storico.

albergo De Fortuna a Edam

Come arrivare a Edam

Appena fuori del centro c'è la stazione dei bus che collegano Edam alle altre località dei dintorni come Volendam, Hoorn, Den Helder e Amsterdam.

I bus sono molto frequenti, anche a tarda sera, e lungo la via principale ci sono diverse fermate dove scendere. Googlemaps nei Paesi Bassi si è rivelato molto preciso nell'indicare le fermate dove prendere i bus per raggiungere la località che desideravo e per gli orari delle corse. Alle fermate sono quasi sempre indicate da pannelli luminosi che indicano quando arriverà l'autobus successivo.


Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.