9 febbraio 2021

Haarlem: cosa vedere in un giorno

Haarlem è una deliziosa cittadina attraversata dal fiume Spaarne che esalta la bellezza degli edifici che vi si affacciano.

Villaggi e città olandesi sono tanto caratteristici proprio per essere immersi nella natura e perché l'acqua, simbolo di vita, accresce il loro fascino.

La città, abitata per oltre la metà da una popolazione di origine fiamminga, fu un importante centro per il commercio di seta e lino, per la fabbricazione della birra e per la coltivazione dei tulipani.

Oggi, girando per il centro storico, si possono vedere edifici che rappresentano la sua storia.

Haarlem: cosa vedere in un giorno


Cosa vedere nel centro di Haarlem

Arrivano a Haarlem in treno si scende in una bellissima stazione Art Nouveau, l'unica nei Paesi Bassi realizzata in questo stile, con la struttura in legno e ferro battuto che sembra portarci indietro nel tempo. Non è neppure paragonabile a quella di Utrecht, troppo moderna e con l'uscita che conduce verso un immenso centro commerciale.

Per arrivare nel centro storico si fa una passeggiata lungo una delle vie principali dello shopping, attraversando un bel ponte, per raggiungere il dedalo di viuzze che convergono nel cuore della città.

stazione ferroviaria Haarlem
L'interno della stazione

La Grote Markt, la piazza del mercato, è il luogo più bello di Haarlem per i numerosi edifici che l'attorniano e per la sua ariosità. L'unica cosa negativa, che l'accomuna un po' a tutte le piazze delle città, è che gran parte è occupata dai tavolini di bar e ristoranti per cui molti palazzi rimangono semicoperti ed è un peccato non poterli osservare nella loro interezza. 

Grote Markt Haarlem

Arrivando nella piazza lo sguardo viene attratto dalla chiesa di San Bavone, in olandese Grote of Sint-Bavokerk o Grote-Kerk. L'edificio di culto calvinista è realizzato in stile brabantino con un doppio portale con porte rosse e una grande polifora gotica murata. Spiccano sulla facciata i due rosoni e sui lati grandi quadrifore e guglie. Questa è la chiesa più grande dei Paesi Bassi con volte alte ben 43 metri. All'interno si possono ammirare un soffitto in legno, le vetrate colorate e l'organo decorato che venne suonato anche da un Mozart bambino e da Handel.

Chiesa San Bavone Haarlem

Al centro della piazza si può vedere la statua di Laurens Janszoon Coster, il primo tipografo olandese che visse tra il 1370 e il 1440. Per secoli fu considerato l'inventore della stampa. 

Su un lato della Grote Markt si trova lo Stadhuis, il Palazzo Comunale. In origine fu costruito in legno e poi nel XIV in laterizio. Questo è uno degli edifici più belli della città con un mix di stile gotico, rinascimentale e barocco. Spicca nella piazza con la facciata dal frontone a gradoni e un delizioso balcone coperto.

All'interno del palazzo si può visitare la Sala dei Conti, la Gravenzaal, dove sono esposti i ritratti dei Conti d'Olanda che sono copie di affreschi più antichi che erano presenti nel convento dei Carmelitani, inglobato da questo edificio.

Standhuis a Haarlem
Standhuis

Sempre nella Grote Markt si può vedere il Vleeshal, il Mercato delle carni, che fu costruito nel 1601 perché era necessario uno spazio molto grande per questa attività che in precedenza si svolgeva in tanti edifici sparsi per la città.

Rimase in uso sino al XIX secolo quando divenne sede della guarnigione della città e poi archivio nazionale. L'edificio è in stile rinascimentale olandese che mescola elementi gotici alle decorazioni a bugnato.

Vleeshal Haarlem
Vleeshal

Si può girare Haarlem senza punti di riferimento perdendosi nelle De Gouden Straatjes, le stradine d'oro, che si snodano attorno alla piazza. Qui si trovano numerosi ristoranti, negozi dove acquistare oggetti dal design esclusivo oppure vintage.

Un'altra bella zona della città è quella che si affaccia sullo Spaarne dove si trova anche l'antica pesa pubblica, in olandese Waag, ora trasformata in ristorante.

Gravestenenbrug Haarlem

Questa parte di Haarlem è meno affollata e si possono ammirare le caratteristiche case olandesi con il frontone triangolare e poi attraversare il Gravestenenbrug per raggiungere un'area con edifici più moderni ma che riprendono lo stile tradizionale. Qui è un piacere girare nelle viuzze quasi deserte per arrivare all'Amsterdamse Poort, la Porta di Amsterdam. Questa era una delle 12 porte di accesso alla città ed è l'unica che rimane in piedi, anche le mura sono andate distrutte.

Amsterdamse Poort Haarlem

Proseguendo la passeggiata lungo il fiume si arriva al Molen De Adriaan un mulino di forma esagonale del 1779, distrutto dopo l'incendio del 1932 e ricostruito di recente per essere trasformato in museo.

Purtroppo non mi è stato possibile visitare l'interno perché la visita guidata, durante la quale viene spiegato il funzionamento dei mulini a energia eolica, sarebbe iniziata dopo due ore. Non volevo stare tanto tempo ad aspettare e perciò mi sono accontentata di girare in questo quartiere e di scattare tante foto del mulino da diverse angolazioni e dall'altro lato del fiume per poi dirigermi nuovamente verso il centro città.

Molen de Adriaan Haarlem

A Haarlem è possibile visitare diversi interessanti musei come il Museo Frans Hals che ospita capolavori del XVI e XVII secolo tra i quali gli schutterstukken, dei ritratti di gruppo delle guardie civili dell'epoca. Questi ritratti di Hals sono molto realistici e si apprezza la sua abilità nel dipingere le espressioni del volto.

Sotto l'insegna di questo museo che si trova al limite del centro storico è stato incorporato il Museo De Hallen che è ubicato nell'antico mercato delle carni.

Nel centro storico di Haarlem si trova il più antico museo dei Paesi Bassi, ovvero il Museo Teylers che fu inaugurato nel 1784. All'interno si può vedere la collezione d'arte lasciata dal mercante di stoffe Pieter Teyler van der Hulst oltre a fossili e minerali e strumenti quali magneti, telefoni e microscopi. Un museo che unisce collezioni d'arte e scientifiche.

Per le informazioni sulle visite e gli orari vi rimando al sito ufficiale.

museo teylers sul fiume
Il museo affacciato sul fiume

Come in altre città olandesi anche a Haarlem si possono vedere i cortili, ovvero luoghi dove vivevano assieme anziani o persone non sposate. Trovo che questa sia una cosa molto bella e che dovrebbe tornare in auge per avere spazi di socializzazione per chi rimane solo e non ha una famiglia.

Queste residenze erano finanziate da persone benestanti oppure da comunità ecclesiastiche e chi abitava qui riceveva un'indennità mensile, cure mediche e alcuni generi alimentari. In città ne esistevano ben 40, ora ne sono rimasti 22. 

Uno dei cortili che ho intravisto passando in Kruisstraat 44 è l'Hofje van Oorschot, il più antico di Haarlem visto che risale al 1395. Dal cancello si possono vedere i giardini ben curati che danno un senso di serenità. Ancora oggi questi cortili sono abitati spesso da persone single.

Hofje van Oorschot Haarlem

Escursioni da Haarlem

Haarlem può essere visitata in un solo giorno ma per conoscere la bellezza dei dintorni consiglio l'escursione al Parco nazionale Zuid-Kennemerland che si trova a soli quattro km dal centro.

Si può raggiungere in auto oppure col bus 81 che parte ogni mezzora dal piazzale davanti alla stazione ferroviaria. La scelta migliore è quella di noleggiare una bicicletta per usarla così anche all'interno del parco che occupa una superficie di 38 chilometri quadrati.

Qui si è immersi nella natura in mezzo alle dune di sabbia e alle spiagge del Mar del Nord che ricordano un po' quelle dell'isola di Texel. All'interno del parco si possono vedere molti animali selvatici come daini e caprioli tra gli arbusti di olivello spinoso, biancospino e rosa canina. Nei prati crescono molti fiori e svolazzano le farfalle. 

Nel parco vivono i bisonti, introdotti nel 2007 in un'area non accessibile al pubblico ma si possono vedere dalle piattaforme per l'osservazione e da un sentiero che però rimane chiuso dal 1 marzo al 1 settembre, periodo della riproduzione.

Altri animali che sono stati introdotti nel parco nazionale sono i pony e i bovini delle Highland.

Per organizzare la visita del parco a piedi, in bicicletta oppure a cavallo vi rimando al sito ufficiale dove è presente anche la mappa del territorio.

In alternativa si può fare l'escursione di mezza giornata alle dune di Bloemendaal passando accanto a residenze storiche e tenute per terminare il giro di tre ore e mezza sorseggiando un drink in riva al mare.

centro storico vicino fiume spaarne Haarlem
Edifici che si affacciano sul fiume Spaarne

Haarlem da bere

Haarlem è stata un importante centro per la produzione della birra che veniva fatta con l'acqua del fiume. Per diversi secoli, a causa della crisi economica, i birrifici chiusero i battenti. 

Ora la produzione è ripresa e consiglio una sosta nell'ex chiesa Jopenkerk che è stata trasformata in pub. Alla birreria Jopen si possono assaporare tante varietà di birra artigianale e fare degustazioni con tre birre e i relativi piatti abbinati, non adatti però a chi è vegano.

birrificio Jopen Haarlem

Come arrivare a Haarlem

Haarlem dista solo 20 km da Amsterdam e si può arrivare con facilità in treno che impiega 30 minuti e transita molto frequentemente. Il biglietto costa 4,50 €.

In città è possibile muoversi a piedi per ammirare la bellezza delle sue vie e dei canali oppure si può optare per un tour in bicicletta di due ore per andare alla scoperta dei monumenti più importanti.


Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.