24 dicembre 2020

Da Manarola a Riomaggiore lungo la Via Beccara

La Via dell'Amore che collega Manarola a Riomaggiore è chiusa da diversi anni, perciò per andare da una all'altra località è possibile percorrere la Via Beccara.

Questo è stato l'unico percorso che collegava i due borghi delle Cinque Terre sino agli anni '20 quando iniziò la costruzione della ferrovia e con essa il sentiero costiero.

L'antica via che passa tra i vigneti è stato riaperta dopo lunghi lavori serviti a mettere in sicurezza il tracciato, le frane spesso mettono a rischio il fragile territorio del Parco nazionale.

Da Manarola a Riomaggiore lungo la Via Beccara
Manarola


La Via Beccara da Manarola a Riomaggiore

La Via Beccara che collega i due borghi è indicata nella segnaletica del CAI col numero 531 e coincide per un tratto col sentiero verde azzurro Liguria che da Luni arriva a Ventimiglia e del quale ho scritto una guida.

Il sentiero è molto ripido e presenta alti gradoni perciò lo sconsiglio a chi non è abituato a fare trekking, in ogni caso è opportuno calzare scarpe adatte al cammino.

Itinerario: Manarola - Riomaggiore
Sentiero: 531
Dislivello: quota massima 240 metri
Lunghezza: circa 1,4 Km
Tempo di percorrenza: 1 ora
Difficoltà: EE

Il tracciato inizia vicino alla chiesa di San Lorenzo a Manarola e subito diventa una ripida scalinata che sale tra i campi coltivati e l'alta macchia.

via beccara da Manarola a Riomaggiore

I gradoni sono alti e di diversa altezza e in alcuni tratti il sentiero diventa pianeggiante per dare tregua alle ginocchia.

Volgendo lo sguardo verso Manarola si può vedere, nei mesi invernali, il presepe sulla collina di fronte. Questo è il famoso presepe luminoso creato anni fa dal ferroviere in pensione Mario Andreoli.

presepe collina manarola
Il presepe visto dall'alto

A metà percorso si arriva a Costa del Corniolo sopra lo sperone roccioso che separa i due borghi della riviera ligure di levante.

Dal pianoro si vedono, guardando verso l'entroterra, i paesi di Volastra e Groppo e sul tratto costiero Corniglia e il promontorio di Punta Mesco, oltre il borgo di Monterosso.

Appena iniziata la discesa si vede il paese di Riomaggiore, purtroppo il panorama col ponte della strada provinciale sullo sfondo non è il massimo.

Riomaggiore vista da Costa Corniolo

La discesa è molto ripida, alla pari della salita, e qui si passa quasi sempre tra i vigneti che in inverno sono spogli.

Questo è il video del mio trekking:



Lungo gran parte del sentiero corre la monorotaia a cremagliera utilizzata per trasportare le ceste d'uva e tutto ciò che è necessario per la manutenzione dei vigneti e della rete sentieristica. Questa monorotaia facilita il duro lavoro dei campi, pensate che sino a pochi anni fa tutto era trasportato a spalla verso le strade più vicine o ai paesi.

ponte sul rio finale a Riomaggiore

Dopo alcuni metri di discesa sulla sinistra si stacca un sentiero quasi pianeggiante che porta verso la strada provinciale in località Corniolo. La Via Beccara scende, invece, sempre ripida sino ad arrivare al ponticello in pietra che scavalca il Rio Finale.

Da qui si sale al parcheggio di un condominio e la camminata può concludersi scendendo a destra verso Via Signorini che porta alla stazione ferroviaria di Riomaggiore, dove inizia la Via dell'Amore che però è chiusa. 

Proseguendo a sinistra si può visitare il centro storico del borgo delle Cinque Terre, cosa che consiglio di fare. In quella direzione c'è anche il sentiero che porta verso Monte Nero e successivamente a Portovenere.

via signorini riomaggiore

Percorre la Via Beccara fa capire come i collegamenti tra questi borghi rivieraschi fossero difficili. Già noi che camminiamo con uno zainetto fatichiamo a salire e scendere, pensate come fosse dura in passato per gli abitanti percorrerli portando gerle o ceste.


Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.