28 maggio 2019

Istanbul: informazioni pratiche per un viaggio fai da te

Sognavo Istanbul da molti anni, lo testimonia la mia vecchia Lonely Planet acquistata 10 anni fa, e finalmente sono riuscita ad andare in vacanza organizzando un bel viaggio fai da te.

Prima di partire, come sono solita fare, avevo cercato informazioni pratiche sulla città: come spostarsi, come arrivare dall'aeroporto, dove soggiornare, cose insolite da vedere.

Dopo la mia esperienza diretta racchiudo qui alcune informazioni che spero possano essere utili a molti di voi quando andrete a Istanbul.

Istanbul: informazioni pratiche. vista dalla torre di galata
Panorama dalla Torre di Galata


Istanbul: come arrivare


Dall'inizio di aprile 2019 è diventato completamente operativo il nuovo aeroporto, İstanbul Yeni Havalimanı, dove atterrano i voli internazionali e quelli nazionali.
L'aeroporto di Istanbul dovrebbe diventare il maggior scalo al mondo per numero di passeggeri.
Io sono atterrata proprio qui, arrivando dalla Cappadocia, e devo dire che l'ho trovato molto funzionale, ma con alcune cose da mettere appunto come le procedure d'imbarco.

area imbarchi nuovo aeroporto istanbul

Resta operativo l'altro aeroporto cittadino di Sabiha Gökçen, situato nella parte asiatica della città, servito da diverse compagnie low cost.

Come arrivare in città dall'aeroporto


Dal nuovo aeroporto di Istanbul (IST) si arriva in città in circa 40 minuti, quando non c'è traffico, grazie al servizio shuttle della HAVAIST che servono diversi punti della città.
I bus partono dal piano inferiore dell'aeroporto e si deve pagare il biglietto con la card che si può acquistare alle macchinette e che servirà anche per spostarsi in città.
Sul sito si possono vedere gli orari di partenza e le tratte servite, solitamente i turisti soggiornano nelle zone di Sultanahmet-Eminönü oppure Taksim, perciò le linee da guardare sono queste.
Il prezzo attuale di una corsa è di 18 TL ovvero poco più di 2 euro.

Arrivando all'aeroporto di Sabiha Gökçen (ISG) ci sono ugualmente shuttle o bus per arrivare in centro città.

halic-bridge-istanbul
Haliç Bridge: per pedoni e metropolitana


Come spostarsi a Istanbul: la Istanbul Kart


La città di Istanbul è servita da una fitta rete di trasporti pubblici per cui spostarsi non è certo un problema.
Arrivando all'aeroporto si può fare già lì la Istanbul Kart, una tessera magnetica che consente di utilizzare tutti i trasporti pagando una tariffa che varia a seconda della linea utilizzata. La stessa card può essere usata da più persone.
La macchinetta automatica dà informazioni in tante lingue, compreso l'italiano, per cui è facilissimo utilizzarla, sia per fare la card sia per ricaricarla.
La prima volta si deve acquistare la card e in contemporanea fare una ricarica, la card costa 6 TL che dovrebbero essere restituite, assieme al credito non utilizzato, se si riconsegna ma io non l'ho fatto.
Per ricaricare si poggia la card sul lettore posto a destra e si inseriscono i soldi nella fessura in alto. Prende solo una banconota alla volta per cui, se si desidera mettere più banconote, va ripetuta l'operazione.
Poggiando la card sulla macchinetta, oppure ogni volta che si utilizza, viene visualizzato il saldo residuo.

istanbul kart e museum pass

Questa card dei trasporti è comodissima e credo che sia indispensabile perché non ho visto altri modi per pagare i biglietti dei trasporti pubblici.

Si può utilizzare sui bus, si passa sulla macchinetta per la convalida all'entrata, sui tram, si passa ai tornelli, dove c'è sempre un controllore, per i battelli che fanno la spola tra i diversi imbarcaderi della città.

terminal traghetti di eminonu
Il terminal traghetti a Eminönü

Sul sito della compagnia di trasporto si possono visualizzare le diverse linee e i prezzi dei biglietti. Rispetto a quelli che paghiamo da noi sono irrisori: ovvero 1,85 TL, meno di 30 centesimi di euro, per una singola corsa oppure 5 TL per una traversata in battello.

Io ho utilizzato diverse volte il bus, il tram della linea T1, comodissimo perché nelle ore di punta evita il traffico percorrendo la sua corsia riservata, nonché il battello per spostarmi più rapidamente e per raggiungere la parte asiatica della città.

Nel quartiere di Beyoğlu transita il tram storico, linea T2, che collega la fermata Tünel, nei pressi della Torre di Galata, a Piazza Taksim.

Informazioni utili e pratiche su Istanbul


Solitamente prelevo i contanti al bancomat ma, per evitare le spese aggiuntive della propria banca, consiglio di utilizzare uno dei cambia valute che sono in città. Espongono chiaramente il tasso di cambio che applicano e non aggiungono commissioni.
In ogni caso le carte di credito sono accettate quasi ovunque ma se la banca applica un tasso di cambio per l'operazione di cambio valuta non conviene usarle.

Non serve portarsi adattatori perché le prese elettriche sono come le nostre.

nostalgic tramvay istanbul
Il tram storico


Curiosità su Istanbul


In Cappadocia avevo visto tantissimi cani randagi (censiti perché avevano una clip sull'orecchio), e qualche gatto, ma a Istanbul ho scattato tantissime fotografie ai mici. Mi ha incuriosito il fatto che in una città così grande e trafficata vivano per strada tanti gatti. Sono adottati dai negozianti perché fuori, a volte dentro, i negozi ci sono le loro ciotole per l'acqua e per i croccantini e, qualche volta, anche una cuccia.

i gatti coccolati nei negozi di istanbul

Un'altra cosa che mi ha incuriosito in Turchia è il modo nel quale preparano il gelato. Il gelataio indossa un gilè sgargiante e il fez e con una lunga paletta muove il gelato, che viene chiamato Salep Dondurma, dentro il contenitore nel carretto.
Non è un gelato come il nostro perché questo è abbastanza denso per la presenza come ingrediente di una resina vegetale derivata dal lentisco, pianta originaria dell'isola di Chio.

venditori di ciambelle e caldarroste istanbul

Oltre ai venditori di gelato si trovano per strada quelli che vendono le caldarroste, 5 TL per 100 grammi, e quelli che vendono le ciambelle ai semi di sesamo, chiamate simit.

Cosa vedere a Istanbul con il Museum Pass


Volendo visitare almeno i principali monumenti cittadini ho scelto di fare il Museum Pass così da evitare la coda dopo il primo acquisto.
Proprio durante il mio soggiorno sono cambiate le attrazioni comprese nella card turistica che costa 185 TL, ovvero circa 27 euro.
Nella card sono compresi questi monumenti:

  • Hagia Sophia (altrimenti sarebbero 60 TL)
  • Topkapi 60 TL
  • Topkapi Harem 45 TL
  • Chora Museum 45 TL
  • Museo di arte turca e islamica 35 TL
  • Museo archeologico di Istanbul 30 TL
  • Museo di Hagia Irene 30 TL
  • Museo dei mosaici 20 TL

moschea blu istanbul al mattino
La Moschea Blu al mattino

Io ho visitato solo i primi 4 dell'elenco e ho comunque risparmiato e soprattutto non ho fatto la lunghissima coda al Topkapi.
I monumenti dove ho trovato tantissima coda sono l'Hagia Sophia, perché ancora non avevo il Museum Pass, la Moschea Blu, nella quale si entra gratuitamente, la Cisterna Basilica, esclusa dal Museum Pass, il Topkapi, ma ho saltato la fila, e la Torre di Galata, non compresa nel Museum Pass.

Consiglio assolutamente di visitare questa bellissima città perché, oltre ai tanti monumenti importanti, offre davvero tante cose da vedere e l'ho trovata molto accogliente e piacevole da girare.

13 commenti:

  1. Era il mio regalo dei 40 anni. Un viaggio da sola in quel di instambul. Ero già carica di adrenalina, prontissima per la mia avventura in solitaria. Purtroppo un incidente di percorso ha stravolto i miei piani. Ma spero di poterlo fare presto, tenendo conto dei tuoi consigli sarà ancora più semplice

    RispondiElimina
  2. Istanbul è una città che mi manca, mi piacerebbe tanto vederla e i consigli per organizzare una vacanza low cost sono sempre ben accetti

    RispondiElimina
  3. Istanbul deve essere una città bellissima, visto che viaggio in camper mi è stato utile leggere la parte sul come muoversi in città e il Museum Pass. Bellissimo anche il fatto di trovare molti gatti in giro, curati dai negozianti, forse anche per proteggere i locali dai topi. Una città che sarà tra i miei prossimi viaggi

    RispondiElimina
  4. Una città affascinante. Ci sono stata più di una volta, ma ora è tanto che manco e mi piacerebbe visitarla ora, perché certamente mi accorgerei di molti cambiamenti. Grazie per tutti i tuoi utilissimi consigli.

    RispondiElimina
  5. Istanbul è una città particolare, una città che a volte sembra sospesa, fra la tradizione antica e la modernità. Mi è piaciuta molto,anche se si sono stata solo un giorno e mezzo, ho concentrato i giorni in Cappadocia.

    RispondiElimina
  6. In che zona della città consigli di soggiornare? Sto pensando di andare là il prossimo inverno e sto iniziando a ragionare sul dove dormire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho soggiornato a Sultanahmet per essere vicina alle attrazioni più importanti e all'imbarco dei traghetti, però qui gli alberghi hanno prezzi maggiori. In ogni caso consiglierei di soggiornare vicino alla linea del tram 1 che è il mezzo più veloce per spostarsi perché evita il traffico nelle ore di punta.

      Elimina
  7. Ottimi consigli per un viaggio fai da te! Tante informazioni utili per un futuro viaggio a Istanbul.

    RispondiElimina
  8. Vero, la paletta del gelato turco! L'ho comprato solo perché mi affascinava la preparazione ed era buonissimo. Che nostalgia Istanbul!

    RispondiElimina
  9. Un amico di mio marito lavora a Istanbul e ci invita spesso ad andare a visitare la città avendo lui come appoggio. Ci stiamo pensando e il tuo post sta dando una mano a decidere. ;-)

    RispondiElimina
  10. Istanbul è una meta della mia lista ma sono sempre un po' frenata. Non so se andrei in un viaggio in solitaria ma vorrei proprio vederla, mi ha sempre affascinata quindi questo articolo è molto utile!!

    RispondiElimina
  11. Ciao a tutti!Sono tornata due settimane fa da Istanbul, dove ho passato 6gg con mio marito. Ci siamo regalati questi bellissimo viaggio per i 35 anni di matrimonio.ANDATE, ANDATE, ANDATE... Chi ha ancora dei dubbi vorrei dire che è una città bellissima,affascinante,piena di storia e monumenti,piena di vita,piena di mare (per chi come me adora il mare), Non esitate, non mi sono mai sentita in pericolo,tutto tranquillo,loro genti!i e disponibili. Certo un po di attenzione nei pagamenti non guasta... Si mangia bene anche dove si paga poco,ho sempre trovato le prime materie fresche e ben abbinate! La cucina è equilibrata nel uso delle spezie e sale (per niente esagerato). Dolci buonissimi (abbastanza dolci per chi è abituato ai dolci del nord Italia. Ho fatto Il mio primo viaggio a Istanbul quando avevo 20 anni e da allora sono tornata per altre 5 volte, ma ogni volta è una nuova sorpresa... L'ho vista crescere, svilupparsi e diventare una grande capitale di 12 milioni di abitanti, degna di rispetto. Stefania... in quest'ultima volta i tuoi suggerimenti sono stati utili! Grazie! Ho un debole per questa città e spero di avervi contagiati anche solo un pochino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di esserti stata di aiuto con le informazioni pratiche aggiornate. Per me era la prima volta e l'ho trovata stupenda, sicuramente tornerei perché non sono riuscita a vedere bene tutti i quartieri. Confermo che la cucina è ottima, ho trovato ristoranti ottimi e poco costosi.

      Elimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.