martedì 1 agosto 2017

Cosa vedere a Barcellona in 3 giorni

Ormai sono passati diversi anni dal mio ultimo viaggio a Barcellona ma ne conservo ancora un vivido ricordo. L'avevo conosciuta durante una crociera che faceva tappa nella città catalana e da allora me ne sono innamorata.
Uno dei motivi per cui mi piace tanto è la presenza delle tante opere di Gaudì che fanno parte del Patrimonio dell'Umanità UNESCO per la genialità con la quale sono realizzate.
Se si ha poco tempo 3 giorni possono essere sufficienti per vedere le principali attrazioni di Barcellona ed innamorarsene. 😍

Cosa vedere a Barcellona in tre giorni
Scalinata del Palau Nacional verso Plaça Espanya


Cosa vedere a Barcellona


Barcellona è una città con tantissime cose da vedere e si può programmare un itinerario alla scoperta delle sue bellezze architettoniche di 3 giorni. 
Consiglierei di partire alla scoperta della città visitando proprio le case progettate da Gaudì che si trovano su Passeig de Gràcia ovvero La Pedrera dalla caratteristica forma curvilinea e Casa Batlló che ha una facciata incredibilmente bella e particolare.
Per la pausa pranzo consiglio di dirigersi verso il mercato della Boqueria dove si possono gustare macedonie o panini fatti al momento. Questo mercato si trova sotto una struttura in ferro dove da sempre i contadini venivano a vendere i loro prodotti. Oggi delizia gli occhi con i colori dei prodotti in vendita.
Il mercato si trova circa a metà della Rambla un viale lungo circa un chilometro che da Plaça Catalunya arriva sino al mare. Per la verità si dovrebbe parlare di Ramblas perché si tratta di un insieme di vie cuore della movida di Barcellona. 
Secondo me è un luogo molto turistico ed a parte gli artisti di strada che indossano abiti stravaganti non è che mi sia rimasto molto impresso. I ristoranti poi sono costosi e per nulla tipici.

personaggio nella rambla
Uno degli artisti nella Rambla

Nel pomeriggio del primo giorno di viaggio a Barcellona si può continuare la visita proprio nel Barrio Gòtico, uno dei quartieri della Ciutad Vella.
Io l'ho trovato molto bello con le sue viuzze acciottolate che offrono scorci incantevoli come in Plaça del Rei e che mi hanno fatto tornare alla mente la descrizione dell'antica città letta in tanti romanzi ambientati qui nelle'poca medievale.

Scorcio del barrio Gotico
Passeggiando per il Barrio Gotico

Una delle cose da vedere è la Cattedrale di Santa Eulalia che risale al periodo gotico nella quale si può ammirare un bellissimo chiostro con un laghetto nel quale sguazzano delle oche. Salendo sul tetto della chiesa si gode di un bellissimo panorama sulla città e si può apprezzare la bellezza della sua architettura con grandi contrafforti che sostengono il tetto.

Lì vicino si trova l'interessante  Museo della Storia della città nel quale vedendo gli scavi archeologici si può comprendere lo sviluppo urbanistico nei secoli a partire dalla dominazione romana.
Altre belle chiese da vedere sono quella di Santa María del Mar che ha un grandioso portale gotico, purtroppo non l'ho vista all'interno perché si stava celebrando un matrimonio, e quella di Santa María del Pí con la sua facciata austera.

Chi ama l'arte può terminare la giornata al Museo Picasso che si trova in Carrer de Montcada che occupa ben 5 edifici. Qui sono esposte opere pittoriche dell'artista ed anche incisioni e ceramiche. Ho apprezzato molto le prime opere ed il percorso di visita che mette in evidenza il cambiamento di stile di Picasso. Nel museo si trovano anche altre opere di artisti spagnoli come Dalì.

Il secondo giorno a Barcellona


Di prima mattina col bus si può andare al Parque Güell per ammirare al straordinaria bellezza del parco cittadino realizzato da Gaudì. Le casetta all'ingresso sono incantevoli ma non si può fare una classifica perché ogni cosa ha la sua bellezza. Peccato solo che ci sia sempre tanta gente soprattutto lungo la scalinata vicino alla salamandra. 

Parc Guell
La zona del parco che si integra con la natura

Utilizzando sempre il bus ci si può spostare rapidamente nel quartiere di Barceloneta, abitato un tempo da pescatori. Oggi ha perso un pochino del suo fascino ma ci sono ancora tanti bei ristorantini.
Per godersi un po' di relax si può andare in spiaggia, anche se le acque non sono il massimo, oppure semplicemente passeggiare sul lungomare. La spiaggia è lunga bel 5 chilometri ed è attrezzata e tenete presente che la parte destra è riservata ai naturista e non è segnalata!

spiaggia di Barceloneta
Spiaggia di Barceloneta

Si può andare verso il Port Vell. Questa è una zona abbastanza nuova di Barcellona dove si vedono tantissime barche ormeggiate, grandi viali delimitati da file di palme e dove si trova il centro commerciale Maremagnum.

ponte girevole nel Port Vell
Ponte girevole nel porto

In zona si possono vedere il monumento a Cristoforo Colombo, l'Acquario, Il Museo marittimo ed il Museo di storia della Catalogna


Terzo giorno di visita a Barcellona


L'ultimo giorno del viaggio a Barcellona inizia con la visita della Sagrada Familia che richiede diverse ore. Io ho apprezzato maggiormente la visione della facciata della Passione che è l'unica realizzata completamente da Gaudì mentre le altre sono fatte seguendo i suoi disegni che però furono in parte persi durante il periodo della dittatura. Con l'aiuto dello zoom della fotocamera si possono cogliere i dettagli delle figure e delle forme rappresentate che sono state ispirate all'autore dalla natura. Dopo la visita al museo ci si può dirigere verso il Parc de la Ciutadella dove c'è un bell'arco di trionfo. Questo posto è molto rilassante ma è bene come in ogni posto fare attenzione al pericolo dei borseggiatori.

Parc de la Ciutadella
Lampioni ed alberi nel Parc de la Ciutadella

Dalla zona del porto parte la teleferica del Montjuïc che rapidamente porta sulla collina. La fila però è abbastanza lunga perciò non so se convenga utilizzare un altro mezzo di trasporto.
Sulla collina che domina la città si possono visitare interessanti musei come il Museo di arte moderna intitolato a Mirò oppure il Palau Nacional ospitato in un bell'edificio in stile tardobarocco. Purtroppo io sono andata l'ultimo giorno di vacanza e l'ho trovato chiuso e perciò ho goduto solo del panorama dall'alto della Plaça de les Cascades e dei giochi d'acqua della fontana del Montjuïc.

Palau nacional
Il Palau Nacional 

In alternativa ho optato per la visita del vicino Poble Espanyol che fu realizzato negli anni '20 da due architetti che vollero creare un villaggio che riproducesse luoghi famosi della Spagna. Così girovagando per le sue vie sembra di essere in un pueblo andaluso con casette bianche oppure in villaggi di altre regioni. A me sono piaciute tanto le riproduzioni della Torre de Utebo di Zaragoza, di un'altra torre con decori arabeggianti ed i palazzi preromanici della Navarra.

plaza Mayor nel Poble Espanyol
Plaza Mayor nel Poble Espanyol

Come muoversi a Barcellona


Sicuramente consiglierei di soggiornare in centro o comunque vicini ad una fermata delle stazioni delle diverse linee della metropolitana che la collegano all'aeroporto internazionale El Prat. Attualmente il biglietto singolo costa 2,15 euro ma è possibile fare anche la Card turistica Hola BCN per 2, 3,4  o 5 giorni risparmiando parecchio. Questa soluzione è consigliabile a chi desidera spostarsi in metro parecchio mentre chi predilige godersi la città passeggiando per le sue vie può tranquillamente acquistare i biglietti della metro o del bus quando vuole coprire lunghe distanze.

Questa volta non fornisco consigli su dove mangiare perchè l'ultima mia visita risale a quasi dieci anni fa e molte cose possono essere cambiate.

15 commenti:

  1. Quanto amo Barcellona!! Per me è sinonimo di allegria pura, di colore e di serate passate a tapear 😚
    E vogliamo parlare della Boqueria?!
    Barcellona è una delle capitali europee dove tornerei di corsa!!

    RispondiElimina
  2. barcellona è affascinante ma confesso che io preferisco le città dell'andalusia. cmq ottimi consigli per chi decide di andarci per la prima volta e ha solo 3 gg!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
  3. Barcellona...vista due volte ma ancora vorrei visitarla... se tutto va bene l'anno prossimo porteremo i nostri bambini!
    Bell'itinerario, anche noi lo avevamo fatto simile!

    RispondiElimina
  4. Sono stata a Barcellona anni fa e tra le cose che hai citato mi sono persa il Barrio Gòtico, Parc Guell, Montjuïc e i vari musei. Consiglierei anche un salto al museo della scienza, io l'ho adorato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello me lo sono persa ma ci sono tante altre cose che vorrei vedere. Chissà che ci torni presto!

      Elimina
  5. Con te oggi ho rifatto un giro a Barcellona. 😊 👍

    RispondiElimina
  6. A parte Poble Espanyol e qualche chiesa abbiamo visitato tutti i punti che hai indicato.
    Siamo stati più volte a Barcellona ed è una delle nostre mete preferite in Europa. :D

    RispondiElimina
  7. Ciao. Articolo molto interessante. Io non sono ancora stato a Barcellona e questo itinerario mi è piaciuto molto, infatti l'ho salvato tra i preferiti :)

    RispondiElimina
  8. Mi stai facendo venire tanta tanta tanta nostalgia!

    RispondiElimina
  9. Bellissima Barcellona, ci sono stata due volte, in estate e per Capodanno ma mi piacerebbe ancora tornarci perché so che ho tante cose da scoprire. :)

    RispondiElimina
  10. Ma sai Stefania che anche io ho incontrato la prima volta Barcellona, durante uno scalo in crociera? Poi sono tornata due volte per approfondire le visite.
    Così piano piano, sono riuscita a vedere internamente anche le opere di Gaudì. L'ultima volta ci siamo spinti fino al quartiere di Pedralbes, dove oltre alla Porta del Drago di Gaudì, c'è anche un bellissimo monastero. La zona è stupenda, non sembra nemmeno di essere più a Barcellona! Amo alla follia questa città ��
    Claudia B.

    RispondiElimina
  11. Anche io sono stata a Barcellona ormai molti anni fa! Ma ricordo bene il parco guell e casa batlo' cosi come la facciata della sagrada famiglia (che purtroppo non ho visitato all'interno). La rambla e i suoi artisti per me sono una della cose piu belle da vivere in questa città d'arte. Non ho visitato il museo di picasso, ma sono stata a quello di Dali' in una gita fuori porta! C'è la possibilità che prima che finisca l'estate io riesca a tornare a Barcellona per andare a trovare alcuni amici...tengo le dita incrociate per me! ;-)

    RispondiElimina
  12. Ottimo post per chi andrà a Barcellona per la prima volta! Io in particolare sono stata a Barcellona 2 volte...ma tornerei ancora, anche domani!! :)

    RispondiElimina
  13. Ho letto con interesse il tuo articolo! Barcellona è una città che ho amato particolarmente e, ti dirò, che ho fatto praticamente il tuo stesso itinerario XD ..mi hai fatto rivivere dei bei ricordi!

    RispondiElimina
  14. Barcellona è stata la metà di un capodanno alternativo e ti giuro che mentre ti leggevo mi rivedo in piazza con gli amici più fidati a brindare con un "la Cave" dopo aver consumato le suole per fare l'intero percorso Gaudi a piedi!!

    RispondiElimina