19 luglio 2018

Il MUHBA il museo di storia di Barcellona

Quando sono andata a Barcellona ho visitato diversi musei e all'epoca il MUHBA si chiamava ancora Museo della Città mentre ora è diventato Museo di storia e fa parte di un complesso di monumenti ed edifici storici in giro per la città.

Io ho visitato il complesso principale sito in Plaça del Rei, nel centrale barri gòtic, perché quando arrivo in una città che non conosco mi piace apprendere qualcosa in più delle sue origini e la visita a un museo archeologico oppure a uno etnografico può essere molto di aiuto.

Il MUHBA il museo di storia di Barcellona

La visita al MUHBA di Plaça del Rei a Barcellona


Il MUHBA, il museo di storia di Barcellona, aperto dal 1943, ed è ospitato nella Casa Padellàs  nella piazza dove si trovano anche il Palau Reial Major, il Palau del Lloctinent e la torre del Mirador del Rei Martí.

scalone del Palau del Lloctinent
Io che scendo dallo scalone del Palau del Lloctinent

Questo museo è molto interessante per conoscere la storia della città di Barcellona e il suo sviluppo urbanistico nel corso dei secoli. 
Un breve filmato illustra la sua storia che riporto brevemente.
Secondo la leggenda fu fondata dal cartaginese Amilcare Barca che la chiamò Barcino. I romani la riorganizzarono creando un campo militare fortificato e ora sono ancora visibili le antiche mura in un tratto rimasto intatto. Successivamente è passata sotto l'influsso di Visigoti e poi saraceni diventando nel X secolo un centro rappresentativo dell'Aragona e un grande porto. Nelle epoche successive fu fortificata nuovamente e arricchita da edifici in stile gotico. Dal XIV secolo ha avuto un periodo di decadenza. Con l'industrializzazione dell'800 è iniziato il suo sviluppo economico che l'ha portata a essere un importante centro culturale, politico e commerciale. Ha inglobato i paesi vicini che ora sono diventati i suoi quartieri.

Muhba nel barri gotic

Nel sotterraneo si ammirano i ritrovamenti archeologici dell'antica città di epoca romana e visigota chimata Augusto Barcino. Si vedono le immense mura difensive, gli edifici termali, le lavanderie con grandi vasche e sistemi di scolo delle acque e alcuni portali d'ingresso agli edifici. Molto belli i mosaici e i dipinti sui muri che sono riusciti a recuperare. Si vede l'uso dell'opus cementizio di epoca romana.
Ci sono stanze dove venivano salati e conservati i pesci e quelle che ospitavano le giare col vino.
Nel complesso la visita al MUHBA è molto interessante per conoscere il passato della città catalana.

Il percorso si snoda su un tratto prestabilito e quando sono stata io in visita non era permesso fare foto. Le informazioni su ciò che si sta vedendo erano scritte su grandi pannelli in lingua spagnola e inglese. Iniziando la risalita si vedono le mura di epoca medioevale e le fondamenta dell'edificio che ospitava un convento.
Risaliti si visita la Capilla de Santa Àgata, che si trova nel Palau Reyal Major, un edificio interessante dal punto di vista architettonico ma spoglio per quanto riguarda gli arredi.
Proseguendo la visita si entra in una grande sala che ospita teche che contengono importanti reliquie. Ci sono molte anfore di epoca romana, che venivano usate anche per conservare corpi. Si vedono proprio scheletri di bambini che vi sono stati trovati dentro, ma anche scheletri di animali.

Mirador del Rei Martí
Mirador del Rei Martí

Di recente il MUHBA è stato ampliato includendo il Palau Comtal nel quale si può vedere una collezione di opere relative alla Barcellona del primo Medioevo.

barri gotic Barcellona
Scorcio del quartiere gotico di Barcellona

Orari e prezzi del biglietto del MUHBA


Il MUHBA di Barcellona si può visitare dal martedì al sabato dalle 10 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 20. Ogni prima domenica del mese e ogni domenica dopo le 15 l'ingresso è gratuito.

Il prezzo del biglietto è attualmente di 7 € e comprende l'accesso agli altri monumenti che fanno parte del circuito museale.
Perciò se si resta a Barcellona diversi giorni si ha tempo per visitarli tutti.

Nessun commento:

Lascia un commento

Prima di commentare di invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.