11 aprile 2019

Cosa vedere nel centro storico di Pietrasanta

Pietrasanta è un grazioso borgo che si trova in Versilia, in provincia di Lucca, e che può essere inserito in un itinerario di visita di questa zona della Toscana.

Fermandosi in Versilia si possono visitare Viareggio e Forte dei Marmi e poi spostarsi nella bella Lucca o scendere verso Pisa.

Pietrasanta si trova veramente a pochi chilometri dalla Spezia e perciò, per noi che abitiamo qui, è un piacevole posto dove andare a passeggiare, cenare e sorseggiare qualcosa ammirando la bella piazza centrale, il salotto del borgo della Versilia.

Piazza duomo nel centro storico di Pietrasanta
Piazza del Duomo


Cosa vedere a Pietrasanta


Appena usciti dalla stazione si varca l'arcata di Porta Pisa, tra le antiche mura della Rocchetta Arrighina, per arrivare nella piazza dove si ergono i monumenti più belli di Pietrasanta.


porta pisa nella rocchetta

Il centro storico è compreso tra le mura e la collina e comprende poche vie che corrono parallele.
La piazza centrale, dove ci sono tanti tavolini dei bar, è il fulcro del piccolo borgo toscano e da sola vale il viaggio sino a qui.

rocchetta arrighina pietrasanta
La Rocchetta vista dalla piazza 

Tra le cose da vedere a Pietrasanta c'è il Duomo di San Martino dalla bianca facciata marmorea, qui siamo nella patria del marmo di Carrara! Si può riconoscere lo stile romanico molto lineare, infatti fu costruita a partire dal 1200, mentre l'interno è un tripudio di rivestimenti in marmi policromi e di opere risalenti alle epoche successive.

duomo di san martino

Accanto si erge l'alta torre campanaria in laterizi, che doveva esser rivestita anch'essa in marmo, che è una delle torri che si elevano nella piazza assieme alla Torre delle Ore.

Vicino c'è l'antica chiesa del XIV dedicata a Sant'Agostino che ora, essendo sospesa al culto, viene utilizzata per esposizioni temporanee.

Sempre nella piazza ci sono Palazzo Moroni, che ora ospita il museo archeologico, e il Palazzo Pretorio, che fu sede del Capitano di Giustizia e delle carceri cittadine. Sulla facciata si possono ammirare alcuni stemmi marmorei, altri sono all'ingresso del Teatro Comunale, sito al pianoterra.

ingresso alle vie del centro storico di pietrasanta
Via del centro storico: si nota il simbolo nella via francigena

Ho passeggiato per le viuzze del centro rapita dalla bellezza di alcuni particolari architettonici e dei negozietti, che fanno tornare indietro nel tempo, e ho apprezzato le tante statue collocate nelle diverse vie e piazze. Assomiglia a una galleria d'arte a cielo aperto.

A Pietrasanta ho notato un numero considerevole proprio di gallerie d'arte, cosa strana per un piccolo borgo.
Negli anni passati molti artisti, come il colombiano Botero, decisero di trasferirsi nel borgo toscano e perciò è diventata meta di un turismo colto, degli amanti delle belle opere d'arte.

Non è solo un borgo per gli amanti dell'arte perché qui passa anche la via Francigena come si evince dal simbolo raffigurato lungo la pavimentazione del centro storico: la conchiglia, il simbolo del pellegrinaggio.

fontana nel centro storico di pietrasanta
La fontana

Ogni volta che visito un nuova località non mi accontento di camminare lungo le vie principali ma cerco di allontanarmi per avere un'altra prospettiva, così mi sono incamminata verso la collina.

veduta di pietrasanta dalla rocca
Il centro storico visto dalla rocca

Dopo una breve passeggiata tra gli ulivi si arriva sotto la Rocca di Sala, nota anche come Rocca Ghibellina, e da qui si gode di un bellissimo panorama su Pietrasanta e in lontananza si intravede la costa.
Questa rocca, fatta costruire da Castruccio Castracani nel '300, è di origine longobarda ed ebbe una grande importanza e nella sontuosa dimora al suo interno, Palazzo Guinigi, furono ospitati illustri personaggi, pontefici e regnanti come Carlo V e Carlo VII.
Peccato che ora non sia visitabile e sia in stato di abbandono.

rocca di sala pietrasanta
La rocca

Tornata nel borgo, mi sono soffermata ancora a guardare la piazza notando altri particolari come la statua che raffigura il Granduca di Toscana Leopoldo II, la fontana e la Colonna della Libertà, detta del Marzocco, che ha sulla sommità il leone fiorentino.

piazza duomo pietrasanta
Chiesa di Sant'Agostino nella piazza del duomo

Il mio girovagare per il centro storico di Pietrasanta mi ha portata all'Oratorio di San Giacinto che è molto semplice all'esterno ma, varcata la soglia, si possono vedere la bellissima fonte battesimale del '300 e una serie di affreschi sulla volta e le pareti.

interni dell'oratorio di san giacinto a pietrasanta
Fonte battesimale nell'oratorio

Per pranzo ho gustato un delizioso brunch presso un locale vegano che da un po' volevo provare. Sementis è curato sia nella presentazione dei piatti sia negli arredi, come pure nella scelta dei dettagli come le cannucce in bamboo per sorseggiare le bevande.
Ho bevuto un estratto buonissimo, perfetto per me che anche fuori casa cerco di mangiare sano e biologico.

piatto brunch sementis

A Pietrasanta sono tante le cose da vedere nel centro storico, come il museo MuSa che celebra la lavorazione del marmo, e, appena fuori del borgo, la casa natale del poeta Giosue Carducci, dichiarata monumento nazionale, che si trova a Valdicastello.

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.