5 marzo 2019

Trekking da Rapallo a Chiavari passando per Montallegro

Con l'arrivo delle belle giornate la mia attività di trekking è ripresa lungo un bel sentiero che collega Rapallo a Chiavari, passando per il Santuario di Montallegro.

Questo percorso è una variante del sentiero Liguria numero 8, quello verde azzurro, che collega Ventimiglia con Luni, le due estremità della regione.

Questa variante alta del sentiero è più faticosa, arriva sino a 635 metri di altitudine, ma offre bei panorami, se si è fortunati da trovare una bella giornata. Io ero partita da casa con uno splendido sole ma arrivata a Rapallo ho trovato un cielo nuvoloso che faceva presagire pure piovaschi. Per fortuna nel primo pomeriggio è uscito il sole.

Veduta di Rapallo salendo a Montallegro
Veduta di Rapallo salendo lungo la mulattiera


Trekking da Rapallo a Montallegro


La prima tratta del sentiero è quasi tutta in salita e porta da Rapallo al Santuario di N.S. di Montallegro a quota 600 metri s.l.m. Avevo scaricato la mappa del percorso ma, nel primo tratto, non era precisa e perciò ho fatto un pezzo lungo la strada carrozzabile.
Per la verità prima di iniziare il mio trekking ho fatto un giro per il centro storico, visto che era da un po' di tempo che non lo visitavo.

chiosco della musica rapallo
Chiosco della musica a Rapallo

Chi arriva col treno, una volta uscito dalla stazione prosegue a sinistra e poi segue il cartello che indica la Via dei Santuari e per la precisione per quello di Montallegro.
Il primo tratto è lungo le vie cittadine ma, una volta arrivati alla Chiesa di San Bartolomeo, si percorre la larga mulattiera che offre dei begli scorci sul litorale ligure.

Dalla chiesetta ho preso la mulattiera per Montallegro e da lì si va sempre in salita.

chiesa san bartolomeo rapallo

Dopo aver superato alcune abitazioni il sentiero, che passa in mezzo a un uliveto, si fa ancor più ripido. Si arriva quindi a una bellissima lecceta, qui si cammina su un largo acciottolato, un po' scivoloso a causa delle ghiande e delle foglie secche.

sentiero per montallegro

Ci si inerpica ancora sino a giungere a un tratto quasi pianeggiante, sul versante verso San Maurizio di Monti. Dopo la scalinata, che porta alla funivia, si arriva alla cancellata che delimita il Santuario.
Questo tratto finale è molto suggestivo, dà l'idea di un luogo tranquillo e di riflessione.
Immagino i pellegrini che un tempo arrivavano qui, dopo una lunga salita in mezzo al bosco, e trovavano ristoro dopo la fatica.

santuario di montallegro

La chiesa si erge sopra una scalinata e spicca per il candore dei marmi della facciata. Il santuario fu costruito nel 1559 dopo che a un contadino apparve qui la Madonna.
L'interno è tutto decorato e sull'altare maggiore si può vedere un quadretto bizantino che viene reputato miracoloso.

interno del santuario di montallegro
L'altare maggiore del Santuario

Questo tratto di sentiero che da Rapallo porta a Chiavari è abbastanza ripido, seppure privo di difficoltà. In alternativa si può arrivare qui in funivia, in pochi minuti, e poi proseguire per Chiavari a piedi da qui.

Itinerario: Rapallo - Montallegro (600 m)
Sentieri: segnavia sentiero verde azzurro o segnavia con due croci rosse
Lunghezza: 4 Km
Tempo di percorrenza totale: 1 ora e 40
Difficoltà: E

Trekking da Montallegro a Chiavari


Il sentiero che da Montallegro conduce a Chiavari inizia dietro al Santuario di Montallegro. Si deve girare a destra e, dopo aver superato il ristorante, con terrazza panoramica sulla vallata attraversata dal fiume Tuia, si va ancora a destra in leggera discesa.

Si segue il segnavia con due quadrati rossi vuoti e si entra nel bosco dove si trovano ancora dei bei lecci secolari.
Qui sembra di camminare in un mondo fatato aspettando l'uscita degli gnomi del bosco!

sentiero nel lecceto di montallegro

Arrivati a un crocevia si gira a sinistra per percorrere lo stretto sentiero che si affaccia sulla Valle Fontanabuona. Andando a destra, seguendo il segnavia con un rombo, si scende, invece, verso Rapallo e Zoagli.
Dopo un tratto un po' ripido in discesa, il sentiero torna ampio e agevole.
Quando sono giunta qui le nuvole si sono diradate e ho cominciato a godere un po' del panorama sul tratto di costa tra Rapallo e Zoagli.

sentiero da rapallo a chiavari

Il sentiero prosegue nel bosco tra terreni un tempo coltivati dove ancora si vedono tracce di vecchi casolari.

Arrivati, dopo circa 1 ora e 10, al Passo Colla (525 m), riconoscibile da un edicola votiva, si prosegue sulla destra lungo il sentiero in leggera salita.

passo colla lungo il sentiero montallegro chiavari
Passo Colla

Dopo un tratto pianeggiante si prosegue in discesa per arrivare, dopo una ventina di minuti, alla strada asfaltata al passo Anchetta (466 m), in prossimità di alcune case e del sentiero che conduce a Zoagli, passando per Semorile.

Il sentiero verde azzurro prosegue lungo la strada asfaltata, prima in salita e poi con un tratto piano, sino a un ristorante. Da qui si gode di una bellissima vista panoramica, lo sguardo spazia sino al promontorio di Portofino dove ci sono tanti interessanti sentieri da percorrere.

Qui si vedono ancora le teleferiche usate per far scendere il legname a valle, le ricordo da quando ero bambina e le vedevo usare da alcuni miei compaesani in Val di Vara.

panorama dal sentiero rapallo chiavari
Panorama sul promontorio di Portofino

Dopo aver percorso ancora qualche metro lungo la strada, al curvone si procede a sinistra inoltrandosi nel bosco di castagni. Tra i ricci delle castagne spunta qualche croco, il tipico zafferano ligure che ha un fiore tanto colorato.

croco ligure in fiore
Croco

Questa parte del trekking è lungo un sentiero ripido nel quale bisogna fare attenzione a non cadere. I bastoncini da trekking sono utili in questo tratto come pure nell'ultima discesa che conduce a Chiavari.

Dopo un tratto pianeggiante che costeggia un prato, dove si trova una baita in legno a disposizione degli escursionisti, si prosegue, tenendo la destra a un bivio, sino all'abitato di Case Costa.
Qui c'è una fontana con acqua potabile e una breve sosta permette di curiosare attorno ai rustici in pietra che sono sempre affascinanti, come ogni cosa antica che richiama le antiche tradizioni contadine.

casolare a case costa
Casolare a Case Costa

Il sentiero corre ora lungo vecchi muri in pietra, molto alti e ben conservati. Rispetto a quelli tipici della riviera, molti di questi hanno sopra lastre in pietra posizionate verticalmente. Osservando il terreno attorno si capisce come siano state ricavate dalle rocce che affiorano dal terreno.

A sinistra si può vedere il panorama della vallata di Leivi.

muri a secco lungo il sentiero rapallo chiavari
Si inizia a vedere il tratto costiero di Chiavari

Arrivati in prossimità della chiesa di Maxena (213 m) si prosegue a sinistra e il sentiero diventa una ripida scalinata in cemento, che corre lungo un muraglione, per poi tornare pianeggiante quando si attraversano gli uliveti.
Dal paese si scende ancora, lungo una scalinata, per arrivare alla frazione di San Pier di Canne, alla periferia di Chiavari.

Dalla chiesa, proseguendo a destra, in circa 20 minuti si arriva alla stazione ferroviaria. In alternativa è possibile prendere da qui il bus.


Itinerario: Montallegro (600 m) - Chiavari
Sentieri: segnavia sentiero verde azzurro o segnavia con due quadrati rossi vuoti
Lunghezza: 9 Km + 1,7 Km per arrivare alla stazione
Tempo di percorrenza totale: 2 ore e 50 + 20 minuti per arrivare alla stazione
Difficoltà: EE

2 commenti:

  1. Molto bello sembra di percorrerlo leggendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un sentiero molto bello. Quest'inverno tornerò per percorrere altre tratte che partono da questo.

      Elimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.