30 luglio 2019

Cosa vedere a Klaipéda: il porto lituano sul Baltico

Klaipéda è una città portuale, scalo di molte crociere sul Mar Baltico, che offre tante cose da vedere ed esperienze da vivere.

Ancora non è così conosciuta, almeno qui in Italia, nonostante abbia un bel centro storico e sia molto accogliente.
Merita di essere inserita in un itinerario on the road in Lituania, una nazione molto spesso visitata frettolosamente solo per un weekend per vedere sua bellissima capitale.

Klaipéda è una città tanto curata e piena di fiori che non si può che innamorarsene.

Cosa vedere a Klaipéda: veliero Meridianas
Il veliero Meridianas


Cosa vedere a Klaipéda in un giorno


Klaipéda è la terza città per grandezza della Lituania ma il centro storico è abbastanza piccolo per cui un giorno può essere sufficiente per visitarla. Almeno tre giorni sarebbero l'ideale per girare i dintorni e andare nella penisola di Neringa, distante solo 300 metri dalla terraferma.

La città, conosciuta anche col nome tedesco di Memel, si trova alla foce del fiume Dané ed è sempre stata un importante porto visto che le sue acque in inverno non gelano.

il tratto del fiume dane a klaipeda vicino al porto

Il centro storico, parzialmente distrutto durante la guerra, è un insieme di stile architettonici che testimoniano come fu terra di conquista. Si possono perciò vedere case a graticcio tipiche della Germania e architetture che ricordano la Danimarca e l'Inghilterra mentre in periferia domina lo stile lineare e austero di stampo sovietico.

casa a graticcio nel centro di klaipeda

La città, a forte vocazione marinaresca, ha per simbolo il veliero Meridianas. Costruito nel 1948 in Finlandia fu per anni una nave scuola e ora, ristrutturato, è diventato un ristorante.

Il centro per lo più ha strade che s'incrociano ad angolo retto, solo alcuni vicoli seguono un andamento sinuoso ed è lì che si possono trovare gli edifici più antichi.

Girovagando per il centro si possono vedere anche diversi murales pieni di colore che rendono sempre più allegra una città.

un murales nel centro di klaipeda

Sono rimasta incantata dalle case a graticcio, che adoro, e dalle casette in legno dai colori pastello che sembrano uscire da una fiaba.
Sono ben diverse dagli edifici più sobri costruiti attorno e che hanno come centro la Piazza del Teatro. I Lituani, amanti dell'arte, lo costruirono nel 1857, forse molti ricorderanno un discorso fatto dal balcone del teatro dal famigerato dittatore nel '39.

teatro di klaipeda
Il teatro

Nella piazza si trova la statua di Annchen von Tharau, copia di quella realizzata nel 1921 e misteriosamente sparita. Questo personaggio è nato dalla penna del poeta Simon Dach che sembra si sia innamorato di una giovane già fidanzata.

Cosa vedere a Klaipéda: le sculture


Quella di Annchen von Tharau è solo una delle tante sculture che si possono vedere nel centro storico. Proprio un itinerario turistico di Klaipéda porta alla loro scoperta permettendo così di girare la città quasi in ogni strada.

Non ho avuto il tempo di vederle tutte, sono attualmente ben 37, ma sono rimasta affascinata dal fatto che dietro ognuna di esse si nasconda una storia.

Proprio nella zona portuale è rappresentato un ragazzo col suo cane (A childhood Dream), che saluta agitando un berretto, mentre dall'altro lato del fiume Dané è raffigurata una giovane nell'atto di mandargli un bacio (The Kiss).

il bacio e il ragazzo: due sculture a klaipeda

Tra le statue che ho visto c'è un gatto in granito e bronzo (The Old Town Cat) che sembri porti fortuna, se gli si strofina la coda, come il topolino (Thaumaturge Old Town Little Mouse), al quale vanno sussurrati all'orecchio i proprio desideri.
Come non citare il cane guardiano (The guard of Old Town), posto nelle vicinanze del mercato centrale, ritratto in una fiera posizione.

sculture del gatto e del guardiano della città a klaipeda

Tra le più sculture grandi c'è quella del motociclista (Motorcyclist) dedicata al famoso antropologo e giornalista Antanas Paškevičius - Poška che girò i Paesi Baltici e si spinse sino in India, negli anni '30, desideroso di conoscere il mondo.

scultura motociclista a klaipeda

Una delle più significative è quella che raffigura un arco di granito, eretto nel 2003, che commemora l'ottantesimo anniversario dell'unione della città alla Lituania.
Mi sono piaciute in maniera particolare anche The Tree of Love, simbolo dell'amore, la sirenetta (Mermaid) atteggiata in una posa sensuale, e la cassetta postale (Old Town postbox).

il monumento the arch a klaipeda

Poco distante dal centro c'è un intero parco, creato nel 1977, con oltre 100 statue di artisti moderni sorto lì dove un tempo c'era un cimitero.

All'Ufficio del turismo si possono trovare le mappe della città e quella dedicata alle sculture. Nel mio giro per la città sono stata accompagnata dalle gentilissime Ana ed Emma che mi hanno fatto da cicerone.

la scultura l'albero dell'amore a klaipeda
The Tree of Love

Cosa vedere a Klaipéda: musei e resti archeologici


Nella zona del porto di Klaipéda si possono vedere i resti dell'antica fortezza del XIII secolo che oggi ospita il Museo del Castello.
In pratica si vede solo un terrapieno erboso lungo la zona portuale.
Risalendo il fiume Dané si possono vedere, nei pressi della Collina di Giovanni, i resti degli antichi bastioni difensivi che costituivano la difesa della città, assieme ai fossati.

l'old mill hotel vicino al porto di klaipeda
L'Old Mill hotel e dietro i resti del castello

Un altro interessante museo da visitare è quello dell'ambra, resina delle conifere che può contenere insetti imprigionati durante la sua formazione. Si trova in abbondanza nei Paesi Baltici e perciò viene anche chiamata l'Oro del Baltico.
Durante la visita all'Amber Queen si possono vedere pezzi d'ambra con all'interno insetti ma anche vertebrati, ammirando questi fossili sembra di tornare indietro nel tempo.

Proprio l'artigianato è una delle attività antiche che ancora vivono in città.
Io sono arrivata nel periodo del festival del Patrimonio Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO e perciò ho avuto l'occasione per vedere la preparazione dei waffle su un antico focolare, la tessitura dei filati, l'intreccio del vimini e la lavorazione dell'argilla.

Cosa fare a Klaipéda: le escursioni


Dal porto vecchio ogni 30 minuti parte il traghetto che in soli 5 minuti porta a Smiltynė, sulla penisola Curlandese, nel Parco Nazionale di Curonian che è uno dei siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO.
Molte sono le persone che vanno lì per prendere il sole nelle tante spiagge o per girare in bicicletta in un ambiente incontaminato.

Per visitare quella zona, che in parte appartiene all'enclave russo di Kaliningrad, occorre almeno una giornata ma l'ideale sarebbe fermarsi più giorni.
Presto racconterò le tante cose da fare e vedere all'interno del parco.

Restando a Klaipéda tra le cose più suggestive da fare, fermandosi almeno un giorno in città, è un'escursione con la tradizionale canoa in legno affidandosi ai servizi di Wet Weim.
Io ho fatto il tour notturno sul fiume Dané partendo la sera alle 22. Iin estate è ancora giorno e così durante l'escursione si può vedere la città iniziare a illuminarsi con le luci artificiali e diventare ancor più bella.
Navigare lungo le placide acque, sospinti solo dalla pagaia, fa vivere appieno la tranquillità di questa cittadina lituana. Ringrazio Janis per avermi mostrato Klaipéda da un'altra prospettiva.


Come arrivare a Klaipéda


Klaipéda è l'unico porto della Lituania sul mar Baltico e perciò qui arrivano i traghetti che la collegano a Svezia, Danimarca e Germania.

Si può raggiungere la città in aereo visto che è servita dal vicino aeroporto internazionale di Palanga.

Da Vilnius si può arrivare in treno,nella nuova stazione in mattoni rossi del 1983, con un viaggio di poco meno di 4 ore,

In Lituania è molto attivo il servizio di bus che collegano le varie città anche con altri Paesi come la Lettonia, la Polonia e la Russia. Proprio da qui ho proseguito il mio viaggio andando a Riga.

scultura topolino nel centro di klaipeda
La scultura del topolino

Dove dormire e mangiare a Klaipéda


Posso consigliare l'albergo Euterpe per la sua comoda posizione nel centro storico di Klaipéda, le ampie e luminose camere e l'ottima colazione, che comprende dolce e salato. Il miglior hotel trovato durante il mio viaggio nei Paesi baltici.

Per quanto riguarda i ristoranti da consigliare, essendo vegetariana mi sono trovata bene all'Etno Dvaras, dove le cameriere indossano abiti tradizionali, ubicato proprio nella piazza del teatro. Fa parte di una catena, presente in altre città lituane, che ho gradito per la varietà del menù.

Post in collaborazione con l'ufficio del Turismo di Klaipéda e Wet Weim.

Nessun commento:

Posta un commento

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.