21 maggio 2019

Trekking dalla Spezia a Lerici nel Golfo dei Poeti

Il modo più semplice per arrivare dalla Spezia a Lerici è in auto, oppure in bus, ma chi ama camminare può considerare di fare un sentiero che parte dalla città e giunge nel delizioso borgo.
Il percorso di trekking si snoda sulle colline che circondano la città, offre bei panorami sul Golfo dei Poeti, e arriva a San Terenzo per poi proseguire verso Lerici.

Questo è un tratto del sentiero Liguria verde azzurro che parte da Luni e arriva sino a Ventimiglia, attraversando tutta la regione, ma quasi tutto coincide con il sentiero AVG.

Io ne ho percorso già un bel tratto e prima o poi riuscirò a farlo tutto!

Trekking dalla Spezia a Lerici: panorama sulla città
Panorama da Sarbia


Trekking lungo il sentiero verde azzurro dalla Spezia a Lerici


Questo tratto del sentiero verde azzurro che va dalla Spezia sino a Lerici inizia dal quartiere di Valdellora, ma per comodità sono salita sulle colline da casa mia ritrovando il tracciato in località Sarbia.

Itinerario: La Spezia - Sarbia - Valeriano - Carozzo - San Venerio - Termo - Baccano - San Terenzo - Lerici
Sentieri: 225 - AVG - 413
Dislivello: quota massima 337 metri
Lunghezza: circa 22 Km
Tempo di percorrenza totale: 6 ore 30
Difficoltà: E

Nel primo tratto del sentiero 225 o, nel mio caso, lungo Via dei Colli s'incontrano i resti delle antiche fortificazioni spezzine dell'800 che ora stanno riqualificando facendo opere di pulizia attorno a esse e interventi di manutenzione.
Un bel progetto per portare turisti in questa zona della città.
Attorno alla città ci sono numerosi sentieri che passano lungo le antiche mulattiere e che possono essere l'occasione per ammirare la città dall'alto.

tratto antiche mura sarbia
Porta Castellazzo

Arrivati a Sarbia si prosegue sempre lungo il sentiero verde azzurro che qui coincide con quello AVG, ovvero l'alta via del Golfo. Il tracciato, lungo 47 chilometri, è così chiamato perché percorre le colline attorno al golfo della Spezia, da Portovenere sino a Bocca di Magra, offrendo bei scorci panoramici.

Per un lungo tratto si cammina sulla strada asfaltata, solo occasionalmente si ha modo di tagliarne dei pezzi addentrandosi nel bosco dove sono predominanti i pini e l'erica, tipici della macchia mediterranea.

sentiero sterrato nel bosco tra san venerio e il termo di arcola
Tratto del sentiero prima del Termo di Arcola

In questa parte del sentiero che va dalla Spezia a Lerici si vede da un lato il panorama sul golfo e dall'altro l'entroterra, in questo caso la Val Durasca.
Proprio per la bellezza del posto qui sono sorti numerosi agriturismi e b&b tanto che una delle vedute più belle è sui vigneti di un'azienda agricola.

veduta verso val durasca
Veduta sulla Val Durasca

Nonostante la tranquillità del posto l'antropizzazione è alta e si trovano numerose abitazioni, alcune proprio nel bosco.
Si passa poi accanto ai resti del forte di Monte Albano, che faceva parte del sistema difensivo della città.

Oltrepassato il crinale della collina si inizia a vedere la vallata della Bassa Val di Vara e si ridiscende sulla strada asfaltata verso il borgo di Valeriano, frazione di Vezzano Ligure. (1 ora e 25 minuti da Sarbia)
Inoltrandosi tra le sue viuzze si arriva davanti alla chiesa di Sant'Apollinare, la zona più bella del borgo.

borgo di valeriano
Valeriano

Ritornando sui propri passi si prosegue il cammino lungo la strada asfaltata, poi per un tratto nello sterrato, e quindi si arriva alla Madonna di Buonviaggio.
Attraversata una delle strade più trafficate della provincia, si sale verso Carozzo, sempre percorrendo la strada carrabile. (40 minuti da Valeriano)

Il sentiero verde azzurro in questo tratto passa proprio all'interno delle vie del borgo che offre sempre una vista panoramica sulla città.

Il successivo paese che s'incontra è San Venerio Castello, chiamato anche San Venerio Alto, che ha una piazzetta caratteristica e diversi archivolti antichi nei quali si possono osservare incisioni. (15 minuti da Carozzo)

piazza san venerio castello
La piazza del borgo di San Venerio Alto

Sono arrivata qui dopo 3 ore e 30 di cammino e 11 chilometri sulle gambe, perciò seduta su una panchina, ho gustato il mio pranzo.

borgo san venerio castello
San Venerio Alto

Ripresa la marcia lungo il sentiero AVG mi sono ritrovata in un bosco di bambù. Si vede che qui coltivavano molto la terra perché queste canne venivano usate nei campi come sostegni per le viti o per le colture.
Per la verità ancora in molti continuano a seminare nei propri orti per avere verdura fresca per molti mesi all'anno.
Percorrendo questo sentiero si gode di una bella vista sulla città da un'altra angolazione.

Tra tratti su strada asfaltata e su sterrato si arriva al Termo di Arcola. (40 minuti da San Venerio Alto)
Attraversata la strada, poco sotto la rotonda, si prende la salita verso il paese di Baccano. Il primo tratto è su asfalto e il resto nel bosco, dove ho trovato anche una frana che ho dovuto scavalcare, e su mulattiera. (40 minuti dal Termo)

borgo di baccano di arcola
Le viuzze del borgo di Baccano

Oltrepassato il piccolo borgo si arriva nei pressi di Pitelli ma il trekking lungo il sentiero verde azzurro non passa nel paese, perciò si continua seguendo il segnavia. (25 minuti da Baccano)

borgo di pitelli
Pitelli

Dopo poche centinaia di metri in località Sella Pin Bon, s'incontra la deviazione a destra verso il sentiero numero 413 che si segue in discesa nel bosco sino a un altro crocevia di sentieri in località Tre Strade. (20 minuti dal bivio per Pitelli)

Qui ci sono vari sentieri che portano a San Terenzo. Io ho seguito sempre il sentiero 413, che coincide col sentiero verde azzurro, che è quello dritto e sono arrivata a un altro crocevia.

veduta di lerici
Veduta di Lerici

Ho proseguito sulla destra, verso il promontorio di Falconara, ammirando sulla destra il panorama sul Golfo dei Poeti e sotto la spiaggia della Baia Blu, che si può raggiungere comodamente con un sentiero.

veduta golfo dei poeti sulla diga e la baia blu
Veduta sul Golfo dei Poeti: la diga e sotto la Baia Blu

L'ultimo tratto del trekking offre un bel panorama su Lerici, dall'altro lato del golfo, che è la tappa finale.

castello san terenzo
Castello di San Terenzo

Si arriva quindi al paese di San Terenzo, dove si ritrovano i colori pastello tipici delle case liguri, e da qui il sentiero corre lungo la passeggiata lungomare di 1 km e mezzo sino ad arrivare a Lerici in circa 15 minuti.

scorcio di san terenzo
San Terenzo

Il trekking dalla Spezia a Lerici permette di godere di un bel panorama sulla città vista da diverse angolazioni e di attraversare borghi che altrimenti non si avrebbe occasione di visitare.
Perciò, oltre alle tempistiche della camminata vera e propria, mettete in conto del tempo per visitare i borghi nei quali accanto alle vecchie abitazioni sono sorte moderne case e ville proprio perché dall'alto delle colline il panorama è splendido.

4 commenti:

  1. Ho sempre visitato questa zona seguendo il classico itinerario turistico, ovvero la solita passeggiata lungo mare. Devo però che la tua alternativa è veramente molto allettante!

    RispondiElimina
  2. iniziativa davvero interessante, non conosco bene la zona, quindi da scoprire. POi sono un'amante del trekking faccio e organizzo uscite quasi una volta al mese. Complimenti e grazie per la dritta.

    RispondiElimina
  3. Quanto Borghi a me ignoti e che scorci deliziosi!! Quando veniamo in Liguria ci limitiamo sempre all itinerario classico. E invece guarda qui quante bellezza. Segno tutto!

    RispondiElimina
  4. Che belli questi Borghi. Peccato credo non sia accessibile. Mi accontento delle tue foto e di leggere il tuo racconto.

    RispondiElimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.