martedì 10 luglio 2018

Cosa vedere a Ravenna in un giorno

Ravenna è una piccola città romagnola che si riesce a visitare in un giorno e perciò può essere inserita in un itinerario più lungo per scoprire altri luoghi nei dintorni o altre città dell'Emilia come Ferrara.

Ero già stata in città moltissimi anni fa ma la ricordavo veramente poco e perciò quando mi si sono presentati alcuni giorni liberi sono partita per dedicarle il giusto tempo e ammirare le sue bellezze con calma.

La città è famosa per i mosaici e ho trovato molto carino il centro storico attorno al quale sorgono i monumenti più importanti che l'hanno resa famosa in tutto il mondo.

Cosa vedere a Ravenna in un giorno: la chiesa di sant'apollinare nuovo
La chiesa di Sant'Apollinare Nuovo


Cosa vedere a Ravenna in un giorno


Sicuramente gli 8 monumenti che sono entrati a far parte dei siti patrimonio dell'Umanità UNESCO sono le principali cose da vedere a Ravenna ma girovagando per il centro cittadino s'incontrano piazze e viuzze veramente carine.

Ravenna città dei mosaici


I siti per i quali è nota come la città dei mosaici sono tutti meritevoli di una visita perché sono differenti tra loro e i mosaici sono diversi per stile e colore.

Un itinerario di visita di un giorno può iniziare dalla Basilica di Sant'Apollinare Nuovo per ammirare splendidi mosaici. Entrando si rimane incantati dalla vista da queste raffigurazioni. In basso sono riprodotti scorci della città e dell'antico porto mentre in alto si vedono i mosaici più antichi, che rappresentano scene del Nuovo Testamento, in tutto il loro splendore. Risalgono al periodo di Teoderico, all'epoca nella quale fece costruire la chiesa dedicata al culto ariano (493-526).

mosaici della basilica di sant'apollinare nuovo


Attraversato il centro storico si arriva al Battistero degli Ortodossi noto anche come Neoniano. Il piccolo tempio mi è piaciuto moltissimo, i mosaici sembrano sprigionare un'incredibile luce. In realtà riflettono la luce del sole  ma lì dentro in un luogo così raccolto tutti i sensi vengono ampliati.  Non mi sarei mai stancata di ammirare le figure riprodotte sulla cupola: il Battesimo di Cristo con Gesù immerso nelle acque del Giordano e gli Apostoli.
L'unica cosa negativa è che i bassorilievi in basso in marmo stonano parecchio in questo complesso così antico.

la cupola del battistero neoniano


Accanto al battistero, all'interno del Museo Arcivescovile, si può ammirare la Cappella di Sant'Andrea. Questo è l'unico posto nel quale sono vietate le fotografie.
Il museo conserva arredi sacri ma la cappella è la cosa più meravigliosa. Il blu dei mosaici è incredibile e la semplicità dei disegni rende l'insieme straordinariamente bello. Qui è rappresentata l'ortodossia della Chiesa in quanto viene raffigurato il Cristo in veste di guerriero anti-ariano.

esterno del battistero neoniano
Battistero Neoniano


Se si desidera visitare Ravenna in un giorno solo consiglio di prendere il bus, se non si ha un altro mezzo di trasporto, per andare a visitare la Basilica di Sant'Apollinare in Classe che si trova a circa 6 chilometri dal centro città. Se vi chiedete perché una chiesa così bella si trovi fuori città dovete sapere che all'epoca Classe era un importante porto e qui c'erano le ville delle famiglie più importanti della città.

La Basilica paleocristiana del VI secolo è molto bella fuori ma il suo tesoro è all'interno. Qui si può ammirare uno splendido mosaico absidale di un verde dalle incredibili sfumature. Anche qui ho apprezzato la semplicità delle rappresentazioni e sebbene gli alberi e le pecore siano molto stilizzati sono favolosi.
Il mosaico è reso molto luminoso dalla presenza dell'oro nella parte centrale.

i mosaici nell'abside della basilica di sant'apollinare in Classe


Si può proseguire la visita alla scoperta dei siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO con il Mausoleo di Teodorico che si trova appena fuori il centro di Ravenna in mezzo a un parco nel quale ci si può rilassare come ho fatto io per godermi un po' frescura.
Il bello di questo monumento è la sua struttura architettonica decagonale fatta con blocchi di pietra d'Istria perché l'interno è completamente spoglio se si eccettua la vasca in porfido che si pensa ospitasse le spoglie di Teodorico.

Mausoleo di Teodorico

Tornando in centro l'itinerario giornaliero ci porta al Mausoleo di Galla Placidia che ha meravigliosi mosaici nella parte superiore.


mosaici nel mausoleo di galla placidia

Galla Placida ebbe una grande importanza nella storia perché fu lei a far trasferire la capitale del Sacro Romano Impero d'Occidente proprio a Ravenna.

esterno del mausoleo di galla placidia
Il mausoleo di Galla Placidia

Accanto si trova la Basilica di San Vitale che è da ammirare per la sua struttura architettonica completamente differente da tutti gli altri edifici religiosi visti. Si sviluppa verso l'alto attorno a un nucleo centrale ottagonale ricoperto di mosaici e ha anche affreschi barocchi nella cupola.

mosaici nella basilica di san vitale

Secondo me i mosaici non così belli come quelli di altri monumenti e invece pare che siano i più apprezzati. In ogni caso merita la visita solo per ammirare il pavimento ricoperto da tessere musive che vicino all'altare riproducono un labirinto simbolo di purificazione.

particolare del pavimento della basilica di san vitale
Particolare del pavimento a mosaici


L'ultimo monumenti è il Battistero degli Ariani che è interrato per oltre un metro. Questo edificio testimonia il culto della corte di Teoderico che vedeva in Cristo una figura sia divina sia terrena. I mosaici nella cupola sono molto luminosi per il fondo dorato che fa risaltare le figure.


esterno della basilica di San Vitale
Basilica di San Vitale

Cosa vedere nel centro di Ravenna


Visitando i monumenti che hanno reso la città romagnola famosa in tutto in mondo si attraversa il bel centro storico di Ravenna che offre altre cose da vedere.
Una delle piazze più belle è Piazza del Popolo dove si trovano il Palazzo Comunale e la Chiesa di Santa Maria del Suffragio.
Qui una pausa è d'obbligo per prendere un aperitivo ammirando gli edifici attorno e le alte colonne con sopra le statue del patrono Sant'Apollinare e di San Vitale.
Pensate che questa piazza fu progettata per assomigliare a quella di San Marco ma finita la dominazione dei veneziani nel 1509 i suoi simboli sparirono, in origine su una delle colonne c'era il leone simbolo della Serenissima.

palazzo comunale in piazza del popolo a Ravenna
Il palazzo comunale e le due colonne


Percorrendo le strette viuzze con storici locali si arriva a Piazza San Francesco dove si può visitare l'omonima chiesa che conserva le reliquie del vedovo Neone e ha la particolarità di avere la cripta ricoperta costantemente d'acqua.

la cripta della Chiesa di San Francesco

Nella stessa piazza si trova l'imponente Palazzo della Provincia dal quale si accede alla Cripta Rasponi che è stata restaurata da poco.
Questa è un'oasi di tranquillità con un bel giardino pensile e questa costruzione che conserva una pavimentazione a mosaico molto bella, probabilmente all'epoca fu presa dalla casa della famiglia che aveva nella città di Classe.

giardino pensile e cripta rasponi

Dall'altro lato della piazza si trova la tomba di Dante Alighieri che merita la visita per omaggiare questo illustre letterato.

tomba di Dante

A Ravenna ci sono tante altre cose da vedere e un giorno solo potrebbe non essere sufficiente ma ottimizzando i tempi si può fare considerato che i monumenti hanno orari di apertura molto lunghi, in estate tutti i giorni dalle 9 alle 19.
Per arrivare al Mausoleo di Teodorico si passa accanto alla Rocca Brancaleone che si può benissimo osservare da fuori mentre si può dedicare un'ora per la visita del Museo Nazionale che si trova accanto al complesso di San Vitale.

rocca brancaleone a Ravenna

Il museo è stato ricavato dall'ex convento per cui all'interno si possono vedere due chiostri, uno dei quali molto bello, e poi le collezioni che comprendono reperti archeologici e un lapidario al piano terra. Salita la monumentale scala  del XVIII secolo si arriva alla farmacia che è secondo me la cosa più bella da vedere.
Si può ammirare un enorme mobile utilizzato in un'antica farmacia con straordinari decori e intarsi.  il bancone è decorato con cornucopia e Mercurio, il dio della salute. Per rendere l'ambiente più realistico sono stati messi vasi utilizzati all'epoca nelle farmacie per conservare i medicamenti.
Il museo conserva anche ceramiche, armature e dipinti.

antica farmacia nel museo nazionale di Ravenna
Antica farmacia

Durante la mia visita era in corso la mostra di Mariani con opere particolari che ho trovato molto belle.

Come muoversi a Ravenna


La città di Ravenna si può raggiungere comodamente in auto oppure in treno e si gira molto bene a piedi nonostante alcuni monumenti siano un pochino defilati dal centro storico.
Per raggiungere Sant'Apolinnare in Classe si può noleggiare una bicicletta oppure prendere il bus numero 4 che transita da Piazza Caduti e davanti alla stazione ferroviaria e impiega circa 15 minuti. Il biglietto si può fare dal tabacchino.
In alternativa la località di Classe è raggiungibile anche coi treni regionali in soli 5 minuti dalla stazione di Ravenna.

Conviene fare il biglietto cumulativo a Ravenna?


Quando ho visitato Ravenna volevo vedere tutti i principali monumenti e mi è tornato utile fare i biglietti cumulativi che sono molto convenienti.
Al costo di 11,50 euro (prezzo 2018) si accede alla Basilica di S. Apollinare nuovo, al Museo e Cappella di Sant'Andrea, al Battistero Neoniano, alla Basilica di S. Vitale e al Mausoleo di Galla Placidia. Il biglietto vale 7 giorni.
Con un altro biglietto da 10 euro, valido 3 giorni, si accede a S. Apollinare in Classe, al Museo Nazionale e al Mausoleo di Teodorico.
A parte si possono acquistare i biglietti per la Cripta Rasponi (2 euro) e  per il Battistero degli Ariani (1 euro).

11 commenti:

  1. Ravenna mi è piaciuta molto, sia come città che per i monumenti storici che offre! E poi i mosaici mi hanno sempre affascinato molto!

    RispondiElimina
  2. Non ci sono mai stata. A leggerti e a guardare le tue foto non posso che darti ragione, è davvero la città dei mosaici! Incredibile quanti ce ne siano!

    RispondiElimina
  3. Ravenna l'avevamo puntata spesso quando abitavamo a Milano ma poi è sempre saltata. Ci sono stati degli amici a Pasqua e l'hanno trovata deliziosa. Mosaici fantastici davvero.

    RispondiElimina
  4. È una cittadina meravigliosa, a misura d'uomo e dove si mangia divinamente, i mosaici li ricordavo esattamente così, meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul mangiare non saprei, ho visto nei ristoranti menù con pietanze a base di carne che non mangio. Sono riuscita a trovarne uno con un piatto unico di verdure ma non è certo una specialità tipica.

      Elimina
  5. E' da tanto che vorrei visitarla. Ci sono stata da piccolina ma ricordo poco. Il tuo itinerario sarà molto utile !!

    RispondiElimina
  6. Ho Ravenna a pochi chilometri, ed è ora che la visiti per bene!

    RispondiElimina
  7. Ravenna....ricordi di una gita scolastica!!! Quante cose da vedere!!!!

    RispondiElimina
  8. Ci sono stata una volta di passaggio, per lavoro e quindi visto praticamente zero. Ci tornerei molto volentieri solo per il gusto di fare 1000 foto a tutti i pezzi di mosaici!!

    RispondiElimina
  9. Come tu ben sai anch'io sono tornata a Ravenna da poco, è una città che non stanca mai! :-)

    RispondiElimina
  10. son stata varie volte a Ravenna e ogni volta mi affascina sempre di più! ha davvero tanto da offrire

    RispondiElimina

Prima di commentare di invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.