martedì 10 aprile 2018

Visita ai Musei Civici di Venezia

Nei quattro giorni che ho trascorso a Venezia ho visitato quasi tutti i Musei Civici che ospitano bellissime collezioni e soprattutto offrono l'opportunità di entrare in stupendi palazzi d'epoca che conservano ancora arredi originali.

Per gli amanti dell'arte e della storia sono musei imperdibili ma dipende da quanti giorni si hanno a disposizione per vedere la città e da quali sono i propri interessi.
Molti preferiscono girare il centro storico e perdersi nelle calli mentre altre persone amano conoscere i diversi aspetti della città conoscendola attraverso la visita dei musei e dei palazzi storici.

Visita ai Musei Civici di Venezia




Quali sono i Musei Civici di Venezia?


I musei civici veneziani, noti con l'acronimo MUVE, sono tredici e alcuni si trovano sulle isole, precisamente su quelle di Burano e Murano.

  • Palazzo Ducale
  • Museo Correr
  • Museo Archeologico Nazionale
  • Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana 
  • Ca' Rezzonico
  • Ca' Pesaro
  • Museo del Vetro - Murano 
  • Museo di Storia Naturale
  • Museo di Palazzo Mocenigo
  • Palazzo Fortuny
  • Museo del Merletto - Burano
  • Casa di Carlo Goldoni
  • Torre dell'Orologio

torre dell'orologio in piazza san marco venezia
La Torre dell'Orologio

La mia visita a Palazzo Ducale


Il primo museo che ho visitato è stato quello di Palazzo Ducale che ho trovato meraviglioso e molto interessante per comprendere la storia della Repubblica Veneziana. Il palazzo affacciato su Piazza San Marco e sul Canal Grande è già meraviglioso visto da fuori con il porticato, i capitelli trecenteschi e la monumentale Porta della Carta realizzata in stile gotico fiorito che è una gioia per gli occhi.

la porta della carta di palazzo ducale
La Porta della Carta

Entrata nel cortile sono rimasta affascinata dalla scala dei Giganti che continua nella scala d'Oro che è riccamente decorata con stucchi bianchi e foglia d'oro zecchino, ostentazione della ricchezza della Repubblica marinara.
Nel cortile spicca la facciata dell'Orologio che è di epoca successiva, risale al seicento, ed è ornata da sculture romane.

la facciata dell'orologio nel cortile di Palazzo Ducale
La facciata dell'Orologio

Al primo piano si trovano esposti i capitelli originali tolti dalla facciata e sostituiti da copie per preservarli. Si ha così modo di osservarli da vicino.
Durante la visita si attraversano sale decorate da affreschi e fregi e da dipinti di artisti come Tiepolo, Tintoretto e Tiziano. Si apprende come veniva organizzata la vita politica della città in epoca medievale e come veniva amministrata la giustizia.
Le stanze più belle sono quelle dell'Appartamento del Doge ma anche quella del Maggior Consiglio così grande fa un certo effetto.
Visitando Palazzo Ducale si passa dalla ricchezza di questi saloni al grigiore delle prigioni, i famosi Piombi. Qui gli ambienti sono angusti e attraversato il Ponte dei Sospiri si arriva nella parte più desolata del carcere. La visita richiede circa due ore.

Cosa vedere al Museo Correr



Il museo Correr si trova in Piazza San Marco e vi si accede dall'ala dell'edificio fatto costruire da Napoleone abbattendo una chiesa e il percorso di visita consta di molte sale e termina proprio in una parte delle Procuratie Nuove accanto al campanile di San Marco.

Le Procuratie sono gli edifici con porticati che un tempo ospitarono uffici e residenze delle principali cariche della Repubblica e che oggi fanno un po' da sfondo alla meravigliosa Basilica.

Museo Correr

La prima parte del museo comprende dipinti e mappe che raffigurano la città di Venezia ma l'opera più bella è la statua di Dedalo e Icaro di Canova, una delle tante opere di questo artista veneto presenti nel museo.
Mi è piaciuta la sala da ballo per la sua sontuosità e i decori in stile impero accentuati dalla colonne in stile corinzio. 
Molto bella anche la sala del trono con decorazioni in stile neoclassico, stile che troviamo anche nelle sale successive in quelle che sono note come le stanze dell'Imperatrice Elisabetta. I saloni hanno alle pareti tappezzerie rosse e dorate e arredi d'epoca.

Sala da ballo al Museo Correr
La Sala da Ballo

Il percorso continua con dipinti, opere d'arte inerenti la figura del Doge, costumi d'epoca dei magistrati e una vasta collezione di monete della Repubblica veneziana.
L'ultima parte del museo è dedicata al commercio e alla navigazione, attività che hanno reso prospera la città per secoli,  per finire vi si può ammirare una collezione di armi e molti arazzi di scuola fiamminga.
Nella quadreria si possono ammirare capolavori di Bellini, Carpaccio, Paolo e Lorenzo Veneziano, Cosmè Tura, Antonello da Messina ma anche opere fiamminghe e tedesche.


La visita a Ca' Rezzonico


Ca' Rezzonico è un palazzo finito di costruire nel 1758 e che si affaccia sul Canal Grande nel quartiere Dorsoduro e ospita dal 1936 il Museo del Settecento che è stato allestito come se gli arredi fossero parte integrante del palazzo.
Una delle prime sale che si visitano è quella da ballo che presenta un soffitto ricco di decorazioni mentre nelle successive sale sono esposte una serie di opere come ceramiche e vasellame.
Nelle sale arricchite da affreschi oppure da arazzi come nel gusto dell'epoca si scoprono tante cose da vedere come i dipinti e tra tutti ho apprezzato due quadri del Canaletto che si trovano nella grande sala del secondo piano.
Per me i suoi dipinti sono inconfondibili grazie alla sua abilità come vedutista che riesce a cogliere la bellezza in ogni angolo di Venezia, anche nei canali laterali tra i panni stesi ad asciugare.
In questo piano si può vedere anche la camera con un letto a baldacchino in stile rococò e soprattutto una serie di affreschi provenienti dalla Villa Zianigo attribuiti a Tiepolo.
Uscendo nell'atrio si può vedere un'antica gondola coperta molto particolare.

La visita di Ca' Pesaro


Nel palazzo di epoca barocca Ca' Pesaro, realizzato dal Longhena, si ammira un'ampia collezione di sculture e dipinti d'arte moderna tra i quali opere di Chagall, Kandisnky, Moore, Klimt e di artisti italiani come De Chirico, Morandi, Sironi, De Pisis.
Al terzo piano si può visitare la sezione dedicata all'arte orientale che ho trovato abbastanza interessante.
A me è piaciuto in particolar modo un'opera dell'americano Mark Tobey che è realizzata con inchiostro su carta.

precipice di mark tobey
Precipizio di Mark Tobey



Museo di Palazzo Mocenigo


A Palazzo Mocenigo, nella zona di San Stae, è ospitato il Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume si possono ammirare moltissimi oggetti usati tra il XVII e il XVIII secolo e preziosi abiti indossati da manichini. Nelle sale che conservano arredi d'epoca sono esposti anche dipinti. In alcune sale i visitatori possono esplorare coi propri sensi i profumi per un'esperienza particolare.

esposizione di costumi a Palazzo Mocenigo

La Casa di Carlo Goldoni


Il celebre commediografo veneziano nacque nel 1707 a Palazzo Centanni nel sestiere di San Polo e nella sua casa si può visitare un museo ospitato in poche stanze.

Facciata della Casa di carlo Goldoni

Dal cortile al piano terra della casa di Goldoni si salgono le scale che conducono all'esposizione che comprende un teatrino di marionette del XVIII secolo e testi e manoscritti autentici dell'autore.
La visita richiede davvero poco tempo.


Museo di Storia Naturale


Nel palazzo del Fontego dei Turchi sul Canal Grande si può visitare il Museo di Storia Naturale diviso in tre sezioni. Non è tra i musei imperdibili ma se si ha tempo è comunque interessante.
Nelle diverse sale si vedono fossili, scheletri di animali e animali impagliati e una delle parti più belle è la sala multimediale dove vengono proiettate immagini di animali vissuti sul nostro pianeta.

Ouranosaurus nigeriensis al museo di storia naturale di Venezia
Scheletro di un Ouranosaurus nigeriensis

Museo del Vetro a Murano


All'interno di Palazzo Giustinian a Murano si può visitare il museo del Vetro che espone in ordine cronologico molti oggetti realizzati con questo materiale. Si va da oggetti di epoca romana databili tra il I e il III secolo ad altri realizzati proprio nelle vetrerie dell'isola tra il '400 e il '900 quando le opere dei mastri vetrai erano molto richieste. Gli oggetti più antichi mostrano il passare del tempo mentre quelli più recenti sono ancora bellissimi. Il percorso di visita è molto interessante anche perché illustra come viene fatto il vetro. 

oggetti esposti al museo del vetro di murano

I biglietti per i Musei Civici di Venezia


Si può acquistare un biglietto cumulativo per i Musei di Piazza San Marco (Palazzo Ducale, Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana) che vale 3 mesi.
In alternativa è possibile comprare il Museum Pass che vale 6 mesi e permette l'accesso a 11 musei, tra quelli in elenco sono esclusi Palazzo Fortuny e la Torre dell'Orologio che si visita solo su prenotazione e con accompagnatore.

Nessun commento:

Lascia un commento