29 marzo 2018

Ricordi di viaggio: il mio primo viaggio all'estero

Fin da bambina ero attratta da luoghi lontani ma ho iniziato a viaggiare soltanto da adulta, se si eccettua qualche gita o alcune visite ai parenti, e se torno indietro coi miei ricordi al mio primo viaggio all'estero mi viene in mente quello fatto a Barcellona nel 2008.

Per la verità ero stata diverse volte negli anni '90 in Scozia a trovare mia zia e avevo fatto una crociera ma quelle sono esperienze molto differenti mentre quando sono stata nella città catalana ho organizzato tutto da sola. Da allora ho continuato a viaggiare prenotando voli e cercando tutte le informazioni su cosa vedere e fare nelle mete scelte sino all'ultimo viaggio in Namibia che è stato perfetto in tutto.

Ricordi di viaggio: il mio primo viaggio all'estero


Il mio primo viaggio all'estero organizzato da sola


Quando sono andata a vivere in città ho finalmente potuto utilizzare la connessione Internet veloce e così è stato molto più semplice organizzare il mio primo viaggio all'estero perché farlo con la connessione analogica era davvero impossibile. Le mappe e le fotografie non si caricavano!
 All'epoca frequentavo la community di un grande portale di viaggi e così ho conosciuto virtualmente molti blogger, che seguo tutt'ora, e ho imparato da loro a districarmi nel mondo del web. Sembra un'altra epoca eppure è passato solo un decennio.

Avevo scelto proprio Barcellona come meta del mio viaggio perché era stata la tappa della crociera che avevo fatto qualche anno prima e mi era piaciuta tantissimo e così volevo visitarla meglio. Il mio fidanzato di allora è stato contento della meta e così siamo volati là con la compagnia Click Air, la low coste dell'Iberia in quegli anni, e con la metro dall'aeroporto di El Prat siamo arrivati in centro città attraversando la periferia coi suoi grandi palazzoni.

all'aeroporto di Barcellona El Prat
In attesa del volo all'aeroporto di Barcellona

Appena sbucata dalla metro mi si è presentata alla vista Casa Battlò la meraviglia di Gaudì e sono rimasta estasiata in ammirazione.

Già all'epoca in centro i prezzi degli alloggi erano cari e così avevo trovato l'albergo appena sopra l'Avinguda Diagonal.
Posate le valigie siamo andati allo scoperta della città seguendo un itinerario che avevo abbozzato e poi cambiato in loco perché lui non voleva prendere la metro e così abbiamo macinato chilometri per raggiungere le varie attrazioni perdendo tempo.
Penso che sia bello girare a piedi per le città ma camminare lungo strade che non offrono nulla di interessante da vedere sia una perdita di tempo.
Per accontentare il mio compagno di viaggio ho visitato pure la Plaza de Toros Monumental e relativo museo, grande sforzo per me che sono estremamente contraria a questa tradizione spagnola.

plaza de toros monumental barcellona
Plaza de Toros Monumental

Sono stati quattro giorni molto belli nei quali ho visitato una città che mi è rimasta nel cuore e nella quale ritornerei.
Questo primo viaggio all'estero organizzato tutto da sola mi ha insegnato tante cose e i successivi sono stati pianificati meglio e soprattutto ho imparato a gestire bagaglio e abbigliamento.

All'epoca ero partita con un trolley imbarcato mentre ora viaggio solo col bagaglio a mano e soprattutto calzo scarpe comodissime a discapito dell'eleganza. Così di giorno sempre scarpe basse tipo quelle da ginnastica e solo per la sera porto un abito e sandali per essere più femminile.

io al poble espanyol a Barcellona
Scatto al Poble Espanyol

In quel viaggio sono accaduti piccoli imprevisti ma nulla di grave.
Al momento del check-out mi avevano detto che l'importo da pagare era superiore ma per fortuna avevo stampato la conferma della prenotazione con l'importo giusto.

la hall dell'hotel confort a Barcellona
La hall dell'hotel Confort

Non ho potuto visitare alcuni musei perché sul sito ufficiale erano dati per aperti in quei giorni mentre erano chiusi!
Non sapevo ancora bene come trovare posti da mangiare con specialità tipiche e quindi questo è stato uno dei tasti dolenti della vacanza. Abbiamo mangiato non troppo bene e spendendo decisamente troppo.

Durante la vacanza di quattro giorni a Barcellona abbiamo avuto anche il tempo per passare alcune ore in spiaggia a Barceloneta che era abbastanza affollata e perciò siamo andati sempre più in là verso la costruzione che si vede in foto sperando di trovare meno gente e perché il mio fidanzato aveva visto laggiù onde più alte. Solo che non sapevamo che lì ci fosse la spiaggia dei naturisti perciò camminando sulla passeggiata ci siamo ritrovati a vedere la gente fare la doccia completamente nuda e lui si è scandalizzato. Abbiamo fatto dietrofront e siamo andati nella spiaggia con più gente, anche qui quasi tutte le donne erano in topless: è stato uno dei posti nei quali mi sono sentita più a mio agio visto che amo prendere il sole molto succintamente.

la spiaggia di barceloneta
La spiaggia di Barceloneta

Ah, questo è stato il primo viaggio con lui. Ce ne sono stati altri ma sono stata sempre io a organizzare tutto, a fare i pagamenti online e a stillare l'itinerario e resto io l'organizzatrice dei viaggi anche col nuovo fidanzato. 😏

Il mio post sul #primoviaggioestero è nato da un'idea del gruppo Facebook delle Travel Blogger Italiane per ricordare i viaggi passati come ha fatto Paola nel suo post sulla sua vacanza studio.
Voi che ricordi avete del vostro primo viaggio fatto all'estero?

18 commenti:

  1. ciao Stefania, sai che in effetti la velocità di internet è stata indispensabile per aumentare anche le mie vacanzine?? e ovviamente a farmi mettere un pochino da parte le agenzie per passare al fai-da-me!

    RispondiElimina
  2. Noi x i ns pochi viaggi all'estero siamo sempre andati in agenzia, ma il motivo è semplice: sono una fifona!!😅

    RispondiElimina
  3. Il mio primo viaggio all'estero? correva il 198... e mi fermo! Avevo circa 20 anni e sono partita alla volta dell'Inghilterra con un'amica, senza nulla di prenotato. E' stato un corso di sopravvivenza ma, meraviglioso!

    RispondiElimina
  4. Il primo viaggio da sola è un ricordo bellissimo, credo sia un po come il primo amore. Per me è stata Copenaghen tanti anni fa, e la ricordo come ieri. Per me copenaghen è e rimane una delle piu belle mete mai fatte, proprio perché la prima tutta da sola. Complimenti per il bel post

    RispondiElimina
  5. Barcellona è veramente una bellissima città. Ed anche uno dei miei ultimi viaggi da sola è stato in questa città

    RispondiElimina
  6. Come primo viaggio organizzato da sola mi sembra che sia andato alla grande, a parte quei piccoli intoppi che possono sempre capitare :)

    RispondiElimina
  7. Il mio primo viaggio all'estero fu una partenza col botto: l'interrail! E in quel lungo viaggio toccai anche Barcellona. Non andai da sola, però: eravamo 3 ragazzi di 22-24 anni con una grandissima curiosità del mondo. E in quel viaggio per l'Europa ti assicuro che la curiosità fu parecchio soddisfatta!

    RispondiElimina
  8. Sempre organizzato tutto da sola! Anche il nostro primo viaggio all estero, mio e della mia amica! Un interrail tra francia Portogallo e spagna, indimenticabile!

    RispondiElimina
  9. Impossibile non ricordare il primo viaggio all'estero da sola: gli Stati Uniti! Si provano emozioni, paure, ansie che difficilmente si proveranno successivamente allo stesso modo!

    RispondiElimina
  10. Bellissimo leggere di questi ricordi di viaggio :)
    Presto parteciperò anch'io all'iniziativa..
    Se ti può "consolare" della coppia sono sempre anch'io l'organizzatrice dei viaggi ;)

    RispondiElimina
  11. Già allora eri una grande organizzatrice! Anche per me Barcellona è stata la meta di uno dei miei primi anni da sola perché erano appena usciti i voli low cost diretti da Milano :)

    RispondiElimina
  12. Eh Barcellona rimane nel cuore di tutti... Anche io me ne innamorai da giovanissima in uno dei miei primi viaggi all'estero. Che sogno! Che vacanza memorabile! :-)

    RispondiElimina
  13. Il mio primo viaggio da sola all'estero è stato per una vacanza studio in Inghilterra.. sarà che avevo poco più di 15 anni e che ci stetti per ben un mese, ma è stata una di quelle esperienze fondamentali della vita! Il senso di libertà unico.

    RispondiElimina
  14. Il primo viaggio organizzato da soli non si scorda mai.

    RispondiElimina
  15. Sempre meglio avere la situazione sotto controllo. Anch'io quando organizzo un viaggio con altre persone amo curarne tutti i dettagli in prima persona. Poi se succedono dei piccoli imprevisti diventa anche divertente raccontarli!

    RispondiElimina
  16. il mio primo viaggio da sola fu in Australia dopo la laurea. Mi divertii un mondo e fu fiera di me stessa. Arrivai letteralmente dall'altra parte! sono esperienze che rafforzano, fanno maturare e consolidare la propria indipendenza!

    RispondiElimina
  17. Di viaggi all’estero quando ero piccola ne ho fatti tantissimi. Ma non sono mai stata in Scozia. Mi tocca recuperare anche quello :)

    RispondiElimina
  18. Direi un buon inizio... il primo di una lunga serie!

    RispondiElimina

Prima di commentare di invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.