9 gennaio 2018

Trekking sul sentiero Moneglia - Deiva Marina - Framura

Come ultimo trekking del 2017 ho percorso il sentiero verdeazzurro che collega Moneglia a Deiva Marina e infine Framura.

Questo sentiero costiero è ideale da fare nei mesi autunnali e invernali quando non è troppo caldo e se si trovano giornate soleggiate si possono scattare meravigliose fotografie.
Tutti questi paesi della riviera di levante sono serviti dalla ferrovia perciò si può scegliere da quale partire e nel caso si avessero difficoltà si può terminare a metà percorso.

trekking sul sentiero verdeazzurro da Moneglia a Deiva marina a Framura
Veduta di Moneglia salendo verso Lemeglio



Trekking da Moneglia a Deiva Marina


Sono partita nonostante il cielo molto coperto che faceva presagire probabile pioggia, che però non è caduta, perché posso fare trekking quando ho la giornata libera dal lavoro.
Dalla stazione di Moneglia si scende verso il paese e si attraversa tutto sino ad arrivare, dopo circa 1 Km, al ponte sul fiume Bisagno e all'inizio del sentiero che sale lungo una scalinata di cemento.

inizio sentiero verdeazzurro a Moneglia

Si arriva quindi sulla strada asfaltata, costeggiata da tante abitazioni, sulla quale si prosegue sempre in salita sino a raggiungere la località di Lemeglio.
Da qui si gode di un bellissimo panorama su Moneglia e sul promontorio che la separa da Riva Trigoso, lo scorso mese avevo percorso proprio quel tratto di sentiero verde azzurro.

scorcio di Lemeglio di Moneglia
Scorcio di Lemeglio

Il centro storico di Lemeglio è piccolino e offre alcuni begli scorci ma io non vedevo l'ora di lasciare la strada e finalmente proseguire sul sentiero attraverso campi coltivati che continua a essere molto panoramico.

panorama dal sentiero da Moneglia a Deiva Marina


Una volta raggiunta la lecceta si prosegue nuovamente in salita sino alla località indicata sui cartelli come San Pantaleo che è il punto più alto dell'escursione odierna a 325 m s.l.m.
Qui bisogna fare attenzione ai segnavia perché non è molto chiara l'indicazione del sentiero verdeazzurro che scende sulla destra verso la località di Castagnola (sentiero 641).
Questo tratto è abbastanza ripido e si passa su scivolosi lastroni di roccia che sono sgretolati dall'azione erosiva dell'acqua piovana.

veduta di Deiva Marina dal sentiero verdeazzurro
Veduta di Deiva Marina dal Monte Serra

L'ultima parte del sentiero che porta a Deiva Marina, il primo paese della riviera di levante situato nella provincia della Spezia, è su una carrozzabile a tratti molto ripida e l'ultimo tratto è una scalinata che arriva nel vecchio borgo del paese. Si prosegue a destra costeggiando il torrente Deiva dove ci sono diverse panchine e tavoli da pic-nic e ci si può fermare a fare uno spuntino prima di riprendere il cammino.

Questo è stato il primo trekking che ho fatto il mio nuovo orologio con GPS che tiene sotto controllo i miei allenamenti perciò sono riuscita con precisione a controllare distanze, tempi di percorrenza e altitudine.

Trekking da Deiva Marina a Framura


Da Deiva si oltrepassa l'ultimo ponte e si prosegue dapprima a sinistra e poi a destra sino a trovare le indicazioni per il sentiero che sale ripido e tortuoso verso l'alto. Curiosamente qui siamo già nel comune di Framura in località Fornaci.
La prima parte non è molto panoramica perché ci troviamo in mezzo ad una lecceta. Più avanti il fondo è fatto da una placca rocciosa che può diventare scivolosa in caso di pioggia.

placca rocciosa lungo il sentiero da Deiva Marina a Framura

Arrivati in alto sul monte Serra si trova un crocevia di sentieri ma il nostro vira a destra sino ad un largo sterrato che inizia ad offrire bellissimi panorami sulla costa.

sterrato verso Framura

Questa parte è molto agevole e si percorre velocemente ma bisogna arrivare a livello del mare perciò la discesa è comunque lunga.

panorama di Framura dal  sentiero verdeazzurro
Panorama di Framura e delle sue spiagge

Arrivati alla strada asfaltata si prosegue a destra e si taglia solo un tornante per riprenderla nuovamente in basso sino ad arrivare all'abitato di Setta. In realtà si potrebbe andare a sinistra e raggiungere la località Costa ma per abbreviare sono scesa direttamente a destra.

frazione di Setta a Framura
La frazione di Setta

Si attraversa il paese seguendo sempre i segnavia e si arriva all'abitato di Ravecca dal quale si scende una scalinata sino ad Anzo dove c'è una chiesa molto carina.

chiesa della Madonna della Neve ad Anzo di Framura
La chiesa della Madonna della Neve ad Anzo

Da qui si possono trascurare le indicazioni del sentieroazzurro che va verso Bonassola, che avevo già percorso due anni fa, per scendere verso la stazione ferroviaria.
Per chi non lo sapesse Framura è costituito dalle varie frazioni che si sviluppano sulla collina.

passeggiata a mare di Framura
La passeggiata a mare di Framura verso la sua spiaggia

Itinerario: Moneglia - San Pantaleo (325 m) - Deiva Marina - Monte Serra (Punta Apicchi) (296 m) - Framura
Sentieri: segnavia sentiero verde azzurro o SVA
Lunghezza: da Moneglia a Deiva Marina: 6 Km - da Deiva Marina a Framura circa 8 Km
Lunghezza Totale: 13,90 Km 
Tempo di percorrenza totale: 4 ore comprese le pause
Difficoltà: EE

Chi volesse vedere tutte le tappe del sentiero verde azzurro nella costa ligure può consultare il sito ufficiale.

14 commenti:

  1. Un bellissimo trekking! Un po' troppo lungo per il mio allenamento, ma magari un pezzetto potrei prima o poi provarlo!

    RispondiElimina
  2. Non ho mai fatto trekking, ma penso che sarebbe un'attività molto bella. Amo la natura ed i suoi paesaggi!

    RispondiElimina
  3. Sono zone che conosco benissimo visto le mie origini Spezzine. Le ho visitate diverse volte, ma non ho mai pensato di fare questo percorso di trekking. Lo terrò presente per la bella stagione. Ho visto tante volte questi posti dal mare, ora è giunta l'ora di vederli anche con questa prospettiva :)

    RispondiElimina
  4. Bello questo percorsi. Da noi in Campania c'è il Sentiero degli Dei, al di sopra della costiera d'Amalfi, ma non l'ho ancora fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata in costiera ma con solo un giorno a disposizione per visitarla perciò non ho potuto fare quel sentiero, ho fatto solo un breve tratto sulla collina tra Amalfi e Atrani

      Elimina
  5. Questo me lo devo segnare!! Sono sempre in cerca di nuovi sentieri in Liguria!

    RispondiElimina
  6. che meraviglia questo trekking, spero in primavera di rimettermi in cammino, non sono una patita, ma ci sono questi itinerari turistici che mi piacciono tantissimo!

    RispondiElimina
  7. interessante spunto, lo inserisco nella lista dei desideri sperando che si avveri. grazie

    RispondiElimina
  8. Certo che per essere ligure ho davvero un grande buco nero nel Levante! Grazie per questo post! Ora me lo studio nel dettaglio, magari tra qualche mese lo percorrerò!

    RispondiElimina
  9. Adoro i trekking ma quest'estate ne ho fatto uno un po' troppo spinto per andare al Rainbow Europeo. Questo mi sembra fattibile e molto piacevole.

    RispondiElimina
  10. Anche io sono un'appassionata di trekking, e mi ispira molto questo percorso!

    RispondiElimina
  11. Grazie per la dritta ;)

    RispondiElimina
  12. Le mie pause dal lavoro si stanno convertendo sempre più al bisogno di natura e questa, data la non troppa distanza da casa, è una bella idea!
    Ester

    RispondiElimina
  13. Questo sentiero mi ispira anche solo per il nome particolare! :-) Fai sempre dei gran bei giri Stefania!

    RispondiElimina

Prima di commentare di invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.