lunedì 2 novembre 2015

I colori della mia città e delle Langhe

Per il tema Insiders di Trippando questo mese è stato scelto l'argomento colori lasciando ad ogni blogger la scelta di parlare della propria città ispirandosi a questo.

In questo periodo autunnale un po' uggioso pensare ai colori della mia La Spezia mi ha portato a vederla tutta grigia ma poi uscendo a fare due passi ho visto qualche nota di colore rallegrarla!

i colori della mia città: Castel di San Giorgio
Il Castello di San Giorgio

Quanto mi piacciono le sculture di Giuliano Tomaino, inconfondibile nelle loro forme e nel colore rosso che hanno adornato persino il Decumano dell'Expo.
In città sul piazzale della stazione si può ammirare la piramide di omini chiamata Oplà.

Oplà Tomaino

Scendendo verso Via del Prione in Piazza Garibaldi si può vedere la fontana tonda con al centro una scultura in marmo di Carrara realizzata da Viliano Tarabella di Pietrasanta e questa rappresenta bene il bianco.

Fontana la spezia
La Fontana delle Vele o del Dialogo

Arrivando sul lungomare si è accolti dal verde dei giardini pubblici ricchi di specie botaniche e dal blu del mare, che per la verità qui non è tanto blu ma piuttosto grigiastro! Si sa che le acque dei moli non sono mai limpide, seppure vi nuotino tanti pesciolini.

Passeggiata Morin
Il lungomare e dietro i giardini

Nel complesso la città vera e propria non è così colorata mentre nell'entroterra e nelle Cinque Terre la natura offre un'ampia gamma di nuance anche in questo periodo come quelle che trovo quando vado nelle Langhe, zona che frequento molto in questo periodo.

Nelle dolci colline tutto è un tripudio di colori dell'autunno. Ormai terminata la vendemmia restano i vitigni con le foglie dai colori cangianti che vanno dal rosa, al rosso, al giallo, al marrone.

Langhe

Langhe


Qui si vede proprio come cambi il paesaggio nelle diverse stagioni mentre in città quasi tutto sembra grigio, monocolore, tutto l'anno!

Sarà per questo che amo tanto fare trekking ed immergermi nella natura.

Nessun commento:

Lascia un commento