28 marzo 2019

Pontremoli: i palazzi da scoprire nel centro storico

Pontremoli è un delizioso borgo della Lunigiana, in provincia di Massa Carrara, che offre davvero tante cose da vedere.

Sono stata diverse volte e avevo già raccontato cosa si può visitare in un giorno. In occasione delle giornatefai di primavera ho avuto la possibilità di entrare in palazzi storici di innegabile bellezza.

Questi eventi permettono di scoprire tesori nascosti nelle nostre città e nei borghi, solitamente di proprietà privata, che altrimenti non potremo mai visitare.

Pontremoli: Palazzo Negri - Dosi
Palazzo Negri - Dosi


I palazzi storici di Pontremoli: breve storia del borgo


Pontremoli è situata lungo la via Francigena che dalla Toscana, al confine con la Liguria, conduce in Emilia e perciò da sempre rotta commerciale, lungo la Cisa, tra il sud e il nord Europa.

Alla metà del '600 divenne una zona franca del Granducato di Toscana, ovvero esente da tasse, e perciò molti commercianti decisero di trasferire qui i propri affari.

Così nel centro storico s'iniziarono a costruire palazzi signorili, molti edificati su preesistenti edifici. Questi palazzi presentavano una struttura simile: sul piano stradale c'erano le botteghe degli artigiani, sopra il piano nobile, abitato dalla famiglia e con salotti per il ricevimento degli ospiti, e al terzo piano gli alloggi per la servitù.

A Pontremoli ci sono circa un'ottantina di palazzi appartenuti a ricche famiglie, alcuni meglio conservati di altri. Sarebbe bello poterli visitare sempre, ma essendo proprietà privata la cosa non è fattibile, se non per eventi come questo.

facciata del palazzo pavesi
Una delle facciate del palazzo Pavesi

I palazzi storici di Pontremoli: Palazzo Pavesi - Ruschi Noceti


In occasione delle aperture straordinarie dei palazzi nobiliari pontremolesi ho potuto visitare Palazzo Pavesi - Ruschi Noceti che si trova in Piazza della Repubblica, una delle piazze principali del borgo toscano.

Il palazzo di epoca settecentesca, a forma di L, ha tre facciate che si aprono sulla pubblica via. Questo è anche il palazzo più grande, avendo oltre 100 stanze.
L'edificio fu progettato da Giovan Battista Natali e Antonio Contestabili tra il 1734 e il 1745, quasi sul finire dell'epoca barocca.

soffitto salone palazzo pavesi
Il soffitto del salone

L'esterno è piuttosto semplice. Una volta varcato il portone, si entra nel cortile e da qui si sale la scala che conduce ai piani superiori. Volgendo lo sguardo verso l'alto s'intravedono dei bei decori sulla sommità del vano scale, che però non sono nulla se confrontati con quelli del salone.

decoro salone palazzo pavesi

Come non rimanere incantati da cotanta bellezza, vivere in queste sale ariose e con tanti affreschi penso che ci farebbe sentire delle principesse!

Il salone ha la volta con un impianto scenico incredibile che dà il senso di profondità, pur essendo solo un affresco.

salotto rosso palazzo pavesi

Il salotto rosso è un tripudio di decorazioni in oro e accanto a ritratti della famiglia si possono vedere vasi che racchiudono fiori secchi risalente a secoli fa.
L'altro salotto è più sobrio ma si può notare come la tappezzeria sui toni dell'azzurro renda l'ambiente elegante nella sua sobrietà.

salotto palazzo pavesi

La camera da letto, con affreschi che ricoprono il soffitto e le pareti, è un qualcosa di meraviglioso.
Come non rimanere incantati nell'ammirare questi palazzi che sono veri e propri tesori da scoprire del nostro grande patrimonio storico-culturale.

camera da letto palazzo pavesi

I palazzi storici di Pontremoli: Palazzo Bocconi - Zucchi Castellini


Nella stessa piazza si trova Palazzo Bocconi - Zucchi Castellini che prende il nome dalle varie famiglie che si sono succedute.
Come tanti altri palazzi di Pontremoli ha l'accesso sulla via principale e un giardino che guarda verso il fiume Magra.
L'edificio risale al XVII secolo e fu costruito sui resti dell'antica chiesa di San Giovanni, infatti entrando nel cortile si può notare come assomigli a un chiostro.

Al piano nobile si entra nel disimpegno che guarda proprio verso il giardino. Qui si può vedere come gli arredi siano in stile impero, la ricca famiglia col cambiare delle mode eliminò i mobili in stile barocco per quelli in voga nell'epoca successiva.

palazzo bocconi pontremoli
Facciata Palazzo Bocconi

Entrando nel salone si possono ammirare le porte dipinte con paesaggi e due grandi tele del Bottani e una copia di un dipinto di Guido Reni. Queste opere sono state realizzate per essere inserite proprio qui, infatti la luce che proviene dalla finestra riesce a creare dei giochi di luce/ombra che mettono in risalto alcuni particolari dei dipinti.

Purtroppo non era possibile fare fotografie degli interni.

I palazzi storici di Pontremoli: Palazzo Negri - Dosi


Palazzo Negri - Dosi si trova oltre il fiume a Pontremoli, anch'esso fu progetto da Giovan Battista Natali tra il 1732 e il 1738, lui era il punto di riferimento nelle opere architettoniche.

Una volta entrati nel giardino si può ammirare la geometria delle siepi ma la visita inizia al piano superiore, salendo un bellissimo scalone monumentale con balaustra in marmo, adornata da statue.
Dalla galleria, abbellita da busti di epoca romana, si accede al salone più grande: lampadari in vetro colorato di Venezia, finestroni ed enormi tappeti rendono l'ambiente luminoso e lussuoso.
In alto si può vedere l'affresco con vividi colori che fu rifatto in epoca successiva perché quello originale cadde.

statua sullo scalone di palazzo negri dosi
Statua sullo scalone

Visitando questo palazzo si capisce come sia abitato perché in una sala c'è anche la TV!
A Palazzo Negri - Dosi si possono ammirare i pavimenti in cotto pontremolese originali, la sontuosità dei decori e degli arredi.
Purtroppo anche qui niente foto degli interni.

affresco belvedere palazzo negri dosi
Affresco nel belvedere

Il giardino all'italiana si affaccia sul fiume Magra e dal belvedere si può ammirare la villa nella sua interezza e il panorama che è ripreso da un affresco che crea un suggestivo effetto. Per la verità il paesaggio ritratto è più bello di quello che si vede.

veduta dal belvedere palazzo negri dosi
Veduta dal belvedere

La mia visita ai bei palazzi con tesori da scoprire è finita qui visto che già in una precedente occasione avevo visitato Villa Dosi, che è aperta al pubblico con visite guidate, e Palazzo Dosi, che si trova sempre nel centro storico di Pontremoli.

3 commenti:

  1. Quando leggo articoli del genere mi stupisco sempre di quante cose eccezionali ci siano in Italia, peccato che molte siano quasi sconosciute

    RispondiElimina
  2. A guardarli dall'esterno non si direbbe quanto invece l'interno sia decorato e sfarzoso. I soffitti con tutti quegli affreschi mi hanno davvero colpita. E poi sai devo ammettere la mia grande ignoranza riguardo la struttura degli edifici. Non avevo la minima idea che la servitù si trovasse al terzo piano, non so perché ma credevo che i piani più alti fossero di maggiore prestigio. Avevo un'idea completamente sbagliata!

    RispondiElimina
  3. Pontremoli mi piace molto per il suo aspetto antico e per il museo delle Pietre di Luni. Grazie per i tuoi spunti perché, quando tornerò, avrò qualcosa di nuovo da scoprire.

    RispondiElimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.