sabato 10 maggio 2014

10 cose da vedere a Parma

Parma è una piccola città di provincia a misura d'uomo, come dicono i suoi abitanti, e vista la sua collocazione può essere un'interessante tappa turistica di un itinerario che tocca diverse città emiliane.

Il centro storico è ZTL e perciò arrivando con l'auto è bene trovare parcheggio in una zona limitrofa, noi abbiamo trovato posto nei pressi del Parco Ducale.

E' piacevole girare per il centro soffermandosi ad osservare antichi palazzi ma i più importanti luoghi turistici sono da non perdere.

Palazzo Ducale
Palazzo Ducale

La città si può visitare in un giorno e queste solo le 10 cose da non perdere a Parma secondo me.

Il Palazzo della Pilotta, situato nella moderna Piazza della Pace, dietro il suo aspetto imponente nasconde interni davvero belli. Una grande scala a tre rampe porta ai piani superiore ed ospita alcuni musei degni di nota.
 
Palazzo della Pilotta

Il Museo Archeologico Nazionale conserva reperti preistorici ritrovati nella provincia parmense.

Nel Museo Bodoniano si possono vedere oltre 80.000 pezzi originali usati nella Stamperia Reale di Parma da quando Bodoni la diresse nel 1768, gioia per gli occhi degli amanti dell'arte tipografica.

La Galleria Nazionale, in un ambiente completamente rinnovato, ospita opere pittoriche di diverse epoche. Ci sono dipinti di moltissimi artisti: Correggio, Beato Angelico, Parmigianino, Van Dyck, Tintoretto, Tiepolo e la Testa di Leda di Leonardo.

Piazza della Pace
Piazza della Pace

 Addentrandosi nel centro si arriva a Piazza Duomo, un vero gioiello di architettura per i tanti edifici che l'attorniano.

Palazzo Vescovado
Palazzo vescovado


Il Duomo di Parma, risalente al secolo XII, presenta una facciata in stile romanico con un protiro con due statue di leoni. Ho trovato molto bello il campanile in cotto e pietra nonostante fosse coperto da impalcature.
L'interno è realizzato stile manierista emiliano e vi si possono vedere una bella galleria dei matronei e molte statue che raffigurano scene di vita quotidiana o animali. Da osservare con attenzione gli affreschi che adornano la cupola, opera del Correggio, che sembrano essere attirati dall'alto grazie al sapiente uso della prospettiva.

Duomo Parma

Il Battistero di forma ottagonale è in marmo rosa di Verona spicca nella piazza, peccato che si trovi troppo a ridosso di alcuni edifici che impediscono di osservarlo in tutto il suo splendore. Opera di Benedetto Antelami, presenta tre portali con lunette ed architravi ed una serie di formelle che raffigurano animali. All'interno si possono ammirare pitture a tempera che adornano la cupola ogivale ed il ciclo di affreschi sulle stagioni ed i segni zodiacali dello stesso Antelami.

Battistero parma


Poco distante c'è la chiesa di San Giovanni Evangelista, costruita in stile romanico è stata oggetto di diverse modifiche che hanno portato alla realizzazione della facciata e del campanile in stile barocco. Molte le opere pittoriche al suo interno che comprendono lavori del Correggio e del Parmigianino. Molto bello il coro in legno che risale alla metà del '500 sul quale sono intagliate le sagome della città e dei dintorni, strumenti musicali ed oggetti vari.

Chiesa San Giovanni Parma

 In Piazza Garibaldi, purtroppo attraversata dal traffico, si ergono due importanti palazzi cittadini.

Palazzo Governatore


Il Palazzo del Governatore ha una bella torre con l'orologio mentre il Palazzo del Municipio, la cui struttura originale risale al 1281, presenta un porticato del 1600 sotto al quale sono poste statue. A fianco si trova una fontana sormontata da una statua in bronzo denominata i dö brasé dai parmigiani.

Statua Ercole Anteo Parma
La statua di Ercole e Anteo del fiammingo Vandersturck

Per rilassarsi dopo la visita si può andare al Parco Ducale, esempio di giardino alla francese, passeggiando lungo i viali alberati fino ad arrivare alla peschiera con la Fontana del Trianon, senza dimenticare di osservare il Palazzo Ducale e le statue poste nei pressi.

9 commenti:

  1. Parma ❤ un pezzettino del mio cuore! Ci ho vissuto tanti anni per motivi di studio...lì sono diventata indipendente e sempre lì ho costruito importanti rapporti di amicizia e mi sono innamorata di mio marito! I posti di cui parli li conosco tutti molto bene e ti dico una curiosità, se non lo sai già! La statua di Ercole e Anteo viene chiamata in modo buffo dai parmigiani! Loro la chiamano I Du brasè, per via della posa che assumono i protagonisti che sembrano quasi abbracciarsi!
    Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sapevo fossero chiamati così :)

      Elimina
  2. Che bella Parma! Voglio presto dedicarle una giornata! Anche perché ci vuole tutta una giornata vero? Dalla tua descrizione ne esce un quadro così colmo di cose da vedere, che non voglio perdere nulla!
    Ci sono card giornaliere e se si, conviene acquistarle o meglio gli ingressi singoli?
    A presto,
    Claudia B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No saprei dirti nulla delle card. Io andai un lunedì mattina e tutti i musei erano chiusi. Siamo riusciti solo ad entrare nel duomo :( Abito vicino ma spesso sono a Parma solo di passaggio.

      Elimina
  3. Pensare che a Parma ci sono stata milioni di volte,ma sempre di passaggio..guarda quante cose mi sono persa! Evidentemente non gli ho dedicato il tempo necessario,perche di cose interessanti ce ne sono un sacco dal Battistero al Duomo..da rivedere sicuramente visto che è a "due passi" da casa!

    RispondiElimina
  4. Troppi musei ed edifici simili tra loro per i miei gusti, però la statua di Ercole e Anteo è davvero stupenda!

    RispondiElimina
  5. Parma è davvero carina e a misura d'uomo, da Bologna è comoda e ci sono stata varie volte!

    RispondiElimina
  6. Il centro di Parma non l'ho mai visitato. Sembra ci sia davvero molto da vedere 🙂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi piacerebbe tornare per visitare i musei. E' solo a due ore di treno ma non mi decido mai ad andare :(

      Elimina