martedì 21 agosto 2018

Cosa vedere ad Agrigento in due giorni

La città di Agrigento offre tante cose da vedere e in due giorni è possibile visitarla con la dovuta attenzione e godersi anche una delle spiagge più belle che abbia visto nel mio viaggio di una settimana in Sicilia.

Sicuramente Agrigento è nota per la Valle dei Templi, l'area archeologica entrata a far parte dei siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO per la presenza di templi dorici di straordinaria bellezza come quello della Concordia che è giunto a noi quasi integro.

La visita della città può iniziare proprio da qui tenendo presente che occorrono almeno due ore solo per vedere quest'area e si aggiunge anche il quartiere ellenistico romano diventano tre ore.

Cosa vedere ad Agrigento in due giorni. Il tempio della Concordia
Il Tempio della Concordia

Cosa vedere ad Agrigento: la Valle dei Templi



La mia visita alla Valle dei Templi è iniziata dalla Porta V e mi sono ritrovata così a percorrere in leggera salita l'area archeologica lunga circa 1,5 chilometri.
Grazie all'audio guida ho potuto capire meglio ciò che guardavo e collocare cronologicamente i templi e vi riporto alcuni dati storici.

In questa area fu costruita dai Greci nel VI secolo a.C. una colonia, Akragas,  e nel periodo di maggior splendore vi abitarono ben 200.000 persone. Dopo la sconfitta coi Cartaginesi, nel 406 a.C., furono abbattute le mura difensive che erano lunghe 12 chilometri e avevano 9 porte. Successivamente con l'occupazione romana l'area rurale fu abbandonata così come quella dei templi, costruiti nel V secolo a.C., e la popolazione si spostò sulla collina fondando l'odierna Agrigento.
veduta sulla valle dei templi dal tempio di giunone
Veduta sulla valle dal tempio di Giunone. Si vede il Tempio della Concordia

Entrando dalla Porta V sulla sinistra si vede il Tempio dei Dioscuri ma rimangono in piedi solo quattro colonne e l'errato restauro ottocentesco ha unito elementi non pertinenti tra loro.

il tempio dei dioscuri

Dopo aver visto i pochi resti del santuario delle divinità Ctonie si arriva a un'area molto interessante dove ci sono i telamoni del Tempio di Zeus. Queste grandissime figure alte quasi 8 metri sostenevano la trabeazione e perciò si può comprendere quanto dovesse essere grande il tempio.

Il nome dei templi è stato dato nei secoli scorsi ma in realtà non si conosce a quale divinità in realtà fosse dedicato ogni edificio.

Proseguendo si arriva al Tempio di Ercole e sopra il basamento a tre gradini si vedono diverse colonne che fanno comprendere come fosse imponente. Questo è anche il tempio più antico dell'area archeologica.

il tempio di ercole

Praticamente a metà dell'area archeologica si trova Villa Hardcastle che fu la residenza dal 1921 del capitano dell'esercito inglese che finanziò i restauri e gli scavi nella Valle dei Templi.

villa hardcastle

Il tempio più bello e meglio conservato è quello della Concordia che, come nel classico stile dorico, ha sei colonne sul lato corto e tredici su quello lungo.
Io l'ho trovato splendido nella perfezione delle proporzioni e sono ben felice che sia stato distrutto come altri. Dall'audio guida ho appreso che è rimasto incolume perché in epoca romana fu trasformato in basilica cristiana e infatti si vede come all'interno sia stato modificato.

il tempio della concordia visto frontalmente


Proseguendo si costeggia un tratto di mura greche e una zona adibita a sepoltura alla fine dell'età pagana sino ad arrivare al Tempio di Giunone che è quello in posizione più elevata tanto da offrire una bellissima vista sulla vallata e sull'area archeologica.

tratto di mura greche nella valle dei templi
Tratto di mura

Accanto si può vedere anche l'ara sacrificale sulla quale purtroppo molti salgono per farsi scattare le fotografie incuranti dei cartelli.

tempio di giunone nella valle dei templi
Tempio di Giunone

Tornando indietro a metà strada mi sono inoltrata tra gli ulivi, i mandorli e gli alberi di pistacchio che non avendoli mai visti ho riconosciuto osservando i frutti, o meglio i semi.

il tempio della concordia visto dal sentiero che porta al quartiere ellenistico romano
Il Tempio della Concordia e sotto gli alberi da frutto.

Per arrivare al quartiere ellenistico romano si deve camminare un po' e capisco che sotto il sole non sia l'ideale ma ne vale la pena perché si può visitare l'antica città con quattro cardi e tre decumani.

il quartiere ellenistico romano

Qui si vedono le abitazioni in arenaria separate le une dalle altre da intercapedini. All'interno rimangono tracce dei pavimenti musivi e di dipinti sulle pareti.

pavimento con mosaici nel quartiere ellenistico romano

La Valle dei Templi è servita da parcheggi posti vicino alle due entrate: una vicino al Tempio di Giunone e l'altra vicino a Porta V il cui costo per le auto è di 3 euro.

Piccola nota polemica: alla biglietteria bisogna aspettare troppo tempo, avere l'audio guida per sole 3 ore è limitante nella tempistica di visita, la mancanza di tour guidati in inglese in taluni giorni.

Cosa vedere ad Agrigento: il Museo archeologico Griffo


Proprio accanto all'area degli scavi di epoca romana si trova il Museo archeologico regionale Pietro Griffo ma si può accedere anche dalla strada che porta in centro città.
Considerato che la sua visita richiede almeno due ore è consigliabile tornare indietro per lasciare l'audio guida, se si è acquistato il biglietto cumulativo, e poi venire qui in auto per poter restare tutto il tempo che si desidera.
Il museo è davvero grande e conserva tantissimi reperti ritrovati nella zona di Agrigento, Enna e Caltanissetta che vanno dal'età preistorica a quella greco-romana. Uno dei reperti più interessanti è il Telamone dell'Olympeion che è stato proprio rivenuto nell'area della Valle dei Templi, era uno dei telamoni del Tempio di Zeus, e poi ricostruito per essere esposto qui.

 Telamone dell'Olympeion nel museo archeologico
Il Telamone gigantesco

Cosa vedere ad Agrigento: il centro storico


Non mi aspettavo che il centro storico di Agrigento fosse così bello e si vede come stiano cercando di renderlo accogliente curando le viuzze che salgono sul Colle di Girgenti verso la Cattedrale. All'interno del dedalo di stradine ci sono cartelli che suggeriscono un percorso che porta a visitare i luoghi più caratteristici.

via neve e chiesa di san lorenzo ad agrigento
Via Neve e Chiesa di San Lorenzo

Una delle vie più belle è Via Neve che è tutta colorata e abbellita con opere della street art, non per niente è definita la via delle Arti.

street art in via neve ad agrigento

Mi è piaciuto girovagare per le strade del centro storico di Agrigento ammirando tanti begli edifici e chiese come quella di Santa Maria dei Greci. Purtroppo il duomo era in ristrutturazione e perciò coperto dalle impalcature e non accessibile.

chiesa di santa maria dei greci

Tornando indietro sono passata davanti alla Chiesa di San Domenico in stile barocco che è attigua al palazzo comunale tutto ricoperto di edera. Questa piazza alberata mi ha dato un senso di tranquillità non nonché refrigerio dalla calura estiva.


chiesa di san domenico e municipio di agrigento

Appena fuori città si può visitare la Casa Museo di Pirandello che è proprio sul mare. Qui si possono vedere oggetti personali dello scrittore premio Nobel e occasionalmente mostre a lui dedicate. Sotto un cippo commemorativo c'è l'urna con le sue ceneri.

Cosa vedere ad Agrigento: Scala dei Turchi


Dopo la visita della città di Agrigento consiglio di andare a Scala dei Turchi che si trova nel vicino comune di Realmonte.
Già lungo la strada in alcuni tratti si vedono le falesie bianche ma arrivati sul posto si rimane incantati nell'osservare la parete rocciosa a picco sul mare.
La scogliera si trova tra due spiagge sabbiose e si può salirci sopra perché non troppo ripida.
Io l'ho trovata bellissima e ho gradito molto stendermi nella parte bassa della scogliera e fare il bagno tra gli scogli a pelo dell'acqua ricoperti da un po' di alghe, ma niente pericolo di ricci!

la scogliera di scala dei turchi

Agrigento è una bella città e visitando la Sicilia si può considerare di dormire almeno una notte in zona per poter visitare sia il centro storico sia la Valle dei Templi e poi fare un giro lungo il litorale.

12 commenti:

  1. Sono stata in Sicilia a luglio. Agrigento non l'ho visitata ma sarà sicuramente una prossima tappa! Ciao Simona

    RispondiElimina
  2. La valle dei Templi l'ho visitata, è davvero suggestiva. Mi manca la scala dei Turchi , provvederò.. :-)

    RispondiElimina
  3. Non vedo l'ora di fare una fuga in questo paradiso storico

    RispondiElimina
  4. Ciao Stefania, io la Valle dei Templi l'ho visitata a dicembre. Non oso pensare ad attraversare tutto il Parco sotto il sole estivo. Sicuramente la bellezza dei templi ripaga anche questa sofferenza! Confesso che dopo aver letto il tuo articolo ho un piccolo rammarico per non aver visitato il Museo Archeologico e il centro storico di Agrigento.

    RispondiElimina
  5. un luogo magico e ricco di storia che purtroppo non ho ancora mai visto!

    RispondiElimina
  6. Ci sono stata anni fa in gita con la scuola... la Valle dei Templi è davvero stupenda, il museo archeologico però non lo abbiamo visto. Spero di poter tornare presto in Sicilia, credo sia una regione bellissima dove c'è molto da vedere e da fare, e dove si mangia anche molto bene!

    RispondiElimina
  7. Agrigento mi manca, e non vado fiera di questa mia mancanza perchè, ora che ho letto il tuo post, capisco quanto mi sto perdendo! Devo organizzare un viaggio il prima possibile! Avevo già sentito parlare della Scala dei Turchi, ma non di tutte le piccole grandi bellezze del centro storico!

    RispondiElimina
  8. Sono stata ad Agrigento in gita scolastica, e vorremmo tanto ritornarci. Una delle mete che non vorrei perdermi è la casa natale di Pirandello a Porto Empedocle. Le foto del centro storico sono uno spettacolo.

    RispondiElimina
  9. Quando sono stata in Sicilia mi sono innamorata della valle dei templi, è un luogo che ti lascia a bocca aperta, soprattutto quando si aspetta il tramonto. agrigento me la sono goduta meno, vista un po di fretta. Ma la Sicilia tutta è un isola magica

    RispondiElimina
  10. Ma Agrigento è super interessante, quanta street art! La Valle dei Templi mi ispira molto, spero di poter andarci prima o poi. E la Scala dei Turchi che meraviglia <3

    RispondiElimina
  11. Mio marito mi dice sempre che Agrigento è bellissima!! Lui c'è stato da piccolo quando ancora c'erano i rullini... e le foto allal Valle dei Templi non vennero (vi ricordate quando i rullini sembrano infiniti, ma perchè in realtà erano usciti??)... e quindi nei nostri propositi c'è quello di andarci insieme!!! Vedremo quando riusciremo!!! bellissima la strada Via Neve!

    RispondiElimina
  12. Sono stata ad Agrigento tanti anni fa, più di 20 a dire il vero. Ero bambina eppure ricordo ancora la meraviglia della Valle dei Templi, un tesoro che mi piacerebbe tanto rivedere. Non ricordo molto della città però, un motivo in più per tornarci.

    RispondiElimina

Prima di commentare di invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.