martedì 10 gennaio 2017

Oman: i siti Patrimonio Unesco

Ho terminato il 2016 con un bel viaggio nel continente asiatico o meglio nello stato mediorientale dell'Oman.
Durante i 9 giorni di viaggio ho avuto modo di visitare diversi siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO.

Il primo sito che è visitato è stata la fortezza di Bahla che è una delle 4 fortezze storiche del Paese.

Forte di Bahla
Forte di Bahla


La fortezza dal 1987 Patrimonio Unesco e dopo i restauri si presenta in tutto il suo splendore. Fu costruita tra il XII ed il XV secolo con un materiale chiamato adobe che è un misto di argilla, sabbia e paglia che viene fatto essiccare al sole. Usato soprattutto nelle zone semidesertiche ha la prerogativa di mantenere gli ambienti caldi in inverno e freschi in estate ma è soggetto al deterioramento causato dalle piogge.

Bahla

Entrando si sente proprio una gran frescura anche quando le temperature superano i 30 gradi.
Il forte si poggia su fondamenta in arenaria, ha torri alte ben 55 metri e mura lunga 12 chilometri.

Bahla


Un sito Patrimonio UNESCO dell'Oman è il sistema d'irrigazione degli Aflaj. Ce ne sono oltre 3 mila e 5 sono stati scelti per rappresentare questo antico sistema che risale al I secolo anche se gli archeologi hanno trovato tracce di precedenti aflaj datati 2.500 a. C.

Falaj Al-Khatmeen
Falaj Al-Khatmeen a Birkat Al Mouz

Sfruttando la forza di gravità l'acqua dalle sorgenti sotterranee o dalle fonti viene convogliata in canali che arrivano nelle abitazioni, nelle moschee per le abluzioni e soprattutto irrigano gli orti. Nelle vicinanze del sistema d'irrigazione, chiamato falaj al singolare, ci sono torrette di osservazione che monitoravano le condutture.

Falaj Al-Khatmeen a Birkat Al Mouz


Tutto questo sistema è gestito in maniera di dividere equamente l'acqua tra i diversi villaggi seguendo un calendario.

aflaj

Io ho avuto modo di vedere il Falaj Al-Khatmeen a Birkat Al Mouz nella zona di Nizwa. Questo falaj copre un'area di 3 chilometri quadrati e corre per oltre 2 chilometri sottoterra passando anche sotto il forte di Bait al-Radidah. Girando per il villaggio si vedono proprio questi canali che portano tanta acqua facendo crescere rigogliosi palmeti e bananeti, proprio da questi ultimi prende il suo nome il paese.

Falaj Al-Khatmeen a Birkat Al Mouz
Bait al-Radidah

18 commenti:

  1. Un viaggio che mi piacerebbe molto fare!! Come ti sei organizzata? Viaggio fai da te? Su che spesa siamo più o meno?
    Chiara - www.conunviaggionellatesta.it

    RispondiElimina
  2. Questa volta sono partita con un viaggio organizzato ma si può fare benissimo fai da te!

    RispondiElimina
  3. Che bel viaggio dev'essere stato!! Mi affascinano moltissimo le mete "alternative".

    RispondiElimina
  4. Per il mio viaggio (annullato) in India,avremmo dovuto fare una cosa come 20 ore di scalo in Oman...ti confesso che non avevo idea di che posto fosse prima di averlo letto sul biglietto aereo ( beata ignoranza) percio mi sono informata un po' e ho scoperto che è una meta mooolto interessante...come tutti questi posti che racchiudono delle chicche dove il tempo sembra non scorrere mai... avevamo deciso di approfittare del lungo scalo per vedere qualcosa...ma anullando il viaggio l occasione è andata persa... fra poco sarà il momento di ri organizzare il tutto, chissa che non esca un altro volo conveniente con scalo in Oman! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In venti ore avresti modo di vedere bene Muscat e di fare anche il bagno nelle sue spiagge.

      Elimina
    2. Ottimo !grazie per il consiglio! Domami mi metto in cerca del volo! :-)

      Elimina
  5. L'Oman è sicuramente una destinazione poco conosciuta. Io stessa non sapevo l'esistenza di questi particolari siti.

    RispondiElimina
  6. Che bello, questo paese mi ispira tantissimo! Una mia amica è appena tornata da un viaggio di 3 settimane...e vi invidio molto :)

    RispondiElimina
  7. Wow, che bel viaggio deve essere stato...ho visto qualche documentario su questo paese e mi aveva affascinato moltissimo. Siti bellissimi. Carmen

    RispondiElimina
  8. Stefania che meraviglia questo viaggio, quanto mi piacerebbe farlo! Credo sul serio sia stato il modo migliore per terminare il 2016. Soprattutto con una serie di visite storiche ed archeologiche di questo tipo.
    Claudia B.

    RispondiElimina
  9. L'Oman è una meta che sogno. Come ti sei trovata? Una mia cara amica si è trovata bene ma ha notato una gran diffidenza nei confronti delle donne. Hai notato anche tu questa cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo un Paese islamico si nota molto la diversità tra uomini e donne, soprattutto nei piccoli villaggi. Ne parlerò prossimamente. Comunque sono tutti gentilissimi ed ospitali.

      Elimina
  10. L'Oman è una di quelle destinazioni che non ho mai preso in considerazione..ma sembra davvero interessante! Aspetto altri tuoi articoli a riguardo :)

    RispondiElimina
  11. L'Oman è da sempre nei miei progetti. Una meta che da anni mi affascina. Paese che vorrei prima o poi visitare. Ho letto che ci sei stata per nove giorni. Sono abbastanza per visitare il paese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In nove giorni si visita una minima parte dell'Oman. Mi piacerebbe tornare per stare più giorni nel deserto a confine con l'Arabia ed andare nella zona sud.

      Elimina
  12. Wow! la fortezza è bellissima. Sembra davvero un castello di sabbia.... Mi hanno parlato bene in tanti dell'Oman anche se non è una meta tanto presa in considerazione!

    RispondiElimina
  13. Dell'Oman non so nulla, forse anche per il fatto che è uno stato ancora poco turistico e non c'è abbondanza di materiale da leggere.
    Non avrei pensato che in Oman ci sono siti storici di questo tipo, assolutamente da vedere.
    Belle le fotografie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo incontrato soprattutto gruppi organizzati e quasi tutti italiani! In effetti online avevo trovato poco sull'Oman e cercherò di scrivere quanti più post possibili per essere utile a chi volesse organizzare un viaggio.

      Elimina