venerdì 15 aprile 2016

Lago Myvatn 5 cose imperdibili

Una delle zone più belle dell'Islanda è quella attorno al Lago Myvatn.
Perciò chi vuole organizzare un viaggio on the road da quelle parti è bene che tenga presente che almeno 3 giorni vanno dedicate a questo luogo che offre tante cose da vedere e da fare.

Per idee su come programmare il viaggio potete leggere la mia guida Islanda a tappe che trovate in vendita su Amazon.

Myvtan
Pseudocrateri vicino al lago


Ecco le 5 cose imperdibili da fare nella zona del Lago Myvatn:
  • Visitare l'area geotermica di Hverir che si trova sotto il monte Nàmafjall. Dopo aver percorso un tratto di strada dal panorama brullo, quasi lunare, l'arrivo qui ripaga già gli occhi per i suoi colori che spaziano dal rosso al giallo al grigio delle pozze di fango in ebollizione. Certo l'odore sulfureo non è piacevole ma le sorgenti di vapore sono spettacolari!

Hverir
Pozza di fango a Hevrir

  • Visitare la zona del cratere di Stora-Viti e la vicina area del Leirhnjúkul. Il primo offre la possibilità di fare un breve trekking attorno alla sommità del cratere, che si è formato nel 1724, per ammirare il lago azzurro al suo interno. Attenzione se è piovuto al fango lungo il percorso che si attacca alle scarpe e richiede una lunga operazione di pulizia! La seconda zona è formata da campi di lava che si sono creati durante le eruzioni avvenute tra il 1975 ed il 1984. Come vedete perciò è un'area molto recente e toccando il suolo si sente ancora tanto calore. Qui ci sono diversi percorsi che portano a scoprire sorgenti di vapore e formazioni laviche dai molteplici colori. 

Stora Viti
Il cratere di Stora-Viti

 Leirhnjúkul
Area vulcanica

  • Un bagno nelle calde acque geotermali dei Myvatn Naturabaths. I bagni termali sono piacevolissimi soprattutto se fuori fa freddo, ma non spaventatevi perché anche se ci sono 8°C quando si esce non si sentono! Nei bagni è possibile passare da una vasca con tanti getti d'acqua calda ricca di silicati e minerali ad una con temperature un pochino inferiori per rigenerare il proprio corpo. Questi bagni sono meglio inseriti nel contesto naturale rispetto alla più famosa Laguna Blu che è decisamente più turistica.

Myvatn naturalbaths


  • Passeggiare attorno al lago per osservare l'avifauna in un bellissimo contesto fatto di formazioni rocciose come quelle del Kálfaströnd, pseudocrateri, boschetti e formazioni laviche come quelle del Dimmuborgir che non si trovano in nessun'altra parte del mondo. Unica avvertenza è quella di proteggersi dall'assalto dei moscerini che con le condizioni climatiche favorevoli sono migliaia. Non per niente nei negozi sono in vendita retine per proteggere il viso. Se si pensa al contesto in cui è inserito sembra strano che la zona del lago sia ricca di vegetazione ed invece è così perché le acque contengono sali minerali e fitoplacton. 

Myvatn
Veduta del lago
  • Fare un'escursione all'Askja che secondo molti è la zona più particolare dell'isola per il suo paesaggio lunare e la caldera del vulcano con all'interno il lago più profondo dell'isola. Vista la pessima condizione della strada con tanti guadi da attraversare per arrivare si possono prenotare escursioni giornaliere un po' costose ma che ripagano per l'unicità del luogo.

11 commenti:

  1. L'Islanda è uno dei viaggi che mi sono imposta di fare almeno una volta nella vita.
    Essendo ancora giovane credo proprio di andarci ahaha, comunque trovo molto utile e chiaro il tuo articolo su questo luogo così bello e magico secondo me. :)

    RispondiElimina
  2. Questo vademecum è il top Stefania! In un solo post hai risposto a due domande, che mi assillavano durante la pianificazione del viaggio in Islanda (poi saltato): con cosa sostituire la Laguna Blu, troppo turistica per me; e quanti giorni fermarmi nella zona del Lago Myvatn.
    Ti salvo fra i preferiti 😉
    Claudia B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per qualsiasi informazione sai dove trovarmi :) Anche secondo me la Laguna blu è troppo turistica e costa anche molto di più!

      Elimina
  3. Wow che paesaggio lunare!!! L'Islanda mi piacerebbe molto visitarla...deve essere un'esperienza meravigliosa, un'immersione in una natura così incontaminata che non riesco nemmeno ad immaginare. Quando arriverà il momento saprò dove raccogliere informazioni ;-) un abbraccio!!! Carmen

    RispondiElimina
  4. A parte il paesaggio che è da mozzare il fiato,tra crateri vulcanici e il verde della natura rigogliosa...ma le sorgenti??? Che bello!immergersi nell'acuqa calda naturale con fuori il freddo...e stare lì a crogiolarsi...un paradiso! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che ero restia ad andare, poi non volevo più uscire :)

      Elimina
  5. un paese che mi attira già da qualche tempo. i tuoi racconti non fanno che rafforzare la mia idea di andare a visitarlo. Mi sa che mi scarico la tua guida e organizzo

    RispondiElimina
  6. L'ho messa nella lista dei desideri, al pii presto mi scarichero' la tua guida!!

    RispondiElimina
  7. Ma che bello, un paesaggio incredibile!

    RispondiElimina
  8. Paesaggi incredibili...peccato davvero per il brutto tempo, che forse non ha aiutato nella realizzazione delle foto! :-(

    RispondiElimina
  9. I paesaggi islandesi incantano e magnetizzano. Partirei subito alla volta di questi cinque luoghi... 🙂

    RispondiElimina