7 marzo 2017

Cosa vedere nella città medievale di Rodi

La città medievale di Rodi è stata inserita tra i Patrimoni dell'Umanità UNESCO nel 1988 e, devo dire, che girovagando per le sue viuzze l'ho trovata splendida e ricca di cose da vedere.

La città è molto antica ma solo con l'occupazione da parte dell'ordine di San Giovanni di Gerusalemme, tra il 1309 e il 1523, fu trasformata in una roccaforte, tanto che le sue mura sono considerate un capolavoro dell'architettura militare.

Nel corso dei secoli le mura originarie furono ricostruite, per colpa dell'assedio dei turchi e per colpa del terremoto del 1481, quando eressero anche torri di avvistamento e bastioni come quello circolare, chiamato del Carretto, qui ci sono incastrate delle palle di cannone, e quello ottagonale di San Giorgio.

Cosa vedere nella città medievale di Rodi il palazzo dei cavalieri
Il cortile del Palazzo dei Cavalieri


La città vecchia, racchiusa dalle mura, ha diverse porte di accesso: la porta di San Atanasio dalla quale entrò Solimano il Magnifico nel 1522, la porta d'Amboise e la porta Marina, che si apre verso il porto tra due torri con merlature.

La bellissima città medievale di Rodi si può dividere in diverse zone, che testimoniano i suoi cambiamenti storici e architettonici, nelle quali coesistono architetture medievali, gotiche e turche.
Sicuramente la visita alla città è una delle cose da fare durante il soggiorno sull'isola di Rodi.

Un tratto delle mura di rodi medievale

Cosa vedere nella città di Rodi


L'attrazione principale della città medievale è senza dubbio il Palazzo dei Gran Maestri dei Cavalieri di Rodi che ospitò, appunto, quest'ordine religioso per poi divenire prigione durante l'occupazione ottomana.
Purtroppo fu quasi distrutto dall'esplosione della polveriera alla metà dell'800 e ricostruito nel periodo dell'occupazione italiana, nei primi decenni del '900.

L'entrata del Palazzo dei Cavalieri di Rodi

Il Palazzo all'esterno è molto bello, con le due torri che svettano sulla facciata, ma mi ha affascinato pure il cortile interno con l'ampia scalinata.
Al primo piano si trovano grandi sale, con mosaici di epoca ellenica e bizantina, ma anche mobili ben più recenti.

Mosaico della Medusa nel Palazzo dei cavalieri
Mosaico della Medusa all'interno del Palazzo dei Cavalieri

Consiglio la visita anche alle mura della città di Rodi alle quali si accede dalla stessa piazza tra le 12 e le 15. Camminando su di esse ho avuto modo di osservare il fossato che le circonda e che un tempo erano pieni d'acqua e i terrapieni.

Nei pressi del palazzo ci sono la Via dei Cavalieri, o Ippoton, e la Sokratous che sono le più frequentate dai turisti e il troppo affollamento non permette di apprezzarle in pieno. Percorrendo la seconda ci si ritrova nella piazza di Ippocrate dove ci sono una piccola fontana, di epoca turca, e la Loggia dei Mercanti con una bella scalinata.

Ippocrate square Rodi
La piazza con la Loggia dei Mercanti

Un altro palazzo da vedere, nella città medievale, è l'Ospedale dei Cavalieri che ospita il museo archeologico che conserva lapidi funerarie, statue e stupendi mosaici.
Costruito nei primi decenni del '400 ha una bella targa in marmo, sopra l'entrata, e un cortile con due ordini di gallerie con arcate che poggiano su pilastri.

Cortile dell'Ospedale dei Cavalieri
Il cortile dell'Ospedale dei Cavalieri

Girando per la Rodi medievale si rimane affascinati da molti posti un po' defilati, come l'incantevole Argyrokastrou square.
Nella piazza si trovano una fontana, in realtà una fonte battesimale di epoca bizantina che fu trasportata qui da un villaggio dell'isola dagli italiani, e uno stupendo edificio del XIV secolo che ospitava l'Armeria.

Argyrokastrou square
Argyrokastrou square

Il quartiere turco di Rodi


Nel quartiere turco di Rodi si può ammirare la Moschea di Solimano il Magnifico con un bel porticato e la facciata dipinta in rosa, che la fa spiccare tra gli altri edifici in pietra del centro storico. La moschea fu costruita dai turchi sopra una chiesa bizantina, aggiungendo il minareto.

Moschea Solimano
Il porticato della moschea

Durante la mia visita era chiusa ma, ho saputo che, conserva antiche miniature coraniche.

Vicino si trova la bella torre dell'orologio sulla quale si può anche salire per ammirare il panorama dall'alto. Costruita alla metà dell'800, sopra i resti di un'antica torre medievale, ha una struttura molto bella con le colonne e la cupola che le conferiscono un fascino particolare.

Torre dell'orologio

Il quartiere, chiamato anche hora o chora, ha stretti vicoli e vi si trovano anche gli yenì hamam, bagni turchi restaurati nel 2001, chiese di epoca bizantina e palazzi gotici.

Viuzze nella Rodi medievale

Una delle zone che ho trovato più affascinanti della città medievale di Rodi è quella tra la porta San Atanasio e la via Sokratous perché ricca di angoli suggestivi.

Qui si ha modo di vedere vicoli con sopra strutture ad arco, in realtà sono il vecchio sistema idrico della città. Girovagare lungo le vie acciottolate, un po' a caso, porta a riscoprire una bella città ricca di storia con bellissime e imponenti mura.

7 commenti:

  1. Mi fionderei subito a girovagare per il quartiere turco! Sono attratta dalla cultura Araba, in Spagna per esempio ho amato tanto Cordoba e Grandada!!!

    RispondiElimina
  2. Mmm. È la prima volta che vedo foto di Rodi, e a dirti la verità non mi attira molto :/ peccato.

    RispondiElimina
  3. Sembra carina, non so se la sceglierei come destinazione, ma per una toccata e fuga perché no!

    RispondiElimina
  4. Prima o poi devo decidermi ad andare in Grecia, è una mia grande lacuna! :-( Mi ispira molto il Palazzo dei Grandi Maestri dei Cavalieri!

    RispondiElimina
  5. Come sempre i tuoi articoli sono precisi e dettagliati. Sono stata tanti anni fa a Rodi , ma devo dire che il suo fascino me lo ricordo ancora

    RispondiElimina
  6. Il Palazzo dei Grandi Maestri dei Cavalieri è molto bello!
    Mi piacciono tanto le città medievali :D

    RispondiElimina
  7. Ho visitato la città medievale di Rodi, così tanti anni fa! Mi sembra passato un secolo (era il 2003), eppure di quei vicoli e quegli affacci di cui parli così approfonditamente tu, mi resta un bellissimo ricordo.
    Non ti nego, Stefania, che vorrei tornare per vedere tutto con più calma, dato che abbinammo la visita ad un'escursione a Lindos (meravigliosa). Mi piacerebbe scoprire qualche altro angolino che non sono riuscita a vedere.
    Ma sai che mi hai fatto fare un bellissimo salto nel passato? Grazie ;-)
    Claudia B.

    RispondiElimina

Prima di commentare ti invito a leggere la Privacy Policy del blog per l'accettazione.