giovedì 30 novembre 2017

Trekking lungo il sentiero Sestri Levante Moneglia

Una delle mie grandi passioni è il trekking e qualche settimana fa ho percorso il sentiero che da Sestri Levante conduce a Moneglia.
Ho seguito il sentiero verde azzurro che partendo dai carrugi di Sestri Levante porta a Punta Manara e prosegue verso Riva Trigoso per risalire verso Punta Baffe e con un continuo sali scendi arriva a Moneglia.
Ho scelto di fare il percorso un po' più lungo per godermi il meraviglioso paesaggio costiero e la bellezza della macchia mediterranea cogliendo corbezzoli ormai giunti al culmine della maturazione.

Trekking lungo il sentiero Sestri Levante - Moneglia
Veduta di Sestri Levante


Trekking da Sestri Levante a Riva Trigoso



Il sentiero parte dal centro storico di Sestri Levante e precisamente da Vico del Bottone che è una traversa della Via XXV Aprile. Quasi si passa senza accorgersene se non ci fosse un cartello posto nel vicoletto! Si prosegue chiudi lungo la salita della Mandrella e da qui non si può più sbagliare perché il sentiero è ben segnalato e non ha biforcazioni.
Si attraversano uliveti sempre avendo sulla destra un bellissimo panorama costiero che raggiunge il top della bellezza quando si avvista la Baia del Silenzio. In diversi punti si può osservare Sestri Levante dall'alto ed apprezzarne l'incanto.

sentiero sestri levante torre manara in mezzo agli ulivi

Dopo aver superato una zona quasi pianeggiante si sale e poi si prosegue nel trekking verso Punta Manara. Per raggiungere il promontorio si sale una ripida scala in cemento e lassù si trova la torre di avvistamento che faceva parte di un sistema di segnalazione costruito nel '500 per cercare di contrastare le incursioni dei pirati.

Torre Manara

Nonostante la giornata nuvolosa dal promontorio di Torre Manara, sopra le ripide falesie, la vista era splendida. Se si è fortunati e si trova cielo terso si possono vedere le Alpi del ponente ligure e l'arcipelago toscano.

veduta della baia del silenzio da Punta Manara
Veduta della Baia del Silenzio dal promontorio

Scendendo nuovamente le scale si prosegue a destra verso Riva Trigoso lungo il sentiero che attraversa un lecceto. Il percorso è agevole e giunge ad una strada asfaltata. Dopo le prime case si trova un'abitazione dipinta in giallo dalla quale si scende lungo i campi coltivati. Questo segnavia non è ben visibile trovandosi su un muretto basso quindi tenete conto che si deve passare sul terrazzo della casa per dirigersi verso i campi.

Il sentiero è abbastanza ripido perché arriva al livello del mare nella cittadina rivierasca. Qui un tempo venivo spesso in spiaggia anche se la visione del cantiere navale non è il top.

veduta di Riva Trigoso

Si può approfittare del passaggio a Riva per acquistare qualcosina da mangiare o fare una sosta. Nel paese ligure il sentiero è segnato da una freccia rossa in terra. Comunque è importante proseguire paralleli alla costa e poi seguire la strada che costeggia il cantiere sino ad arrivare al cimitero vicino alla linea ferroviaria.

Trekking da Riva Trigoso a Moneglia


Qui si ritrovano le chiare indicazioni dei sentieri e si sale lungo la strada sterrata che in alto offre un bel panorama su Riva Trigoso.

panorama di Riva trigoso dal sentiero verso Punta Baffe

Il trekking verso Moneglia è pianeggiante e attraversa un'area che ha subito un incendio anni fa e perciò si vedono solo cespugli di corbezzoli, buonissimi frutti autunnali, mentre lo sguardo spazia verso la Val Petronio.

sentiero verso Punta Baffe

Ad un certo punto si sale e si trova un bivio che indica varie possibili deviazioni.
Io ho proseguito verso Punta Baffe sempre seguendo il sentiero verde azzurro che si trova in mezzo alla macchia mediterranea.
La torre circolare è integra e molto bella.

Torre Baffe

Nei pressi della costruzione si trovano altre indicazioni ed io ho seguito quelle dietro la torre che indicavano in 2 ore e 15 minuti il tempo necessario per raggiungere Moneglia mentre in realtà ho impiegato 2 ore e 35 minuti.
Infatti il primo tratto scende ripido verso il basso e poi diventa quasi pianeggiante parallelo alla costa in mezzo ai cespugli d'erica ed ai corbezzoli per poi ridiscendere verso l'agriturismo Nûa Natûa.

agriturismo nua natua a Moneglia

Quindi superati alcuni ruscelli grazie a ponticelli in legno si risale tra i lecci e poi i cespugli di corbezzoli Valle Grande per riguadagnare l'ampio sentiero che arriva da Monte Moneglia, il sentiero alternativo con meno dislivello e molto più breve.

panorama della costa nei pressi di Valle Grande

A questo punto i chilometri percorsi si sono fatti sentire sulle mie gambe e la salita è stata dura!

Questo tratto di sentiero, nonostante sia faticoso, è bellissimo perché regala stupendi scorci della costa ligure con le sue ripide scogliere.

panorama costiero tra Punta Baffe e Valle Grande

Si ridiscende poi verso Moneglia e l'ultimo tratto è una ripida discesa su strada asfaltata.
Se la stagione è bella si può andare in spiaggia a godersi il sole o il tramonto.

panorama di Moneglia
Moneglia

Itinerario: Sestri Levante - Punta Baffe (170 m) - Riva Trigoso - Punta Manara (244 m) - Nûa Natûa (50 m) - Valle Grande (274 m) - Moneglia
Sentieri: segnavia sentiero verde azzurro
Lunghezza : da Sestri Levante a Riva Trigoso 5,5 Km - da Riva a Torre Baffe 3 Km - da Torre Baffe a Moneglia passando da Valle Grande 6,5 Km
Lunghezza Totale: 15 Km circa
Tempo di percorrenza totale: 5 ore e 20
Difficoltà: EE

Questo il video del mio trekking e se vi piace potete iscrivervi al mio canale youtube per seguire le mie escursioni ed i miei viaggi.



7 commenti:

  1. Bello questo trekking, spero proprio di poterlo percorrerlo in primavera!

    RispondiElimina
  2. Anche a me il trekking piace moltissimo e, come sai, adoro la Liguria e le zone che hai descritto nel post. Non vedo l'ora di tornarci!

    RispondiElimina
  3. Punta Manara è favolosa e anche Moneglia mi è piaciuta molto. Io credo di aver fatto una variante di questo sentiero, perché siamo scesi giù proprio sulla punta ad arrampicare. Ecco, quel passaggio non lo consiglierei a tutti perché è molto ripido e richiede una certa sicurezza nel cammino. Magari la prossima volta faccio questo percorso che hai fatto tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sembra che ora non sia più possibile arrampicare

      Elimina
  4. Che bel giro! Leggere i tuoi post mi fa venire voglia di mettere da parte la pigrizia :)

    RispondiElimina
  5. Che bel trekking! Sto pensando di passare qualche giorno da quelle parti e mi piacerebbe inserirlo nel mio programma. Pensi sia fattibile in inverno con una bella giornata?

    RispondiElimina