giovedì 26 gennaio 2017

Viaggio fai da te #mytravelrules

In risposta al tag #mytravelrules ideato da The DAZ box racconto le mie regole di viaggio che però ogni tanto cambiano perché penso che ogni meta vada vissuta diversamente e che si debbano adeguare le proprie esigenze per godersela al meglio.

Parafrasando un celebre film prima regola non ci sono regole!
Quindi non devo per forza fare o non fare qualcosa e molto dipende se viaggio da sola, in coppia o in gruppo. Chi mi conosce sa quali viaggi preferisco e spero che anche i mie lettori lo abbiano capito.

#mytravelrules


In genere se organizzo un viaggio fai da te scelgo il volo e gli alberghi che più mi aggradano e già prima di partire sono solita pianificare l'itinerario e quello che c'è da fare/vedere ogni giorno. Lo so che molti partono e solo sul posto si organizzano ma io non riesco e perciò mi segno gli orari dei musei/attrazioni da vedere, gli orari di treni o bus se devo spostarmi ecc... Però capita che sul posto cambi programma preferendo saltare cose che non m'ispiro più o dedicare più tempo a qualcosa che ho trovato fantastico! Non sono così ligia al programma o meticolosa, in viaggio esce anche la mia parte creativa.

Parto sempre con poco bagaglio ed a volte sono stata fuori 4 notti portando solo uno zainetto. Una delle prima cosa da imparare quando si vuole viaggiare è ridurre all'essenziale ciò che vuole portare e magari lasciare posto per qualcosa da comprare in loco.
Ho pure scritto una check-list del necessario da portare in viaggio che ogni volta consulto e che chi desidera può scaricare.

Mi piace girare le città di prima mattina quando c'è poca gente in giro e sfuggire così all'orda di turisti che nelle ore centrali le affollano! Passeggiare nei centri storici quasi deserti permette di osservare gli edifici, i particolari che magari sfuggono durante il giorno ed anche di fare foto nelle quali non rimangano persone a coprire il tutto! Anni fa sono riuscita pure a fotografare la Fontana di Trevi senza nessuno vicino.

Inevitabile per me è fare una sosta al mercato per osservare i colori e profumi dei prodotti in vendita e soprattutto la gente che fa la spesa. Nei vari banchi si può acquistare cibo d'asporto e frutta e perciò risparmiare sul ristorante. Alcuni mercati sono molto caratteristici e ricordo con estremo piacere la Boqueria di Barcellona.

La Boqueria

In ogni viaggio provo la cucina locale perché non ha senso non farlo! Eppure c'è gente che mangerebbe pasta ovunque e si lamenta perché non la fanno bene. Vabbè che io sono un'italiana atipica perché non amo particolarmente la pasta e non bevo caffè perciò all'estero non ne sento la mancanza. 
In ogni caso essendo vegana non posso provare tutti i piatti tradizionali ma ogni tanto uno strappo lo faccio e mi concedo qualcosa tranne la carne!

Adoro poi provare le birre locali e confesso che in Oman proprio l'alcol mi è mancato ma rispetto le usanze/regole dei popoli perché viaggiare è anche scoprire nuove culture e tradizioni.

cucina greca
Pietanze assaggiate nel mio viaggio a Rodi

Prima di tornare a casa compro sempre qualche prodotto dell'artigianato locale se lo trovo perché con la globalizzazione a volte si vede in giro solo paccottiglia Made in Cina!! In questo senso mi aveva deluso Praga dove nelle vie del centro c'erano quasi esclusivamente negozi di souvenir. 

Uros Island
Prodotti tessili in perù

Visto che colleziono cartoline quando vado in un Paese straniero ne compro sempre qualcuna e vorrei un giorno poter averne almeno una di tutti gli Stati del mondo ma sarà dura perché ormai nessuno le invia più. Ricordo che quando ero bimba fantasticavo ogni volta che ricevevamo una cartolina e già da lì ho capito che avrei voluto viaggiare e scoprire ciò che vedevo solo in foto.

Ora dovrei nominare altre persone ed invitarli a condividere le loro abitudini di viaggio usando l'hashtag #mytravelrules ma lascio la possibilità a tutti di partecipare. 
Ricordo anche di usare la grafica che rimanda a questa simpatica catena di post che legano tanti bloggers.

mytravelrules

9 commenti:

  1. Che carino questo hashtag!
    Mi piace la tua idea di svegliarsi presto al mattino per scattare fotografie senza ammasso di turisti e per godersi al meglio un luogo, credo che rimanga di più di quel momento se vissuto più in serenità.
    Io lo avevo fatto a Parigi quando sono andata al Louvre. Non avevamo prenotato il biglietto e in vista della fila alla biglietteria abbiamo adottato questa tattica. Avevamo davanti solo 4 persone e siamo riusciti a vedere la Gioconda in condizioni tranquille :)

    RispondiElimina
  2. Carina l'idea di mettere nero su bianco le proprie regole di viaggio...se riesco partecipo anch'io! :-)

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania! Abbiamo qualche "regola" in comune, come la pianificazione dell'itinerario, la sosta ai mercati e, ovviamente, l'assaggio del cibo locale! Quello non me lo perdo mai :) Comunque sono d'accordo con te, in viaggio non ci sono regole!

    RispondiElimina
  4. Sicuramente in comune abbiamo:il non avere regole e il poco bagaglio! Tre mesi in india zaino da 40 litri! :-) e dovevano essere 5mesi!!! La prima mattina ...essendo un ghiro per me e difficile girovagare..ma amo svegliarmi per vedere l alba nei posti in cui sono ... poi pero torno a dormire! :-)

    RispondiElimina
  5. Carinissimo tag. Abbiamo molte cose in comune tra l'altro. Anche io ho smesso di portarmi dietro bagagli enormi e pieni di cose superflue, amo esplorare i sapori nei mercati e degustare birre artigianali (e portamene a casa).

    RispondiElimina
  6. Mi allineo su alcune cose, come ad esempio la pianificazione: non potrei partire senza! Però come dici tu, è possibile cambiare qualcosa in corso d'opera, eccome! In ogni caso io ho bisogno di avere sotto controllo quanto e più possibile!
    E poi adoro le cartoline! Io le spedisco ancora, perché le trovo splendide e molto caratteristiche ;-) Ma in effetti siamo rimasti in pochi a farlo.
    A presto,
    Claudia B.

    RispondiElimina
  7. Mi piacerebbe davvero fare un viaggio con te.. girare per i mercati e bere le birre locali sono due cose che anche io non mi faccio mai mancare quando viaggio. Per il resto, ahimè, io sono poco organizzata, parto molto all'avventura, spesso impreparata, per fortuna chi viaggia con me, di solito, è più attento e organizzato ;)

    RispondiElimina
  8. Interessantissimo post, abbiamo molte "regole" in comune. Ad esempio io adoro perdermi nei vicoli delle città al mattino presto :)

    RispondiElimina
  9. Abbiamo diverse regole in comune! Purtroppo non ho ancora l'abitudine fissa di uscire presto la mattina perché sono una tiratardi la sera, ma devo dire che quando lo faccio ne sono sempre entusiasta! E anche io recentemente ho fotografato la Fontana di Trevi deserta: incredibile! :D
    Chiara - www.cinunviaggionellatesta.it

    RispondiElimina