mercoledì 23 novembre 2016

Machu Picchu meraviglia del mondo

Machu Picchu è una delle sette meraviglie del mondo moderno nonché sito Patrimonio dell'UNESCO per il suo valore culturale e per l'armonia delle costruzioni con la montagna.

Avevo già scritto come sono arrivata nell'importante sito archeologico percorrendo l'Inca Trail ed ora racconto la mia visita che ho fatto quasi a conclusione delle due settimane in Perù.

Machu Picchu


Per chi volesse raggiungere in autonomia il sito consiglio di prenotare per tempo il treno che arriva sino a Machu Picchu Pueblo, il nuovo nome di Aguacalientes, partendo da Pisac o Ollantaytambo. 
Ancor più importante è acquistare il ticket per l'ingresso a Machu Picchu. I biglietti sono in vendita soltanto sul sito ufficiale e se volete salire a Wuaynapicchu o la Montaña vanno riservati almeno due mesi prima, soprattutto in alta stagione (tra maggio e settembre) perché gli ingressi sono soltanto 400 al giorno.

Il periodo migliore per visitare Machu Picchu è proprio in questi mesi perché sono i meno piovosi ma il meteo tra le alte montagne è sempre un'incognita come mi son resa conto!

Il primo giorno sono arrivata dall'Inca Trail alla Porta del Sole, Inti Punku, e sono rimasta incantata ammirando laggiù in basso il sito che sembrava piccolo ma scendendo mi sono resa conto di quanto fosse esteso e come i terrazzamenti fossero stati costruiti su tutti i lati della montagna che qui arriva ai 2.430 metri di altitudine.

machu picchu
La zona abitativa

Machu Picchu mi ha accolto con una bella e calda giornata e solo sporadiche nuvole passavano sulla mia testa e già mi pregustavo il giorno successivo quando sarei stata qui tutto il giorno. 

La mattina avevo appuntamento con la guida alle 6 ma già alle 4 e 40 ero in coda per prendere il bus che porta dalla valle al sito, le prime corse partono già alle 5 e 20. Il biglietto è bene acquistarlo la sera prima muniti di passaporto.

Il cielo era plumbeo ma durante le due ore di tour guidato è iniziata a cadere solo una leggera pioggerellina.
Il sito è tanto grande che la guida ci ha illustrato solo una minima parte delle tante curiosità su questo luogo che rimane per tanti aspetti misterioso, non si sa neppure di preciso quale fosse la sua funzione.
Alle 8 già la pioggia era aumentata in maniera considerevole e lì ci sono ben pochi ripari se non alcune costruzioni alle quali è stato rifatto il tetto in paglia per fare vedere come dovevano essere nel periodo Inca.

wayna picchu
Il sito e sullo sfondo Wayna Picchu

Machu Picchu, che significa in lingua quechua vecchia montagna, è una città abbastanza recente risalente al 1440 ed abitata sino all'arrivo degli Spagnoli nel 1532 ma rimase nascosta finché non fu riscoperta dallo storico Bingham nel 1911.

Strappata alle erbacce che l'avevano ricoperta in gran parte ora si presenta come un grandioso sito suddiviso in zone dalle caratteristiche differenti.
Ci si può domandare perché fu costruita proprio qui in una zona all'epoca raggiungibile solo dopo giorni di cammino e questa potrebbe essere la ragione ma anche per il suo microclima che consentiva di coltivare qualsiasi cosa.

Molto ampia è la zona rurale con i terrazzamenti nei quali coltivavano tantissimi tipi di cereali ed ortaggi e che venivano irrigati grazie ad un sistema idrico che allo stesso tempo impediva il ristagno dell'acqua piovana.

Con tutta l'acqua caduta durante la mia visita da nessuna parte c'erano pozzanghere o peggio rigagnoli d'acqua perché l'acqua era convogliata nei canali di scolo in pietra che vanno a valle! 
Quanto avremo da imparare da questo antico popolo!
Oltre che osservare le costruzioni nell'insieme mi sono soffermata a guardare i muri fatti con pietre di diverse grandezze e le scalinate in pietra perfette e per nulla scivolose.

machu picchu
L'osservatorio astronomico

La parte centrale è occupata da una piazza con attorno edifici usati come abitazione ma anche molti templi ed in alto si può vedere l'osservatorio astronomico.

Più in alto a sinistra c'è la casa del guardiano che sembra vegliare su ogni cosa e vicino il cimitero che fu, nemmeno a dirsi, depredato.

machu picchu
Dettaglio dei muri

Grazie alla mappa fornita all'ingresso ci si orienta bene nel sito e ci si può soffermare nei punti più importanti e volendo anche spingersi verso il ponte Inka che si può vedere da una porticina. In questo tratto di sentiero ci si rende conto di come fossero capaci nel costruire perché la parete della montagna è davvero scoscesa.

ponte inka
Il ponte Inka

Alle due del pomeriggio ero zuppa nonostante la mantella da pioggia e visto che la nebbia ormai copriva tutto il sito e non si vedeva a 50 metri di distanza me ne sono tornata a valle comunque piena di adrenalina ed entusiasta della visita.
Il popolo Inca mi ha sempre affascinata ed aver finalmente messo piede sul loro sito più importante è stato fantastico!

machu picchu
Sale la nebbia

Non è comunque escluso che tra queste montagne dove ci sono zone inesplorate ci possano essere altri siti importanti, alcuni piccoli già sono stati ritrovati. La difficoltà del'esplorazione è data dalla fitta foresta che ricopre le alte vette e dalla presenza di animali come puma e serpenti.
In fondo assieme al condor erano per gli Incas gli animali che rappresentavano i tre regni!

14 commenti:

  1. Una descrizione accurata e con degli ottimi consigli per organizzarsi al meglio!!! Il Perù deve essere una terra ricca di cose da scoprire!!!

    RispondiElimina
  2. Deve essere un posto incantato il Perù. Qualche anno fa visitai il Messico e deve esserci la stessa atmosfera magica e incontaminata con le tracce ancora forti di storia e tradizione dei popoli precolombiani. Un giorno ci andrò, grazie delle indicazioni Stefania!

    RispondiElimina
  3. Uno dei posti che prima o poi nella vita dovrò visitare assieme alle rovine Maya in Messico. Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Uno dei luoghi che ho inserito nella mia wishlist anni fa, chissà che prima o poi non riesca ad andarci seguendo i tuoi post!

    RispondiElimina
  5. Mamma mia, il sito di Machu Picchu lo sogno da tantissimi anni, non hai idea di quanto mi piacerebbe andarci! Ci credo che tu sia rimasta entusiasta, un posto del genere deve essere incredibile anche sotto la pioggia :)

    RispondiElimina
  6. Bellissimo un posto incantato. Anche noi lo abbiamo visitato in questo periodo dell' anno e anche noi pioggia e nebbia :(

    RispondiElimina
  7. Altro articolo da mettere nei preferiti. Non vedo l'ora di organizzare questo viaggio ;)

    RispondiElimina
  8. Titolo azzeccatissimo, è proprio una meraviglia del mondo.
    Mi piacerebbe avere la possibilità di visitarlo in futuro.

    RispondiElimina
  9. bellissimo e interessante articolo. E' uno dei miei sogni nel cassetto visitare questi luoghi

    RispondiElimina
  10. Non sono mai uscita dall'Europa, ma quando vedo le foto di posti meravigliosi come questo vorrei subito organizzare un viaggio e partire per visitarlo però con molta calma. Sei davvero fortunata!

    RispondiElimina
  11. Bellissimo, grazie per le info :)

    RispondiElimina
  12. Il Machu Picchu dev'essere un luogo che ti scolvolge dalla bellezza. Il Perù ha tanto da raccontare e tu ne hai parlato dettagliatamente. C'è tutto quel che serve per aiutare ad organizzare un viaggio :)

    RispondiElimina
  13. Bellissimo! Credo che solo questo, ne vale il viaggio! Ci sono stati anche i miei genitori 2 anni fa e ne sono tornati davvero incantati! Spero un giorno di poterci andare anche io, l'unico mio problema è che soffro di vertigini!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se soffri di vertigini puoi andare tranquillamente. Il sito non ha tratti esposti, cosa diversa se volessi salire su Wayna Picchu

      Elimina