martedì 15 marzo 2016

Viaggio da sola perché

Ci sono tante persone che viaggiano sole per motivi diversi ma quando lo fa una donna molto spesso viene tacciata di essere un'irresponsabile che non pensa alla propria sicurezza. Ma non diciamo fesserie! Tra uomini e donne non devono essere differenze o disparità di trattamento, non pensiamo alla cronaca nera che vede vittime soprattutto donne, pensiamo positivo.

Viaggiare è una cosa meravigliosa.

Possiamo conoscere il mondo, vedere luoghi stupendi, aprirci a nuove culture, conoscere la gastronomia di altri Paesi e perché no incontrare tante persone che possono arricchirci.


Perché scelgo di viaggiare da sola? Domanda che necessita di una lunga disamina che mi fa riflettere sulla mia vita in generale. Non sono molto propensa a raccontare online i fatti miei ma avere un blog alla fine porta a fare storytelling.

Da piccola non ho praticamente mai viaggiato ed invidio chi ha avuto genitori giramondo.
Col passare degli anni ho frequentato sempre persone per nulla interessate ai viaggi e mi sono un po' adagiata a questo modo di pensare, accontentandomi di vedere il mondo attraverso gli occhi dei documentaristi oppure seguendo i programmi televisivi sui viaggi.
Con l'arrivo di Internet ho iniziato ad avere un approccio diverso ed a fare i primi viaggi proprio da sola.
Il mio primo viaggio in solitaria sono stati 5 giorni a Roma e poi da lì non mi sono più fermata.
Non ho però l'ansia di cercare continuamente offerte allettanti ma preferisco fare pochi viaggi in mete che penso possano incontrare i miei gusti.

Non ho problemi a prenotare voli e soggiorni oppure ad organizzare escursioni per quando sono in loco.
Proprio i blog sono mia fonte d'ispirazione ma anche le pagine di Facebook che parlano di viaggi, i resoconti di chi c'è stato mi forniscono indicazioni su cosa vale la pena vedere.
Solo sui ristoranti mi trovo ancora in difficoltà e capita che finisca di mangiare in locali che non meritano, ma questo non ho letto in anticipo le recensioni!

Proprio l'altro giorno un mio collega mi ha detto che invece che pensare ai viaggi dovrei uscire di più quando sono a casa e frequentare più gente, non ha tutti i torti ma dovete sapere che sono veramente felice quando sono lontana da casa!

Ritornando ai miei viaggi in solitaria non è che se viaggio sola sia solitaria perché mi piace conoscere nuova gente, anche se ho un carattere molto riservato, e stranamente lo faccio più in vacanza che quando sono a casa!

Nei periodi nei quali ho avuto un compagno viaggiavo ugualmente da sola, tranne qualche occasione nelle quali lo convincevo ad accompagnarmi, ed ho capito il motivo che mi spingeva a prenotare senza neppure dirglielo.

Mi piace davvero viaggiare sola, mi sento libera, non ho la preoccupazione che chi mi accompagna rimanga deluso da qualcosa o trovi da ridire sulla mia organizzazione.

E lo stesso desiderio di libertà lo avverto a casa, nessuna costrizione, nessun legame, nessun obbligo tranne quello lavorativo, ma il lavoro è necessario per avere soldi per le necessità quotidiane e soprattutto per i viaggi!

Amo la mia libertà ed indipendenza nessuno mi può dire che viaggiare da sola non va bene!

Non ho paura a viaggiare sola ma non sono imprudente, non mi sento sola nel girare le città e neppure sui sentieri di trekking.
Un tempo detestavo mangiare sola al ristorante, ora lo faccio senza problemi e piuttosto che chiacchierare con un commensale leggo sul mio ereader o navigo con lo smartphone, il tempo così vola. Può sembrare un po' triste ma quello che conta è gustarsi il cibo e stare bene con se stessi.

I miei viaggi per ora sono stati a breve raggio, mi sono rimaste ancora un po' di remore nel viaggiare sola per tante settimane ma andare con un gruppo di sconosciuti può essere stimolante oppure noioso. Tutto dipende da chi siano i nostri compagni di viaggio e se riusciamo ad avere un certo feeling con essi.

Ora sono ad un bivio: viaggiare sempre da sola o optare per viaggi organizzati per viaggi di settimane lontano da casa?

12 commenti:

  1. Ciao, come ti capisco. Io ho un compagno che ama viaggiare, ma che non vuole prendere l'aereo. Per questo motivo sto seriamente pensando di fare qualche piccolo viaggetto da sola, guardando le offerte e iniziando con mete vicine. Credo che viaggiare soli non sia affatto uno svantaggio! (P.S.: sono Bae81 di Ciao.it, a presto!).

    RispondiElimina
  2. Sì vai :) Dalla tua città poi partono tanti voli low cost. Ti consiglio Praga e Lisbona tra le mete abbastanza vicine che mi sono piaciute maggiormente.

    RispondiElimina
  3. Anch'io sono una viaggiatrice solitaria. Per allacciarmi a quello che ha detto il tuo collega, secondo me ognuno deve fare ciò che rende felici, senza badare alle costrizioni sociali. Non è facile, ti capisco, però anch'io preferisco andare fuori e scoprire nuovi posti piuttosto che uscire perché "è sabato sera, mica posso stare a casa". Ciao, un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Ciao Stefania, quanto è bello questo post. Complimenti...racconti di te e racconti soprattutto una grande verità. Viaggiare da soli è bello, non c'è nulla di male nel farlo. Io non ho mai viaggiato da sola perché non c'è mai stata l'occasione (a parte la vacanza studio a 15 anni in Inghilterra) e perché per fortuna mio marito da undici anni condivide con me questa passione. Però mi piacerebbe provarla quest'esperienza...per mettermi alla prova!!! Un abbraccio!!! Carmen

    RispondiElimina
  5. Io mi alzo in piedi Stefania e ti applaudo! Un post bellissimo, una riflessione profonda e ben argomentata...e io sono con te dall'inizio alla fine. Non sono invece dalla parte del tuo collega che ti dice di uscire di più quando sei qui, invece di viaggiare (scusa collega di Stefania, ma questa è una cavolata!), perché non è detto che imporsi l'uscita o il divertimento forzato, siano la soluzione migliore.
    Guarda, io ho smesso da anni di fare uscite doverose, di avere rapporti doverosi, pranzi doverosi, cene doverose. Ogni soldino che risparmio, lo spendo nei viaggi e nella moto (dato che io e mio marito siamo anche motociclisti e, capirai, non è una passione economica come non lo è viaggiare). I momenti liberi li uso per scappare da qualche parte, invece che in un pranzo di famiglia "dovuto".
    La verità è che ognuno di noi trova la felicità e la serenità in modo diverso. Per me il massimo della felicità non è andare a prendere un aperitivo, per me è risparmiare su 50 aperitivi e permettermi un viaggio di 5 giorni a capodanno. Non me ne frega nulla del capo firmato, quando sono qui con i miei biglietti aerei...che ogni tanto vado a vedere per essere sicura di non aver sognato!
    E tu Stefania sei una grande donna, che dimostra con carattere e scelte decise, di non aver bisogno del permesso per Vivere! E ben venga!
    PS: Pranzare in compagnia dell'e-reader è una delle cose più belle che si possa fare :-)
    Claudia B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure a me importa delle cose materiali.. per me i soldi ben spesi sono quelli per i viaggi!!!

      Elimina
  6. In passato ho provato l'esperienza di viaggiare da sola e devo essere sincera sono state esperienze che mi hanno aperto la mente e cambiato il moto di vedere le cose... Ora con l'età e con gli acciacchi mentali che mi posto appresso sono diventata dipendente dal mio compagno d'avventura (poveraccio meriterebbe un oscar solo per la sopportazione!!)

    RispondiElimina
  7. Bellissimo! Ti conosco un po' meglio con questo racconto di te...e non potrei essere più d'accordo. Chi ti dice che non va bene viaggiare da sola, probabilmente non l' ha mai fatto e non ne avrebbe il coraggio. Anche io, come te, mi sento libera quando viaggio...a casa mi sento in catene, sento di non poter essere davvero io perché la gente non capirebbe visto che la maggior parte non sa quale sia il mio vero io ( a parte pochi affezionati :-)) e quindi spesso mi accorgo di avere paure inutili, mi accorgo di dare importanza a cose di cui mi importa poco, semplicemente perché anche se io sono andata avanti, tutto a casa sembra essere fermo...nel senso tutti si evolvono e crescono, ma su certe cose pare che non si riesca a guradare aldilà del proprio naso...e quindi rimango imprigionata in una routine che non mi piace piu. Sei una grande! E non fa triste vedere una donna mangiare da sola, fa solo FIGO! Perché se uno ha imparato a stare bene con se stesso,come dici tu, a quel punto sta bene in compagnia degli altri, ma anche solo con i suoi pensieri! E chi ti dice cosa devi fare, quelli sono "gli splendidi"..non si esce per forza ne si fa festa per forza..e non c'è niente di male Nel voler stare tranquilli! Chi giudica di solito non tenta di capire e pensa di avere lo scettro della verità assoluta! Beati loro! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco tante persone che neppure vanno al cinema da sole, figuriamoci in viaggio!!

      Elimina
  8. Ciao Stefania, devo ammettere che io non ho mai viaggiato da sola perché il mio ragazzo per fortuna condivide con me questa passione, però apprezzo chi si mette in gioco e lo fa anche partendo in solitaria, brava!
    Ps: anche se ho letto l'aggiornamento che ora hai trovato anche tu qualcuno con cui condividere le tue esperienze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ho un fidanzato che ama viaggiare ma ogni tanto vado ancora da sola quando lui non può.

      Elimina
  9. Bel post Stefania. Complimenti! Bello leggere di te e della tua idea di viaggiare. Da soli, in coppia, in gruppo... come dici tu le opinioni variano molto in.base alla.vita che si conduce e al carattere. Tu sei timida ma nn hai problemi a relazionarti con chi non conosci. Io sono timida, ma da sola mi annoierei 😉
    Ps. Concordo pienamente con te sul concetto che è meglio fare qualche viaggio in meno ma visitare posti che ci piacciono.

    RispondiElimina