giovedì 18 giugno 2015

La costiera amalfitana

La costiera amalfitana fa parte dei Siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO per la sua bellezza, la naturale diversità e per l'architettura e le opere d'arte presenti nei vari borghi.

Le bellezze naturali si apprezzano maggiormente arrivando via mare perché si riesce a vedere le ripide scogliere, i piccoli paesi abbarbicati sotto le montagne che incombono su di essi e le profonde gole simili a fiordi che caratterizzano un lungo tratto.

La tipicità del luogo è rappresentata anche da scogli e piccoli isolotti che affiorano dalle acque poco distanti dalla costa ed andando verso il limite meridionale da scenari meno brulli.

Ogni angolo della Costiera Amalfitana è ricco di fascino e va scoperto via mare, facendo trekking nei tanti sentieri e visitando ogni paese per scoprire la sua tipicità, non si trova un borgo uguale ad un altro!

Positano
Positano

Per apprezzare al meglio la Costiera Amalfitana un giorno non è certo sufficienti, altrimenti si finisce di fare come molti che vedono le cose più turistiche senza cogliere l'essenza di ciò che stanno visitando.
In questo mio post trovate solo alcune indicazioni di massima sulle cose da non perdere.

Positano con le casette bianche ed i tanti fiori è il simbolo della costiera spensierata, come non perdersi tra i suoi vicoli curiosando nei negozi di abbigliamenti memori che qui è la patria della Moda Mare.
Dopo la visita alla Chiesa di Santa Maria immancabile è una passeggiata lungomare fino ad arrivare alla spiaggia di Fornillo passando accanto ad antiche torri saraceni.
Splendido mare e splendido panorama.
Osservate bene la cupola del duomo perché le stesse ceramiche multicolore prodotte a Vietri le ritroverete in tutti gli altri paesi.

Positano
Spiaggia di Fornillo

Centro della costiera è Amalfi, l'antica colonia romana poi diventata una delle potenti Repubbliche Marinare che contendeva a città molto più grandi le rotte commerciali nel mediterraneo.
Molti sono i ricordi del suo glorioso passato: gli arsenali, il Museo della Carta nella Valle dei Mulini e lo splendido Duomo in stile arabo normanno con una meravigliosa cripta.
Perdersi nei suoi vicoli e nei claustrofobici sottoportici fa tornare indietro nel tempo.

Amalfi
Il duomo di Amalfi

Maiori e Minori sono due borghi all'apparenza più moderni e dissimili dagli altri ma entrando nella parte antica si ritrovano le architettura della costiera.
Da visitare il Castello di San Nicola, sulla collina, e la cripta e la Collegiata di Santa Maria a Maiori.

Maiori
Decoro sul pavimento della cripta della chiesa di Maiori

A Minori il duomo e la Villa Romana risalente al I secolo.

Minori
Porticato della Villa romana di Minori

Ricca di fascino la piccola Atrani con una bella piazzetta sulla quale si affaccia la chiesa di San Salvatore. Nella patria di Masaniello si può visitare anche la Chiesa di Santa Maria Maddalena dalla quale si ha una vista stupenda sulla costiera.

Atrani
Atrani

Più piccolo il borgo costiero di Praiano da dove parte il sentiero degli Dei che offre uno straordinario percorso con panorami mozzafiato.

Costiera amalfitana

Cetara è un antico borgo di pescatori dove viene mantenuta la tradizione delle acciughe sotto sale mentre Furore è celebre per il suo profondo fiordo.
A Conca dei Marini merita la visita la grotta Smeraldo che risplende di un bell'azzurro.

In costiera amalfitana ci sono tanti piccoli paesi sulla collina come la splendida Ravello animata da molte manifestazioni culturali e nella quale si possono visitare diverse ville con curatissimi giardini.
A Scala, uno dei borghi più antichi, è imperdibile il percorso natura nel Vallone delle Ferriere in mezzo alla rigogliosa vegetazione.
In mezzo alla natura è anche Tramonti dove si possono vedere i tipici terrazzamenti della costiera sui quali sono coltivati limoni ed ulivi oltre a vigneti.

Costiera amalfitana
Terrazzamenti in costiera

Tutta la costiera è piena di coltivazioni e oltre la vista viene appagato l'olfatto dagli aromi che si sprigionano dai limoni, dal basilico, dalle spezie o dalle tante erbe aromatiche.

Nessun commento:

Lascia un commento