lunedì 13 ottobre 2014

Sabbioneta: la visita guidata

Dopo aver presentato Sabbioneta oggi racconto la visita guidata della durata di 1 ora e 30 che comprende l'ingresso ai principali monumenti della città. 
Al mattino le visite sono alle ore 10 ed alle ore 11.30, per informazioni contattare l'ufficio del turismo. http://www.iatsabbioneta.org

Si inizia visitando Palazzo Giardino ed ammirando una serie di sale che conservano ancora parte degli affreschi di Bernardino Campi, ricchi si simbologia, e bellissimi stucchi di gusto manierista.

Palazzo Giardino


Questo palazzo era il luogo scelto dal Duca per riposare e dedicarsi allo studio ma non manca un grande salone per le feste, la Sala degli Sposi. Caratteristico il Camerino delle Grazie decorato dal Fornarino. E' proprio un piacere soffermarsi ad ammirare queste decorazioni soprattutto se si è accompagnati da una guida che illustra il loro significato e che racconta dove si possono ritrovare in altri palazzi mantovani.

Affresco a Palazzo Giardino


Affresco di Palazzo Giardino


Una delle bellezze di questo edificio è la Galleria degli Antichi, un lungo corridoio che Vespasiano Gonzaga in pratica utilizzava per esporre trofei di caccia, statue ed oggetti d'arte della sua ricca collezione. I marmi sono ora esposti a Mantova a Palazzo Ducale e Palazzo San Sebastiano.
Una delle particolarità del corridoio è che le colonne affrescate alle due estremità siano in prospettiva. Anche se non ci sono più oggetti da ammirare si possono osservare gli affreschi, uno nella parte centrale raffigura una donna seduta e le sue ginocchia sembra che si spostino da destra a sinistra a seconda da come la si guardi.

Galleria degli Antichi

La seconda tappa della visita guidata è al Teatro all'Antica, che è il primo esempio di teatro stabile costruito solo per rappresentare opere. Fu progettato da Vincenzo Scamozzi tra il 1588 ed il 1590 ed all'esterno reca la scritta latina ROMA QVANTA FVIT IPSA RVINA DOCET, un epigrafe quanto mai profetica sulle sorti della città. Sul palcoscenico c'è una scena fissa, costruita nel '900, ma bisogna pensare all'originale ma soprattutto al soffitto di cannicci con la rappresentazione di un cielo stellato.
La bellezza del teatro è il loggiato che s'innalza dalle gradinate. Si possono vedere 12 colonne in stile corinzio sopra le quali sono poste statue di divinità. Sul fondo ci sono tre statue romane e quella centrale raffigura l'imperatore Vespasiano... proprio dietro al porto riservato allo stesso Vespasiano Gonzaga!
Io l'ho trovato molto bello e particolare ma nello stesso tempo sembra eccessivo questo sfarzo autoreferenziale voluto da Vespasiano.

Teatro all'Antica


Teatro all'Antica
Affresco che raffigura l'imperatore Vespasiano

Curioso l'affresco che raffigura un cerusico che aveva operato Vespasiano al cervello per lenire i mali della sifilide, malattia che lo colpì in giovane età.

Cerusico nel Teatro all'Antica
Affresco col cerusico che aveva operato Vespasiano al cervello
Spostandosi poco più avanti si arriva al Palazzo Ducale, residenza del Duca e sede amministrativa e politica. Costruito su due piani ha un porticato con 5 aperture. Dall'androne, dove c'è una copia della statua di Vespasiano, si scende a destra in alcune sale con soffitti lignei dorati e si può vedere nella Sala del duca d'Alba un grande camino in marmo rosa di Verona. Nella Saletta dei dardi si può vedere sul soffitto lo stemma del ducato con il Toson d'Oro, l'onorificenza ricevuta da Vespasiano.

Palazzo Ducale Sabbioneta

Statua Vespasiano nel Palazzo Ducale

Salendo al primo piano si entra nella Sala delle Aquile dove si trovano alcune statue equestri in legno che raffigurano gli ascendenti di Vespasiano, che si trova al centro. Purtroppo i colori delle statue non sono quelli originali.
Si passa poi in diverse sale una delle quali ha un bellissimo soffitto in noce ed un altro di pregiato cedro. Anche queste sale si ritrovano stemmi del casato e riferimenti alla vita di Vespasiano ed ai suoi viaggi. Proprio i bellissimi soffitti intarsiati sono la bellezza di queste sale altrimenti spoglie.

Toson d'Oro
Il Toson d'Oro raffigurato sul soffitto

Stemma di Vespasiano Gonzaga Colonna
Stemma di Vespasiano Gonzaga Colonna

Uscendo si può ammirare la grande Piazza Ducale sulla quale si affaccia la Chiesa dell'Assunta, aperta al pomeriggio solo nel pomeriggio, con la sua bella facciata bicromatica.
Sinceramente la piazza non è niente di particolare rispetto al resto che ho visto durante la visita.

Piazza Ducale Sabbioneta

Poco più avanti si trova la Sinagoga, che dall'esterno sembra un edificio parecchio decadente. 
All'interno si può visitare una sala che ripercorre la storia degli ebrei a Sabbioneta dove avevano un ruolo importante come stampatori. La sala delle cerimonie presenta un Aròn delimitato da due colonne con capitelli corinzi. Rivolgendo lo sguardo verso l'ingresso si può vedere in alto il matroneo. Le pareti rifinite a stucco che dà l'impressione di essere marmo. Pure bello il soffitto che sembra ricoperto da un telo.

Sinagoga Sabbioneta
L'edificio che ospita la Sinagoga con un porticato al piano stradale

Aron sinagoga Sabbioneta


Ho trovato molto istruttiva la visita guidata che permette di conoscere aneddoti su Vespasiano, la sua casata e su questi bei monumenti che impreziosiscono Sabbioneta che non per niente è stata inserita tra i siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. Perciò se avete in programma un viaggetto da queste parti non esitate a prenotare la visita con una delle brave guide.


Nessun commento:

Lascia un commento