martedì 24 giugno 2014

Salita al Pizzo d'Uccello

Il Pizzo d'Uccello viene giustamente chiamato il Cervino delle Alpi Apuane per la sua forma che ricorda una piramide e per il fatto che la sua conformazione rocciosa ricorda quella delle montagne alpine. La sua parete nord, verticale per quasi 800 metri, è impressionante!

Non è la vetta più alta delle Apuane eppure è scalata da molti che si cimentano nella salita per la via normale che è una sorta di battesimo dell'alpinista, sebbene non sia eccessivamente difficile presenta alcuni passaggi impegnativi.

Da tempo anche noi volevamo arrivare in vetta ma abbiamo scelto una giornata non ideale perché la nebbia ha accompagnato tutta la nostra escursione privandoci della bellezza dei panorami mozzafiato che si vedono durante l'ascesa e dalla vetta.

La vetta del Pizzo d'Uccello
La vetta vista dal Monte Grondilice

Itinerario per salire al Pizzo d'Uccello


Itinerario: Rifugio Donegani - sentiero 37 - sentiero 181 - via di vetta -  deviazione sentiero 37
Tempo totale: 4 ore
Dislivello: da 1150 a 1781 metri
Difficoltà: EE + passaggi 1°

La salita al Pizzo d'Uccello inizia dal Rifugio Donegani, in Val Serenaia, raggiungibile da Minucciano in breve tempo. La valle circondata dalle alte vette delle Apuane è splendida in questa stagione, peccato per le cave che deturpano parte del panorama!

Parcheggiata l'auto, si prende il sentiero 37 che sale sulla sinistra incontrando quasi subito la marmifera, che si segue per un breve tratto, per poi salire sulla destra, seguendo le indicazioni per Foce di Giovo, costeggiando le cave e passando vicino a diversi casotti usati un tempo dai cavatori.

Le cave di marmo della Val Serenaia
Le cave di marmo che deturpano la Val Serenaia


Il sentiero s'inerpica sempre più e subito s'incontra un tratto di qualche metri attrezzato con cavo metallico ma non esposto. Ad un certo punto s'incontra un bivio ma la scorciatoia di destra la prenderemo al ritorno e così proseguiamo nella faggeta lungo un sentiero che diventa sempre più largo e la frescura fa piacere in questa giornata nuvolosa ma calda.


Dopo 1 ora 10 dalla partenza siamo arrivati a Foce di Giovo (1500 metri), una prateria erbosa crocevia di molti sentieri, ma purtroppo la nebbia non lascia tregua e non vediamo il panorama sul Golfo né quello delle montagne.

Vista della Val Serenaia
Vista della vallata

Procediamo così lungo il sentiero 181, quasi pianeggiante, fino ad arrivare al Giovetto (1497 metri) altro crocevia di sentieri.
Da qui lasciamo il tracciato abbastanza ,percorso finora, e seguiamo le indicazioni per la vetta.

Si può notare il cambiamento dell'ambiente montano, prima i faggi crescevano alti ora se ne vedono solo alcuni isolati che mi ricordano i bonsai per la loro forma tozza. Da qui in poi l'ambiente sarà prevalentemente roccioso con solo alcuni ciuffi d'erba sparsi qua e là.

Alberi sul Pizzo d'Uccello
Gli ultimi alberi prima della via di vetta

Fiorellini sul Pizzo d'Uccello
Fiorellini tipici delle Apuane

Subito s'incontra un passaggio stretto tra le rocce verticali ma gli appigli sono buoni e si supera con un po' di attenzione, questo è un passaggio di 1° superiore. Tutta la salita è ben segnalata in rosso ma ci sono alcuni passaggi difficili nei quali si deve trovare appigli saldi per mani e piedi stando attenti a non smuovere pietre. Non c'è però mai un'eccessiva esposizione ma comunque ci vuole rispetto per la montagna, attenzione e conoscenza dei propri limiti. In alcuni passaggi si aggirano roccette o si salgono canali e proprio in uno di questi durante la salita un sasso si è staccato dall'alto e poteva essere un pericolo, difficile evitarlo in spazi così ristretti, ma per fortuna mi è passato a 10 centimetri dalle gambe!
Fanno bene gli esperti scalatori ad usare sempre il caschetto!!

Scorcio mentre si sale sul Pizzo d'Uccello
Veduta panoramica in un passaggio tra le rocce

Conformazioni rocciose sul Pizzo d'Uccello
Curiose conformazioni rocciose

Superato l'ultimo pendio si arriva in vetta, segnata da una scritta sulle rocce, la firma al libro di vetta è d'obbligo. Sono passate 2 ore e 20 dalla partenza.
La nebbia non ci lascia, anzi sembra aumentare, e perciò riscendiamo.

Vetta del Pizzo d'Uccello

Essendo la mia prima ascesa di questo tipo avevo timore della discesa ma con molta cautela ho trovato appigli solidi. Sono nella parte finale abbiamo sbagliato tracciato ma, grazie agli scalini naturali che offre questa roccia grigia calcarea, siamo discesi senza passare nel solco verticale che non ci piaceva molto per l'esposizione sulla destra.

Dal Giovetto abbiamo così seguito la scorciatoia per il Rifugio Donegani che attraverso una faggeta porta a ricongiungersi col sentiero 37 fatto all'andata.

Sentiero di discesa dal pizzo d'Uccello
Il sentiero che scende verso il 37

Il Pizzo d'Uccello è una montagna molto bella e rocciosa e l'ascesa va fatta consapevole dell'ambiente in cui ci si trova. Purtroppo non ho più avuto occasione di salire ma vorrei andare in una bella giornata di sole per godere del panorama che le vette delle Apuane offrono.

Nessun commento:

Lascia un commento